Dalla Gazzetta

In vigore due accordi con la Svizzera

immagine di due mani che si avvicinano, su una è disegnata la bandiera italiana, sull'altra quella svizzeraCon due comunicati il ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale avvisa sull'entrata in vigore di nuove convezioni tra Italia e Svizzera. I due documenti, pubblicati sulla serie generale n. 285 di martedì 6 dicembre, si riferiscono all'Accordo sulla cooperazione di polizia e doganale e al Protocollo di modifica della Convenzione per evitare le doppie imposizioni e per regolare talune altre questioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio.
In particolare le modifiche alla Convenzione pongono fine, di fatto, al segreto bancario (vedi articolo) adeguando lo scambio di informazioni su richiesta, allo standard dell'Ocse.
I due comunicati del Mae avvertono dell'avvenuto scambio delle ratifiche tra i due Paesi, con notifica per via diplomatica, che rendono definitivamente operativi gli accordi.

Sull'edizione di ieri della Gazzetta troviamo anche altri comunicati. Vengono dal ministero dell'Economia e delle Finanze e ci informano sul tasso ufficiale di cambio dell'euro, confrontato con quelle che sono ritenute le principali divise estere.
I tassi di cambio sono utili a tutti i soggetti che compiono operazioni economiche con l'estero, pubbliche amministrazioni comprese (Dpr 482/2001), per la conversione della valuta alla data di emissione dei documenti di pagamento. In particolare i cambi stavolta si riferiscono alle giornate di: lunedì 14, martedì 15, mercoledì 16, giovedì 17, venerdì 18, lunedì 21, martedì 22, mercoledì 23, giovedì 24 e venerdì 25 dello scorso mese di novembre.
Mercoledì 7 Dicembre 2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino