Dati e statistiche
Quaderni dell’Osservatorio 2017:
da oggi il nuovo numero è on line
La pubblicazione annuale, grazie al contributo di diversi esperti del settore, offre interessanti spunti di riflessione e di analisi sui dati relativi al mercato immobiliare nazionale
Quaderni dell’Osservatorio 2017:|da oggi il nuovo numero è on line
È disponibile da oggi l’edizione 2017 dei Quaderni dell’Osservatorio, come di consueto suddiviso nelle due sezioni “Ricerche e Analisi” e “Commenti e riflessioni”.
Le tematiche trattate risentono delle nuove elaborazioni e analisi dei dati da parte della Direzione centrale Osservatorio del mercato immobiliare e servizi estimativi. In questa edizione è presente anche un’intervista al professor Biasin di Macerata.
 
Sono cinque i contributi offerti dagli esperti del settore.


 
I flussi annuali del capitale di debito tratto dal patrimonio immobiliare
Gli autori Gianni Guerrieri, Maurizio Festa e Erika Ghiraldo presentano in questo saggio i primi dati sulla totalità delle iscrizioni ipotecarie compiute annualmente in Italia e fanno riferimento alle novità introdotte dal Dlgs 72/2016, in base al quale “L’Osservatorio del mercato immobiliare istituito presso l’Agenzia delle entrate assicura il controllo statistico sul mercato immobiliare residenziale ed effettua le opportune comunicazioni ai fini dei controlli di vigilanza macro-prudenziale” (articolo 1).
Si presenta il nuovo database sui mutui ipotecari che incrocia quello delle compravendite, ottenendo dati sugli atti di mutuo per tipo di immobile ipotecato e sul tipo di mercato cui verosimilmente è destinato il finanziamento richiesto alle banche.
 
La trasparenza del mercato immobiliare nell’era dei big data
Maurizio Festa e Saverio Serafini propongono un approfondimento sulla trasparenza, partendo da un quadro teorico, in particolare applicandola al mercato immobiliare, commentando l’indice GRETI elaborato dalla società Jones Lang LaSalle (Jll).
Gli autori rappresentano il nuovo scenario che si delinea con l’avvento dei big data e degli open data e riportano alcuni esempi sia del settore privato sia di quello pubblico.
Alcuni casi studio descrivono bene le grandi opportunità che esistono per aumentare la trasparenza senza tuttavia dimenticare la problematica della tutela della riservatezza.
 
Procedimenti di verifica dei prezzi impliciti ottenuti tramite l’AHP
Gaetano Lisi, Chiara Lo Re e Francesco Pizzirani mettono a fuoco il tema dei prezzi impliciti e del metodo più idoneo per la valutazione degli immobili nell’ambito residenziale, il Sales comparison approach (Sca).
Gli autori identificano il processo analitico gerarchico (analytic hierarchic process) come quello più idoneo per la stima del mercato immobiliare italiano e descrivono i metodi di verifica dei risultati per renderli operativi.
 
Nell’ambito della sezione “Commenti e riflessioni”, seguono altri due approfondimenti.
 
Intervista al professor Biasin: i fondi immobiliari
Gianni Guerrieri rivolge alcune domande al professor Massimo Biasin (ordinario di Economia degli intermediari finanziari, presso l’Università degli studi di Macerata) sulla finanza immobiliare e in particolare sui fondi immobiliari.
Questa intervista apre un nuovo scenario di studio per l’Osservatorio del mercato immobiliare, basandosi sul contributo del professore sull’investimento immobiliare, sul mercato e le forme proprietarie.
 
Analisi del legame tra andamento demografico e mercato immobiliare: prime evidenze empiriche
Garbiele Ruiu (ricercatore presso il Dipartimento di scienze economiche e aziendali dell’Università degli studi di Sassari) verifica la possibilità che esista una relazione tra gli andamenti demografici e l’andamento dei prezzi delle abitazioni. È un primo tentativo di indagine che, utilizzando le quotazioni Omi dei soli capoluoghi di provincia italiani, intende evidenziare l’esistenza di un legame tra movimenti naturali e migratori della popolazione e valori di mercato delle abitazioni.
Il tema, senz’altro interessante e affrontato basandosi su uno studio eseguito negli Usa, apre a ulteriori approfondimenti nella realtà italiana, in base alle specifiche variabili demografiche, geografiche e reddituali.
Rosa Colucci
pubblicato Lunedì 18 Dicembre 2017

I più letti

L’Agenzia delle entrate illustra come utilizzerà le informazioni relative agli utenti, comprese quelle fornite per registrarsi al servizio di newsletter della rivista online FiscoOggi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
immagine di un cronometro su un calendario
È possibile suddividere il pagamento con F24 fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo (senza applicazione di sanzioni e interessi) a decorrere dalla stessa data
Le applicazioni informatiche consentono di predisporre i file e verificare la presenza di possibili errori nei dati inseriti. Il sistema, inoltre, garantisce l’utilizzo della versione più aggiornata dei programmi
Circa 60mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate i programmi che consentono la compilazione e il controllo delle comunicazioni; prossimo appuntamento il 31 maggio
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino