Dati e statistiche
Più compravendite immobiliari:
numeri da record a inizio 2016
In positivo, per il quarto trimestre consecutivo, i passaggi di proprietà rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A fare da traino ancora il Nord, con un +24,1 per cento
disegno di firma di contratto
Il mercato degli immobili in Italia continua a crescere nei suoi vari segmenti e lo fa a ritmi sempre più sostenuti. È questo ciò che emerge dalla lettura dei dati contenuti nella prima nota trimestrale 2016 dell'Osservatorio del mercato immobiliare (Omi), disponibile da oggi sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate.
Per il quarto trimestre consecutivo la variazione delle negoziazioni, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, ha chiuso in positivo, con +17,3% quale dato complessivo, superando le 244mila unità totali.

Come già nel terzo trimestre 2015, l'ascesa del mercato dimostra di avere carattere generale e si estende a tutti i comparti, ma questa volta con tassi di crescita decisamente più elevati.
L'incremento maggiore interessa il segmento residenziale, con una variazione percentuale (+20,6%) che, se si escludono i ripetuti crolli avvenuti durante il 2012, non trova precedenti nella serie storica analizzata nella nota.
Il mercato delle pertinenze riconducibili, in larga parte, a immobili al servizio delle abitazioni quali cantine, box e posti auto, si colloca poco al di sotto (+17,3%), in linea col dato complessivo.

Il momento favorevole coinvolge anche l'intero settore del non residenziale, sebbene con intensità diverse. Il commerciale, dopo la flessione dell'ultimo trimestre 2015, con 6.774 negozi compravenduti fa segnare un +14,5%, risultato inferiore soltanto al +20,3% registrato nel terzo trimestre del 2007.
In deciso rialzo anche la compravendita degli immobili a destinazione produttiva (+7%), reduci da tre trimestri negativi su quattro nel 2015. Il settore relativo a uffici e istituti di credito, con oltre 2mila Ntn, si conferma in territorio positivo (+1,3%) per il terzo trimestre consecutivo dopo le pesanti perdite dei periodi precedenti.

Boom del residenziale: al Nord, +24,1%
Con 115.135 abitazioni compravendute in tutta Italia, nel primo trimestre 2016, la crescita del settore residenziale ha superato, come già detto, il 20%, record assoluto da quando sono disponibili le variazioni trimestrali. È opportuno, tuttavia, notare come il primo trimestre, in ragione della stagionalità che contraddistingue le transazioni, specialmente nel settore abitativo, sia tendenzialmente il periodo dell'anno con la minore concentrazione di scambi, il che induce cautela nel valutare il significato di questo numero percentuale nonché la ricaduta che i primi tre mesi potranno avere sul bilancio annuo.
Sarà interessante, inoltre, osservare, nei prossimi trimestri, il peso, all'interno di questo fenomeno, della componente assistita da mutui nonché il ruolo che avranno alcuni bonus fiscali: su tutti, la detraibilità del 50% dell'Iva per gli immobili nuovi invenduti.

Anche in questo inizio 2016 è il Nord a fare da traino: le regioni settentrionali (+24,1%) hanno ottenuto un risultato migliore di quelle centrali (+18,5%) e meridionali (+16%), anche se il differenziale, rispetto al trimestre, si è in parte ridotto.
Più allineate, rispetto ai trimestri precedenti, risultano anche le performance dei capoluoghi (+22,9%) e dei centri minori (+19,4%), con i primi che continuano, fatta eccezione per il Centro, a prevalere di poco in tutte le macroaree.

Le regioni settentrionali guidano anche negli altri settori
Come nel terzo e quarto trimestre del 2015, i risultati del settore uffici e istituti di credito risultano molto diversificati a livello territoriale.
Al Sud le vendite calano nuovamente (-4,5%) e anche il Centro arretra (-1,1%) dopo il picco del trimestre precedente. Al contrario, al Nord, di gran lunga il mercato principale, le transazioni tornano a crescere (+4,5%), trascinando l'intero settore in campo positivo.

Il forte aumento del settore commerciale sembra coinvolgere tutte le macroaree. Ribaltando le tendenze precedenti, nel primo trimestre del 2016, al Nord (+15,7%) e al Sud (+14,6%), il mercato cresce più rapidamente che al Centro (+11,5%).

Infine, per quanto attiene il settore industriale, le vendite nelle regioni del Centro aumentano per il quinto trimestre consecutivo, portandosi a un tasso di crescita (+15,3%) più che doppio rispetto a quello medio nazionale. Anche al Nord, che rappresenta circa i due terzi di tutto il mercato, i volumi sono in risalita (+5,7%), dopo le perdite del trimestre precedente. Il Sud, con 359 unità compravendute, registra un +4,5 per cento.
 
Saverio Serafini
pubblicato Martedì 7 Giugno 2016

I più letti

Modificati i termini di presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap, nonché del modello 770. Ritoccate anche le date legate all’attività svolta dai Centri di assistenza fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
La mancata variazione dell’iscrizione al catasto, su dichiarazione del privato o d’ufficio, per cui la costruzione non corrisponde più alla realtà, rende inapplicabile il valore presuntivo
Modificati i termini di presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap, nonché del modello 770. Ritoccate anche le date legate all’attività svolta dai Centri di assistenza fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino