Valle d'Aosta
Aosta: si rafforza la collaborazione fra Entrate, Gdf e Procura
Firmato l'accordo: una sinergia fra istituzioni indispensabile per rendere efficaci tutti i controlli
Aosta: si rafforza la collaborazione fra Entrate, Gdf e Procura
Questa mattina, nella sede valdostana dell’Agenzia delle Entrate, il Direttore regionale dell’Agenzia, Maria Letizia Schillaci Ventura, il Procuratore Capo di Aosta, Paolo Fortuna, e il Comandante Regionale della Guardia di Finanza, Generale di Brigata Raffaele Ditroia, hanno firmato un accordo di collaborazione finalizzato a garantire una maggiore sinergia tra l’azione amministrativa di contrasto alle violazioni tributarie e il procedimento penale.
 
L'accordo - Le istituzioni firmatarie ritengono indispensabile la collaborazione per rendere efficaci tutti i controlli, con elevato rischio fiscale, capaci di presentare condotte penalmente rilevanti, in modo da ottimizzare il collegamento tra la procedura di verifica fiscale, il successivo accertamento dei tributi (compresa l’eventuale attivazione di procedure di adesione o conciliative) e le indagini penali concernenti, appunto, i reati tributari.
Nelle occasioni in cui l’intervento dell’Autorità Giudiziaria si riveli obbligatorio, è necessario garantire tra gli attori del protocollo immediata circolarità informativa per rendere valida e incisiva l’attività di contrasto ai comportamenti illeciti.
 
Il flusso delle comunicazioni - I redditi derivanti da attività penalmente illecite costituiranno il filone principale dei flussi di comunicazione tra i firmatari dell’accordo di collaborazione. L’Autorità Giudiziaria, infatti, una volta appresa la notizia di reato, darà immediata notizia all’Agenzia delle Entrate, per l’emissione dei provvedimenti impositivi, e alla Guardia di Finanza per le ulteriori indagini nelle quali sia necessario l’uso dei peculiari poteri di polizia economico-finanziaria di cui le Fiamme Gialle dispongono, con lo scopo di definire concretamente la sussistenza e l’effettività della ricchezza di provenienza illecita.
Allo stesso modo, l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza informeranno tempestivamente l’Autorità Giudiziaria di ogni attività ispettiva di carattere tributario che abbia fatto emergere ipotesi di reati previste dal Decreto Legislativo n. 74/2000.
 
pubblicato Giovedì 29 Marzo 2018

I più letti

Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
immagine generica
Nel caso in cui gli investimenti dell’anno precedente a quello per il quale viene presentata la richiesta telematica sono stati pari a zero, non è possibile accedere al bonus
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino