Trento
Fisco e Scuola, rinnovata l’Intesa con la Provincia Autonoma di Trento
Firmato il protocollo per la collaborazione sul fronte della formazione degli studenti
testo alternativo per immagine
Diffondere la cultura contributiva, intesa come "educazione" alla concreta partecipazione dei cittadini alla realizzazione e al funzionamento dei servizi pubblici.
E' questo il senso dell’accordo che porta la firma del Presidente Ugo Rossi, anche nella sua veste di Assessore all'Istruzione, e del Direttore provinciale delle Entrate di Trento, Vincenzo Giunta.
 
"Abbiamo ottime relazioni con la Provincia autonoma - ha detto il direttore Giunta - e questo progetto è il nostro fiore all'occhiello. Crediamo molto nel rapporto con la scuola e abbiamo già avuto riscontri positivi. Gli studenti capiscono subito che se nessuno paga le tasse allora la loro scuola chi la paga? Il messaggio per cui le tasse servono a finanziare i servizi collettivi viene da loro immediatamente compreso e, abbiamo avuto modo di verificare, tradotto in pratica, fin dalla richiesta a chi non lo facesse di rilasciare lo scontrino fiscale all'acquisto della merenda".
 
"I ragazzi ci chiedono una scuola che sia più 'in presa diretta' con la realtà - ha aggiunto Rossi - e un progetto come questo lo è davvero, sotto un duplice punto di vista: sociale, perché pagare le tasse porta ricadute positive a tutti, e educativo. Ciò a maggior ragione in una Provincia a Statuto speciale come la nostra, che si sostiene con le entrate che essa stessa genera. Ciò che la delega del Governo alla Provincia in materia prefigura, ovvero un fisco più vicino alla società, ai cittadini, questo Protocollo di fatto lo anticipa. Per questo continueremo a sostenerlo con convinzione".
pubblicato Giovedì 19 Giugno 2014

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino