Dalla Gazzetta

Sisma di agosto: donazioni
fuori dal reddito d'impresa

immagine di territori colpiti dal sisma di agosto 2016Come puntualmente accade dopo gli eventi calamitosi, un decreto del Prefetto ricorda a chi devono essere inviati gli aiuti, che siano sotto forma di erogazioni liberali in denaro o di cessioni gratuite di beni, per poter fruire della deduzione dal reddito d'impresa.
Sull'edizione di venerdì scorso della Gazzetta, la serie generale n. 223/2016, è stato pubblicato il decreto 12 settembre dell'Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno, che individua, ai sensi dell'articolo 27 della legge n. 133/1999, gli enti tramite i quali possono essere effettuate - fruendo dei benefici fiscali - le donazioni in favore delle popolazioni colpite dal terremoto, nel territorio della provincia marchigiana.
Si tratta di organizzazioni non lucrative di utilità sociale (articolo 10 dlgs n. 470/1997), altre fondazioni, associazioni, comitati ed enti, che tra le proprie finalità comprendono interventi in favore di popolazioni colpite da calamità pubbliche.
Ai donatori è consentita la deduzione dal reddito d'impresa delle somme versate; la cessione di beni, invece, non viene considerata destinata a "finalità estranee all'esercizio dell'impresa".

Sull'edizione di venerdì troviamo anche un comunicato del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale sulle norme relative alla disciplina fiscale tra Italia e Taiwan.
Il comunicato , che sostituisce quello pubblicato sulla Gazzetta del 5 aprile scorso, ci ricorda che il 31 dicembre 2015 ha acquisito efficacia la legge n. 62/2015, con il regime fiscale speciale che si applica a partire dal 1° gennaio 2016 (vedi articolo).
Per regolare il nuovo regime è stata necessaria una legge perché il territorio della repubblica di Taiwan, conosciuto anche come Taipei o Formosa, al momento ancora non gode del formale riconoscimento da parte italiana e, quindi, delle conseguenti relazioni diplomatiche. Questo ha reso impossibile regolare i rapporti fiscali tra i due Paesi con la consueta convenzione contro le doppie imposizioni.

Notizie anche dal fronte Bollo auto. Il ministero dell'Economia e delle Finanze pubblica il decreto 21 settembre 2016 con le regolazioni finanziarie delle tasse automobilistiche relative all'anno 2012. Si tratta di una compensazione tra:
- l'aumento dei trasferimenti dallo Stato alle Regioni e alle province autonome, in risarcimento dell'esenzione concessa dalla legge finanziaria per il 2007 per gli acquisti con contestuale rattamazione
- la riduzione degli stessi trasferimenti, in riferimento alla legge 262/2006 sulla sostenibilità ambientale dei veicoli.

La ricca edizione di venerdì riporta anche un elenco di comunicati, sempre del Mef, con le rilevazioni del tasso di cambio della nostra valuta paragonata alle principali monete extra sistema monetario europeo.
I cambi si riferiscono stavolta alle giornate di: lunedì 5, martedì 6, mercoledì 7, giovedì 8, venerdì 9, lunedì 12, martedì 13, mercoledì 14, giovedì 15 e venerdì 16 settembre.

La serie generale n. 224/2016 di sabato 24 settembre non pubblica documenti che riguardano la materia tributaria o contabile.

 
Lunedì 26 Settembre 2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino