Sardegna
Revisori legali e Entrate insieme per un fisco facile e veloce
A vigilare sulla corretta applicazione del protocollo d’intesa un Osservatorio regionale
Revisori legali e Entrate insieme per un fisco facile e veloce


Accesso ai servizi di assistenza ancora più semplice, maggiore impiego dei canali di comunicazione telematica, riduzione dei tempi di attesa allo sportello: con questi impegni si allarga la rete degli amici del Fisco in Sardegna, grazie all’accordo siglato oggi dal Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Rotondo, e dal Delegato regionale dell’Istituto Nazionale Revisori Legali, Adriano Siuni, che attua nell’isola l’accordo quadro stipulato a livello nazionale.

Una collaborazione a favore dei cittadini - Registrazione dei contratti di locazione, duplicati della tessera sanitaria e codice fiscale, rilascio e cessazione di partita Iva, persino le comunicazioni di irregolarità, avvisi telematici e cartelle: grazie allo sviluppo dei canali telematici dell’Agenzia, i servizi più richiesti possono essere erogati in tempo reale senza che i contribuenti e i consulenti debbano recarsi in un ufficio, beneficiando così di un significativo risparmio di tempo e di costi di spostamento. Per questo motivo l’Istituto nazionale dei revisori legali promuoverà al suo interno l’utilizzo del canale telematico e del contatto telefonico con i Centri di Assistenza Multicanale in luogo dell’accesso fisico presso gli sportelli dell’Agenzia, attraverso iniziative di informazione, convegni e seminari e chiedendo ai propri iscritti di utilizzare la posta elettronica certificata, il canale CIVIS (lo strumento per gestire direttamente online comunicazioni di irregolarità, avvisi telematici e cartelle di pagamento) e gli altri canali telematici.

L’impegno dell’Agenzia - Le Entrate, dal canto loro, garantiranno una risposta rapida, al massimo entro dieci giorni lavorativi, alle richieste di assistenza inviate telematicamente (in particolare sulle comunicazioni emesse in seguito al controllo automatico ex articoli 36/bis e 54/bis). Per le tipologie di assistenza non disponibili tramite canale telematico, l’Agenzia delle Entrate fornirà ai revisori legali una corsia prioritaria di assistenza presso gli uffici territoriali grazie alla possibilità di prenotare un appuntamento tramite il canale riservato “Cup convenzioni”, accessibile da Entratel.

L'Osservatorio regionale - A vigilare sul funzionamento del protocollo di intesa ci penserà un Osservatorio regionale, che avrà il compito di monitorare il rispetto degli impegni assunti, verificare che il canale telematico sia effettivamente privilegiato, valutare le eventuali problematiche sorte nell'erogazione dei servizi fiscali, individuare le relative soluzioni e proporre interventi correttivi all'Osservatorio nazionale.

I commenti - «La formalizzazione di questo accordo – ha detto il Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Rotondo – proprio durante la campagna dichiarativa con il modello precompilato 2017 è il segno dell’attenzione che l’Agenzia delle Entrate pone per la semplificazione degli adempimenti a favore dei contribuenti e per lo snellimento del lavoro dei professionisti, che così potranno offrire un servizio migliore ai loro clienti». Il delegato regionale dell’Inrl, Adriano Siuni, concorda: «Il protocollo d’intesa sottoscritto oggi faciliterà il lavoro di noi revisori legali, rappresentando un ulteriore tassello sulla strada di una preziosa ed efficace collaborazione con un soggetto istituzionale così importante».
pubblicato Giovedì 15 Giugno 2017

I più letti

Il rinvio della pubblicazione prevista per venerdì scorso è stato reso noto, nello stesso giorno, dal dipartimento delle Finanze del Mef sul proprio sito internet con un comunicato
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Irrilevante che il Fisco non abbia esercitato i poteri di controllo sull’esistenza del credito esposto in dichiarazione e sull’esistenza delle operazioni imponibili da cui esso è derivato
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino