Dati e statistiche
Patrimonio immobiliare 2012:
il fermo immagine dell’Omi
Numeri, consistenza e rendita delle unità urbane. Pubblicata sul sito delle Entrate la mappa aggiornata al 31 dicembre dello scorso anno, con le nuove statistiche catastali
testo alternativo per immagine
Sono 72 milioni gli immobili che risultano registrati negli archivi catastali al 31 dicembre 2012, per una rendita complessiva pari a 36 miliardi e mezzo di euro.
Questa è la fotografia scattata dall’Osservatorio del mercato immobiliare e dalla direzione centrale del Catasto dell’Agenzia delle Entrate che, con lo studio realizzato ogni anno, consente di conoscere, per le province e per i capoluoghi italiani, tutti i numeri aggiornati sulle unità immobiliari urbane distinte per tipologia, ma anche sulla loro consistenza e rendita catastale.
 
Per la prima volta, inoltre, da quest’anno, le statistiche comprendono anche i dati delle province di Trento e Bolzano, che gestiscono in proprio gli archivi censuari del Catasto.
 
Il Rapporto dimostra come nel 2012 le abitazioni (gruppo A) hanno superato il 50% delle unità registrate in Catasto, mentre le pertinenze (soffitte, cantine, box e posti auto) e i negozi raggiungono quasi il 40% (gruppo C). Seguono a distanza gli immobili destinati alle attività produttive e commerciali (gruppo D) e quelli di particolare interesse collettivo (gruppo E), che sono circa il 3% del totale.
 
In termini di rendita catastale, e dunque di reddito imponibile, case, uffici, negozi e pertinenze incidono nella misura del 65% sul totale, per un valore di circa 23 miliardi di euro, mentre gli immobili speciali destinati all’uso produttivo e commerciale pesano per una quota pari al 29%, quindi oltre 10 miliardi di euro.
 
Da uno sguardo generale, lo stock immobiliare italiano nel 2012 è aumentato del 2%, cioè quasi 1,3 milioni di unità in più rispetto al 2011; e, tra i diversi gruppi nei quali sono censiti gli immobili, quelli a destinazione speciale (gruppo D) segnano la variazione percentuale annua maggiore, con un aumento di oltre il 12%, cioè circa 160mila unità in più rispetto all’anno precedente.
 
Dell’intero patrimonio immobiliare italiano, quasi l’88% risulta essere di proprietà delle persone fisiche, mentre il 12% circa è posseduto da persone non fisiche. Una quota residua, solo lo 0,2%, riguarda le proprietà comuni.
 
Un’ulteriore curiosità riguarda la superficie media delle abitazioni censite negli archivi catastali, calcolata come rapporto tra la superficie catastale complessiva e il numero di unità, la quale è inferiore a 100 metri quadri per le abitazioni in categoria di tipo popolare (A4), ultrapopolare ( A5), rurale (A6) e quelle tipiche dei luoghi (A11), e va ben oltre i 200 metri quadri per le abitazioni signorili (A1), le ville (A8), i castelli e i palazzi di eminente pregio storico-artistico (A9).
Fabio Schiboni
pubblicato Martedì 29 Ottobre 2013

I più letti

Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica con mappa del globo
Il legislatore italiano ha adeguato la normativa interna alle indicazioni provenienti dal contesto internazionale e, in particolare, alle soluzioni ideate nell'ambito del progetto Beps
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà lunedì l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino