Giurisprudenza
Centri di servizio in pensione:
per impugnare solo entro 30 giorni
La procedura particolare per contestare i ruoli di quegli uffici soppressi si applica esclusivamente ai ricorsi presentati prima dell’“avvento” del Dpr che ne ha decretato la chiusura
Centri di servizio in pensione: |per impugnare solo entro 30 giorni
Nella sentenza in rassegna (n. 21996/2015), la Corte di legittimità è chiamata a pronunciarsi sull’applicabilità del particolare sistema per ricorrere contro i ruoli formati dai Centri di servizio, previsto dal Dpr n. 787/1980, articolo 10. Procedura richiamata dall’articolo 20 del Dlgs n. 546/1992.
Il citato articolo 10 prevede che i ricorsi contro i ruoli formati dai Centri di servizio vengano preventivamente spediti (in originale) al Centro di servizio competente e che siano quindi (almeno sei mesi e non oltre due anni dopo la data d’invio al Centro) spediti o depositati in altro esemplare alla segreteria del giudice tributario adito, così costituendo il rapporto processuale.
La segreteria della commissione tributaria provvede, quindi, a richiedere l'originale del ricorso al Centro di servizio che, nei quaranta giorni successivi, inoltra il ricorso e le proprie deduzioni alla segreteria del giudice; nel contempo, trasmette il fascicolo amministrativo al competente ufficio delle imposte per l'ulteriore attività processuale.
 
Con l’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001) la “rete” dei Centri di servizio è scomparsa dall'ordinamento fiscale e ogni loro residua attività è cessata (tra il 31 dicembre 2001 e il 31 dicembre 2002). Ciò senza peraltro espressa abrogazione dell’articolo 10 del Dpr n. 787/1980 e, quindi, della procedura dallo stesso regolata.
 
Ebbene, a fronte di tale quadro normativo, il Collegio ha ritenuto - in conformità con la posizione interpretativa della dottrina - che, sebbene il cennato provvedimento non abbia abrogato espressamente l’articolo 10, la scomparsa dei Centri di servizio abbia comunque reso normativamente superata la funzione deflativa del contenzioso perseguita dal citato articolo 10, diretto a salvaguardare solo uno spazio temporale per le determinazioni di Centri di servizio ora non più esistenti.
 
Sulla base di tali premesse, la Corte di legittimità ha ritenuto che la procedura per l’impugnazione dei ruoli formati dai Centri di servizio di cui al Dpr n. 787/1980, articolo 10, è applicabile ai soli ricorsi presentati prima dell’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001), essendo in quel momento ancora pendenti i termini e adempimenti previsti dall’articolo 10.
 
Per la proposizione dei ricorsi avverso cartelle notificate a seguito di ruoli emessi dal Centro di servizio successivamente a tale data - a parere dei Giudici supremi - trova applicazione la procedura ordinaria, che prevede, per il deposito del ricorso, il termine decadenziale di 30 giorni dalla notifica dell’atto all’Amministrazione finanziaria, previsto dall’articolo 22 del Dlgs n. 546/1992.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Martedì 23 Febbraio 2016

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
I valori sono rilevanti fiscalmente per la determinazione del reddito imponibile, pertanto, in presenza dei requisiti, non vengono considerate le somme effettivamente corrisposte
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino