Giurisprudenza
Benefici no profit a maglie strette,
altrimenti si profila aiuto di Stato
Per riconoscere lo “sconto” fiscale occorre indagare in modo rigoroso sul presupposto oggettivo dell’agevolazione ovvero sull’attività concretamente svolta dall’ente
rete a maglie strette
La riduzione alla metà dell’aliquota Ires, normativamente prevista in favore degli enti ecclesiastici, richiede non solo il criterio meramente soggettivo, quale la qualifica dell’ente, ma anche il requisito oggettivo della natura dell’attività svolta in concreto dall’ente stesso.
È il principio di diritto ribadito dalla suprema Corte, con l’ordinanza n. 25586 del 13 dicembre 2016
 
La vicenda processuale
A un ente che gestisce un pensionato viene notificato un avviso di accertamento per il recupero della maggiore imposta Ires per effetto del mancato riconoscimento dell’aliquota dimezzata, prevista dall’articolo 6 del Dpr 601/1973.
 
I giudici di merito, sia di primo che di secondo grado, nell’accogliere il ricorso del contribuente, annullano l’avviso di accertamento. In particolare, la Ctr reputa “troppo restrittiva”, nel caso di specie, l’interpretazione dell’Amministrazione finanziaria, sia perché non si riescono a individuare, in generale, le attività che possono usufruire della riduzione dell’aliquota sia perché il pensionato è una struttura ricettiva che accoglie esclusivamente studentesse lavoratrici per brevi periodi di tempo, con evidenti obiettivi sociali.
 
Ricorre in Cassazione l’Agenzia delle Entrate, deducendo che la Ctr avrebbe riconosciuto l’applicabilità del beneficio in forza di un criterio meramente soggettivo, la qualifica dell’ente, senza prendere in considerazione, la natura dell’attività concretamente svolta.
 
La pronuncia della Cassazione
Nell’accogliere il ricorso del Fisco, i Supremi giudici hanno ribadito il consolidato orientamento di legittimità in base al quale l’agevolazione di cui all’articolo 6 del Dpr 601/1973, richiede non solo il requisito soggettivo attinente alla natura dell’ente ma anche quello oggettivo del carattere non prevalentemente commerciale dell’attività concretamente svolta.
 
Osservazioni
Secondo il consolidato orientamento di legittimità, l’agevolazione di cui all’articolo 6, lettera h), del Dpr 601/1973 (pro tempore vigente), che prevede la riduzione alla metà dell’aliquota Ires a favore degli enti equiparati a quelli di beneficienza o istruzione, come gli enti ecclesiastici, con fini di religione e di culto, non solo richiede che detti enti siano sorti con gli enunciati fini, ma occorre anche accertare l’attività in concreto svolta, che non deve avere carattere commerciale, in via esclusiva o principale; inoltre, in presenza di un’attività commerciale di tipo non prevalente, la stessa deve essere in rapporto di strumentalità diretta e immediata con quei fini di religione e di culto e, quindi, non deve limitarsi a perseguire il procacciamento dei mezzi economici occorrenti, dovendo altrimenti essere classificata come “attività diversa”, soggetta all’ordinaria tassazione (cfr Cassazione 1633/1995).
 
I giudici di legittimità, nel motivare il decisum, fanno leva anche sul carattere eccezionale della norma agevolativa, potendo, pertanto, essere applicata solo a fronte delle attività specificamente previste.
Ad abundantiam, viene richiamato il filone giurisprudenziale (cfr Cassazione 13970/2016) secondo cui analogamente, in materia di Ici, lo svolgimento di attività di assistenza o di altre attività equiparate, senza le modalità di un’attività commerciale, costituisce il requisito oggettivo necessario ai fini dell’agevolazione e va accertato in concreto, con criteri di rigorosità, e, dunque, verificando le caratteristiche della “clientela” ospitata, della durata dell’apertura della struttura e, soprattutto, dell’importo delle rette, che deve essere significativamente ridotto rispetto ai “prezzi di mercato”, per evitare un’alterazione del regime di libera concorrenza e la trasformazione del beneficio in un aiuto di Stato.
 
Nel caso di specie, l’ufficio ha provato che il pensionato costituisce di fatto un’attività alberghiera, aperta al pubblico e gestita in modo imprenditoriale secondo una logica di mercato; a ciò, si contrappone la generica affermazione della Commissione regionale, secondo cui il pensionato accoglie studentesse lavoratrici per brevi periodi di tempo.
Ne deriva la cassazione della sentenza della Ctr per aver omesso di indagare in modo rigoroso sul presupposto oggettivo dell’agevolazione ovvero sull’attività concretamente svolta dall’ente.
 
In conclusione, il beneficio del dimezzamento dell’aliquota Ires, di carattere eccezionale, spetta a condizione che l’ente sia equiparabile a quelli di beneficenza o istruzione come gli enti ecclesiastici, con fini di religione o di culto, e che l’attività in concreto svolta non abbia carattere commerciale o che l’eventuale carattere commerciale non sia prevalente e, in ogni caso, sia in rapporto di strumentalità con i fini di culto e religione.
Dora De Marco
pubblicato Mercoledì 4 Gennaio 2017

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Nuove informazioni in transito verso le banche dati del Fisco in vista del 15 aprile. Dalle prossime scadenze agli step più significativi, breve cronistoria di una innovazione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino