Dati e statistiche
Osservatorio delle partite Iva:
on line i dati del terzo trimestre
In controtendenza con il dato complessivo, che evidenzia una flessione del 2,4%, in ascesa la provincia di Trento, le regioni Calabria e Lombardia, e i soggetti non residenti
Osservatorio delle partite Iva:|on line i dati del terzo trimestre
Terza sintesi trimestrale dell’Osservatorio delle partite Iva, pubblicata sul sito del dipartimento delle Finanze, che dà conto delle nuove posizioni aperte, in questo caso, nel periodo luglio-settembre 2018.
Come di consueto, l’analisi suddivide i dati per natura giuridica, territorio, settore produttivo e caratteristiche anagrafiche.
 
Nella ripartizione per natura giuridica, svettano le persone fisiche, con il 70,5% del dato complessivo. A notevole distanza, le società di capitali, con il 23,7% del totale; soltanto il 3,6% le nuove partite Iva aperte nel trimestre dalle società di persone. Dati in calo, comunque, rispetto allo stesso trimestre del 2017, soprattutto per quanto riguarda l’ultima categoria, ovvero le società di persone che scendono del 15,2 per cento. Di segno opposto le richieste dei soggetti non residenti, che evidenziano un significativo aumento.
 
La ripartizione territoriale conferma, in pratica, il trend e i numeri dei tre mesi precedenti: circa il 43% delle nuove aperture spetta al Nord, il 22,5% al Centro e il 34% a Sud e Isole.
In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2017, in ascesa la provincia di Trento (+7,2%) e le regioni Calabria (+5,9%) e Lombardia (+2,8%). Escono, invece, sconfitti dal confronto, Sicilia (-18,7%, in crisi soprattutto il settore alloggio e ristorazione), Abruzzo (-7,1%) e Campania (-6,8%).
 
Il commercio continua a essere il settore produttivo con più appeal, registrando il 21,5% del totale delle aperture; attività professionali e agricoltura si aggiudicano, rispettivamente, il 14,6% e il 9,2% del dato complessivo.
L’analisi dettagliata rivela che, rispetto al periodo luglio-settembre 2017, i maggiori aumenti si sono registrati nell’istruzione (+10,7%), nelle attività finanziarie (+2,9%) e nei servizi alle imprese (+2,3%). Viceversa, trend negativo, in primo luogo, per i comparti alloggio e ristorazione (-15,5%), trasporto e magazzinaggio (-10,7%) e attività manifatturiere (-6,2%).
 
L’Osservatorio non registra scossoni per quel che concerne la suddivisione in base alle caratteristiche anagrafiche delle persone fisiche: agli uomini il maggior numero delle nuove aperture (61,2%), i giovani fino a 35 anni registrano il 47,2% e il 32,3% appartiene ai cittadini con età compresa tra i 36 e i 50 anni. In riferimento allo stesso periodo dello scorso anno, in salita soltanto gli anziani (+4,7%); la flessione più consistente, invece, è riscontrabile per i cittadini tra i 36 ai 50 anni, che perdono il 4,7 per cento.
Inoltre, la sintesi evidenzia che, nel terzo trimestre 2018, il 18,7% dei nuovi titolari di partita Iva è nato all’estero.
 
Emerge, infine, che 37.508 dei “neonati” contribuenti Iva hanno aderito al regime forfetario, pari al 39,2% del totale delle nuove aperture, con un aumento del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
r.fo.
pubblicato Lunedì 12 Novembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino