Dati e statistiche
Bollettino delle entrate tributarie:
i risultati del primo quadrimestre
Nel periodo gennaio-aprile 2018, in base al criterio della competenza giuridica, è stato accertato un importo di 128.217 milioni di euro, con un aumento del 2,8% rispetto all’anno scorso
Bollettino delle entrate tributarie:|i risultati del primo quadrimestre
Nel consueto Bollettino (corredato dalle Appendici statistiche con l’analisi puntuale dell’andamento delle entrate tributarie e dalla relativa Nota tecnica, che illustra in sintesi i principali contenuti del documento), pubblicato oggi sul sito del dipartimento delle Finanze del Mef sono riportati i dati analitici.
È disponibile, inoltre, anche un report dedicato alle “Entrate Erariali F24 maggio 2018”, che si sofferma sull’andamento delle entrate tributarie versate tramite F24 nel periodo gennaio-maggio 2018.
Nel periodo gennaio-aprile 2018, le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 128.217 milioni di euro, con un incremento di +3.533 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+2,8%). Questo risultato è stato raggiunto grazie al contributo sia delle imposte dirette (+ 2,9 %) sia di quelle indirette (+2,8%). 

Imposte dirette
Il gettito delle imposte dirette ammonta a 68.916 milioni di euro, con un aumento di 1.940 milioni di euro (+2,9%) rispetto al primo quadrimestre del 2017.
L’aumento deriva essenzialmente dalle ritenute Irpef sui redditi certificati, vale a dire, lavoro dipendente e pensioni (+1.372 milioni di euro, +2,5%).
Un incremento significativo si registra anche nel gettito derivante dall’imposta sostitutiva sui redditi di capitale e sulle plusvalenze (+53,8%), per effetto del versamento a febbraio dell’imposta sui risultati della gestione individuale di portafoglio in regime di risparmio gestito, che riflette la performance positiva dei mercati nel corso del 2017.
Lo stesso dicasi anche delle entrate dovute all’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione (+38,9%), che evidenzia i risultati positivi dei rendimenti medi ottenuti nel 2017 dalle diverse tipologie di forme pensionistiche complementari.
 
Le entrate dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e le ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale fanno registrare una crescita del 6% per effetto dell’andamento positivo delle ritenute sui redditi da capitale diversi dai dividendi e delle ritenute su proventi di fondi d’investimento in valori mobiliari di diritto estero.
 
Positivo, inoltre, l’andamento dell’Ires che segna un incremento di 212 milioni di euro (+18,5%).
 
Imposte indirette
Il gettito delle imposte indirette ammonta a 59.301 milioni di euro, con un aumento di 1.593 milioni rispetto all’anno scorso (+2,8%).
Il risultato è legato soprattutto all’andamento del gettito Iva (+407 milioni), pari a un incremento percentuale di +1,2 e, in particolare, della componente sugli scambi interni, che aumenta di 327 milioni di euro.
 
Positiva anche la dinamica del prelievo sulle importazioni (+80 milioni, pari a +1,8%).
 
Tra le imposte indirette, inoltre, mostrano un significativo incremento le entrate dell’imposta di registro (+13,8%, pari a 205 milioni di euro), i versamenti del canone tv (+13,1%, pari a 52 milioni di euro) e dell’imposta di bollo (+20,0%, pari a 451 milioni di euro).
 
Entrate dai giochi
Le entrate dei giochi, nei primi quattro mesi del 2018, ammontano a 4.920 milioni di euro con una variazione positiva di 311 milioni di euro (+6,8%) rispetto allo stesso periodo del 2017.
 
Entrate da accertamenti e controllo
Infine, le entrate tributarie derivanti dalle attività di accertamento e controllo hanno totalizzato 2.789 milioni di euro (+186 milioni, pari a +7,1%) di cui 1.435 milioni di euro (–109 milioni, pari a –7,1%) sono affluiti dalle imposte dirette e 1.354 milioni di euro (+295 milioni, pari a +27,9%) dalle imposte indirette.
 
r.fo.
pubblicato Martedì 5 Giugno 2018

I più letti

Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
L’interpretazione dell’articolo 7-quater, comma 1, lettera a), del Dpr 633/1972, si basa sui chiarimenti forniti dall’articolo 31-bis del Regolamento di esecuzione Ue 1042/2013
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
La richiesta deve essere effettuata compilando e inviando l’apposito modello. Le istanze trasmesse prima del 24 settembre non saranno prese in considerazione e andranno riproposte
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Le informazioni per ottenere l’agevolazione vanno inviate esclusivamente on line utilizzando Spid, le credenziali di Fisconline o Entratel, oppure la Carta nazionale dei servizi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino