Dati e statistiche
Mercato immobiliare: i dati 2012
su compravendite e quotazioni
Dal confronto tra il volume di trasferimenti avvenuti nel quarto trimestre e quello registrato nello stesso periodo dell’anno scorso emerge una flessione pari al 29,6 per cento
Gabriella Alemanno vicedirettore Agenzia Entrate
È disponibile in Rete la nota trimestrale dell’Osservatorio del mercato immobiliare, che riassume il trend sui volumi di compravendite registrato lo scorso anno nel settore degli immobili, con particolare riguardo all’andamento del quarto trimestre 2012 e alle quotazioni del secondo semestre dello stesso anno, per gli immobili di tutti i comuni italiani.
 
I dati sono stati presentati questa mattina a Roma, in conferenza stampa, presso la sede centrale dell’Agenzia delle Entrate. Ha introdotto i lavori il vicedirettore Gabriella Alemanno. Sono seguiti gli interventi di Caterina Andreussi, responsabile dell’area Osservatorio mercato immobiliare, e Maurizio Festa, responsabile dell’ufficio Statistiche e studi mercato immobiliare. A trarre le conclusioni, Gianni Guerrieri, direttore centrale Osservatorio mercato immobiliare e Servizi estimativi.
 
Lo studio sull’andamento nazionale dei mercati immobiliari, la cui diffusione è iniziata nel 2003 ed è proseguita con cadenza trimestrale, contiene i dati desunti dalle note di trascrizione degli atti di compravendita registrati presso gli uffici di Pubblicità immobiliare. Precisamente, i dati si riferiscono al numero delle transazioni normalizzate (Ntn); ciò significa che se di un’unità immobiliare è compravenduta una frazione di proprietà, per esempio il 50%, essa non è contata come una transazione, ma come 0,5 transazioni.
 
L’analisi dei dati dell’intero anno rivela un calo generalizzato in tutti i settori: residenziale, terziario, commerciale e produttivo. Le unità immobiliari compravendute sull’intero territorio nazionale (ad eccezione delle province di Bolzano, Trento, Gorizia e Trieste, perché il Catasto e gli uffici di Pubblicità immobiliare sono gestiti localmente) sono state 993.339; quasi 330mila unità in meno rispetto al 2011, che corrisponde a una flessione su base annua (2012 su 2011) del 24,8 per cento. Nel caso specifico del quarto trimestre 2012, la variazione percentuale del volume di compravendite per l’intero settore, se confrontato con lo stesso periodo dell’anno precedente, risulta essere pari al -29,6%. Ciò rappresenta la maggiore contrazione registrata dal 2004 in termini di tasso tendenziale annuo.
Rispetto alle aree territoriali, il Centro e il Nord perdono rispettivamente il 31,9% e il 31,7% delle transazioni e il Sud presenta una contrazione del 27,4%.
 
Nella seconda metà dell’anno, le quotazioni medie delle abitazioni nelle dodici città con più abitanti sono tutte in diminuzione, con l’unica eccezione del lieve aumento riscontrato a Verona. Le quotazioni medie più elevate nel secondo semestre 2012, oltre 3.000 €/m2, si registrano a Bologna, Roma e Firenze, seguite a breve distanza da Milano, mentre le quotazioni più basse si registrano a Palermo e Catania.
 
Interessante risulta essere anche il dato relativo alle compravendite del diritto di nuda proprietà sulle abitazioni. Anche in questo caso, il 2012 ha visto un calo delle compravendite del 23,4%, mentre nel quarto trimestre il calo registrato rispetto all’analogo trimestre del 2011 è pari al 31,4%, con risultati pressoché simili fra comuni capoluogo e comuni minori.
 
In ultimo, ma non meno importante, il dato significativo sui mutui ipotecari per l’acquisto di abitazioni. Nel 2012, le compravendite che sono state concluse facendo ricorso a un mutuo con iscrizione di ipoteca a garanzia del credito hanno subito una variazione del -38,6% rispetto al 2011.
Fabio Schiboni
pubblicato Giovedì 14 Marzo 2013

I più letti

Affrontate e risolte le problematiche applicative sorte dopo la riduzione del termine di decadenza prevista dal “decreto legge conti pubblici” della scorsa primavera (Dl 50/2017)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
I “parenti stretti” che coadiuvano nell’attività dell’azienda sono meri collaboratori privi di contitolarità, per cui i loro compensi devono essere qualificati come redditi di puro lavoro
Affrontate e risolte le problematiche applicative sorte dopo la riduzione del termine di decadenza prevista dal “decreto legge conti pubblici” della scorsa primavera (Dl 50/2017)
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Bonus energetico cedibile anche in caso di lavori sul singolo appartamento. Debutto assoluto della detrazione del 36% per le spese finalizzate a interventi di “sistemazione a verde”
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino