Giurisprudenza
Causa sospesa per “dipendenza”:
sì, ma soltanto a certe condizioni
La nuova ipotesi di “sosta forzata” del giudizio tributario legato all’esito di un altro può essere anche disposta d’ufficio, senza istanza, ma servono i fatti a provare il nesso
catena
La Corte suprema, con l’ordinanza 999 del 20 gennaio 2016, è tornata a pronunciarsi in merito all’applicabilità della sospensione per pregiudizialità nel processo tributario, ex articolo 295 cpc, istituto sul quale è intervenuto il Dlgs 156/2015 che, sulla scia di un orientamento consolidato dei giudici di legittimità, ha previsto una nuova ipotesi di sospensione necessaria riferita ai rapporti tra liti fiscali.
L’articolo 39 del Dlgs 546/1992, nella versione ante riforma, in ipotesi di pregiudizialità del giudizio ordinario o amministrativo rispetto al giudizio tributario, sanciva che il processo dovesse essere sospeso in talune fattispecie, ossia “…quando è presentata querela di falso o debba essere decisa una questione sullo stato o la capacità delle persone, salvo che si tratti della capacità di stare in giudizio”.
 
Pur in assenza di un’espressa previsione legislativa al riguardo, l’Agenzia delle Entrate, nella circolare 25/2002, sulla scia di un orientamento che si andava formando presso i giudici di legittimità, aveva già affermato che, anche nei casi di pregiudizialità tra liti fiscali, fosse obbligatoria la sospensione del processo.
Sul punto, infatti, la Cassazione ha ripetutamente riconosciuto l’applicabilità al processo tributario della sospensione necessaria, ex articolo 295 cpc, in forza del generale richiamo operato dall’articolo 1 del Dlgs 546/1992, “qualora risultino pendenti, davanti a giudici diversi, procedimenti legati tra loro da un rapporto di pregiudizialità tale che la definizione dell’uno costituisce indispensabile presupposto logico-giuridico dell’altro, nel senso che l’accertamento dell’antecedente venga postulato con effetto di giudicato, in modo che possa astrattamente configurarsi l’ipotesi di conflitto tra giudicati (cfr. ex plurimis, Cass. 2214/2011; 1865/2012; 21936/2012)” (Cassazione, sentenze 417/2015 e 21291/2014).
Sussiste, ad esempio, un rapporto di pregiudizialità tra il giudizio avente a oggetto il provvedimento di diniego o di cancellazione dell’iscrizione all’anagrafe delle Onlus e i giudizi vertenti sugli atti impositivi emessi per recuperare le imposte o le maggiori imposte non versate (Cassazione, pronuncia 23950/2009).
 
L’ordinanza della Cassazione
La Corte suprema, con l’ordinanza 999/2016, ha ribadito che nel processo tributario la sospensione necessaria, ex articolo 295 cpc, è applicabile quando sia indispensabile effettuare un accertamento preventivo vincolante, idoneo a risolvere con efficacia di giudicato l’oggetto della controversia (Cassazione, pronunce 18540/2010 e 5366/2006).
 
La Cassazione afferma che la condizione della “dipendenza” in tutto o in parte della soluzione della causa da sospendere dalla decisione dell’altra causa “esige, in concreto, la coincidenza dei soggetti partecipanti ai due procedimenti, quale requisito indispensabile perché la definizione dell'uno possa assumere valore vincolante per la definizione dell'altro, secondo i principi generali dettati in tema di efficacia del giudicato sostanziale”.
In buona sostanza, laddove non si riscontri un nesso di dipendenza tra giudizi pendenti e questi non si svolgano in presenza delle medesime parti, il giudice tributario non può disporre la sospensione del processo, ma è tenuto a decidere incidenter tantum sulle questioni pregiudiziali.
 
Il “nuovo” articolo 39: la sospensione per pregiudizialità interna
L’articolo 9, comma 1, lettera o), del Dlgs 156/2015, ha aggiunto all’articolo 39 del Dlgs 546/1992 due nuove ipotesi di sospensione necessaria, di cui ai commi 1-bis e 1-ter.
 
In particolare, il comma 1-bis prevede che la sospensione del processo è disposta dalla commissione tributaria “…in ogni altro caso in cui essa stessa o altra commissione tributaria deve risolvere una controversia dalla cui definizione dipende la decisione della causa”.
La ratio di tale istituto risiede principalmente nell’esigenza di realizzare economie processuali, evitando contrasti di giudicati. A tal fine, la sospensione della causa dipendente è disposta anche d’ufficio, indipendentemente da un’istanza di parte, non essendo rimessa a una valutazione di opportunità dei giudici di merito, in quanto presuppone la sola verifica del rapporto di pregiudizialità tra le due cause tributarie pendenti dinanzi alle commissioni tributarie (Cassazione, sentenza 3939/2014).
Pertanto, nel caso in cui si verifichi un rapporto di pregiudizialità tra liti fiscali e non sia possibile riunire i giudizi per connessione (ad esempio, quando sono incardinati presso diverse commissioni tributarie), il giudice della causa dipendente dispone la sospensione del processo.
 
La circolare 38/2015 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la parte che invochi la sospensione ha l’onere di fornire gli elementi fattuali da cui desumere la relazione di dipendenza tra le controversie (Cassazione, sentenza 17937/2004), nonché di dimostrare la pendenza attuale della controversia pregiudiziale dinanzi all’organo giurisdizionale (Cassazione, sentenza 18026/2012).
 
Si evidenzia, infine, che, in alcune ipotesi, la Cassazione, pur in presenza di parti processuali differenti, ha ravvisato la sussistenza di un nesso di pregiudizialità che impone la sospensione della causa dipendente. È il caso in cui sia pendente la lite instaurata avverso un avviso di accertamento, riferito a utili extracontabili, emesso nei confronti di una società di capitali a ristretta base partecipativa, e quella relativa al conseguente accertamento del maggior reddito in capo al socio in virtù della presunzione di distribuzione dei predetti utili extracontabili (Cassazione, sentenza 24572/2015).
Mariano De Micco
pubblicato Mercoledì 10 Febbraio 2016

I più letti

On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
Ai compensi dei professionisti si applica il principio di cassa: la disponibilità della somma indicata nel titolo di credito va inquadrata al momento in cui lo stesso è ricevuto
disegno con dispositivi per diverse forme di pagamento
Per facilitare il passaggio alle nuove modalità di pagamento, fino al prossimo 31 dicembre è previsto un periodo transitorio in cui saranno ancora possibili versamenti cash
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino