Dati e statistiche
Le guide de “L’Agenzia informa”:
in tre anni oltre 4 mln di download
Dal 2014 al 2016 la sezione del sito delle Entrate ha ricevuto numeri di click sempre crescenti e tutti a sei zeri. “Ristrutturazioni edilizie”, con bonus 50 per cento, la più vista
Le guide de “L’Agenzia informa”:|in tre anni oltre 4 mln di download
È la sezione del sito dell’Agenzia tra le più viste, lette e, naturalmente, cliccate. In pratica, sono le pagine online, curate dalle Entrate, che offrono a milioni di internauti le guide sui temi fiscali che maggiormente interagiscono con la quotidianità dei contribuenti. Casa, mobili, lavori edilizi, risparmio energetico, agevolazioni per i disabili eccetera; tutti argomenti che, se tradotti in un linguaggio di sintesi che orienta sui contenuti per poi esplicitare i dettagli e che non lascia in sospeso i lettori nel guado del tecnicismo comunicazionale, si sono rivelati negli anni un vero e proprio motore capace di attrarre milioni di occhi, anzi, per essere precisi, 7 milioni di occhi.
 
Le guide delle Entrate, un triennio da record
È un primato quello registrato dalla sezione “L’Agenzia informa” che, nel periodo 2014-2016, è riuscita ad attrarre e collezionare ben 3,5 milioni di visitatori unici. Tutti lettori interessati ai temi delle guide che, in media, hanno trascorso all’incirca 3 minuti cliccando tra le diverse pagine. In realtà, se scomponiamo il dato, scopriamo come 2 sono i milioni di visitatori che hanno avuto accesso alla sezione delle guide direttamente dal sito internet delle Entrate, mentre i restanti 1,5 milioni di visitatori hanno preso visione delle guide e dei loro contenuti accedendo attraverso centinaia di link che altrettanti siti ospitano tra le loro pagine online e attraverso i quali i loro lettori possono, con un solo click, prendere visione dei file delle guide ospitati sulla sezione del sito delle Entrate, riservata a “Le guide dell’Agenzia - L’Agenzia informa”.
Un dato questo che riflette la forte interconnessione, e l’interesse, che le pagine d’informazione delle Entrate possono vantare nei confronti di siti, organizzazioni e redazioni esterne.
 
Sul podio, la guida sulle ristrutturazioni, la più amata dagli Italiani che navigano su Internet
Tra le guide più lette e cliccate, il primato assoluto spetta a quella sulle ristrutturazioni edilizie che, nelle sue differenti versioni, accessoriate con revisione anno per anno, ha contabilizzato 146mila visitatori nel 2014, 612mila nel 2015 e più di mezzo milione nel 2016.
In pratica, l’incontro tra l’agevolazione, che è in vigore da oltre un decennio, e il bonus del 50% ha determinato un vero e proprio exploit in termini di accessi, visite e letture. Tanto che quasi il 36% dei visitatori unici di questa sezione ad hoc (quasi 1,3 milioni) predilige sempre una sosta, quasi obbligatoria, sulle pagine dedicate a come ristrutturare la propria casa.
La piazza d’onore spetta, invece, alla guida sul risparmio energetico che, sia nel 2014 sia nel 2016, s’è assicurata l’argento collezionando, in tre anni, quasi 600mila visitatori unici.
Terzo posto condiviso tra la guida al modello 730 precompilato, che nel 2015 ha richiamato quasi mezzo milione di visitatori unici, e quella dedicata al bonus mobili, che nel triennio ha “incuriosito” 300mila visitatori.
Ottima anche la visibilità e l’attrattività della guida sulle agevolazioni per le persone con disabilità che, non soltanto nel triennio passato, ma fin dal suo esordio, ha catalizzato l’attenzione di un numero significativo di utenti internet. In media, 80mila l’anno.
 
Tutte le guide non solo in un click. È anche boom di download
Le guide dell’Agenzia non sono soltanto lette, osservate e cliccate. Piuttosto, i dati ci raccontano anche che per ben 4,1 milioni di volte i file delle singole guide sono stati “scaricati”, vale a dire prelevati per essere trasferiti sul disco rigido del computer o su altra periferica del visitatore interessato. È corretto quindi affermare che una vera e propria biblioteca delle guide delle Entrate in formato byte è ben visibile in Rete, sul web e nelle memorie dei pc privati di milioni di italiani. Una “reale” biblioteca virtuale del fisco.
 
Curiosità
Osservando il solo spettro temporale triennale, 2014-2016, e considerando i 3,5 milioni di visitatori unici, i 4,1 milioni di download e il trend continuativo, omogeneo, anzi, crescente nel tempo, la conclusione cui si giunge è la seguente: qualora si aprissero le pagine della sezione “L’Agenzia informa”, con le sue guide, alla pubblicità privata, da questa ne deriverebbero, in media, all’incirca 300mila euro l’anno, almeno stando ai flussi pubblicitari e applicando gli standard contabili dei contratti pubblicitari.
La seconda curiosità, invece, riguarda l’elevato indice di affettività mostrato online da chi accede alle guide. Tanto che il primo dell’anno del 2015 erano quasi 70mila gli utenti in Rete che aprivano e scorrevano le pagine delle nostre pubblicazioni. E anche il Natale 2016 non ha visto decrescere i click sulle guide, e lo stesso vale per la Pasqua del 2015, che ha registrato un record di download.
Stefano Latini
pubblicato Mercoledì 19 Aprile 2017

I più letti

On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
Ai compensi dei professionisti si applica il principio di cassa: la disponibilità della somma indicata nel titolo di credito va inquadrata al momento in cui lo stesso è ricevuto
disegno con dispositivi per diverse forme di pagamento
Per facilitare il passaggio alle nuove modalità di pagamento, fino al prossimo 31 dicembre è previsto un periodo transitorio in cui saranno ancora possibili versamenti cash
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino