Giurisprudenza
Centri di servizio in pensione:
per impugnare solo entro 30 giorni
La procedura particolare per contestare i ruoli di quegli uffici soppressi si applica esclusivamente ai ricorsi presentati prima dell’“avvento” del Dpr che ne ha decretato la chiusura
Centri di servizio in pensione: |per impugnare solo entro 30 giorni
Nella sentenza in rassegna (n. 21996/2015), la Corte di legittimità è chiamata a pronunciarsi sull’applicabilità del particolare sistema per ricorrere contro i ruoli formati dai Centri di servizio, previsto dal Dpr n. 787/1980, articolo 10. Procedura richiamata dall’articolo 20 del Dlgs n. 546/1992.
Il citato articolo 10 prevede che i ricorsi contro i ruoli formati dai Centri di servizio vengano preventivamente spediti (in originale) al Centro di servizio competente e che siano quindi (almeno sei mesi e non oltre due anni dopo la data d’invio al Centro) spediti o depositati in altro esemplare alla segreteria del giudice tributario adito, così costituendo il rapporto processuale.
La segreteria della commissione tributaria provvede, quindi, a richiedere l'originale del ricorso al Centro di servizio che, nei quaranta giorni successivi, inoltra il ricorso e le proprie deduzioni alla segreteria del giudice; nel contempo, trasmette il fascicolo amministrativo al competente ufficio delle imposte per l'ulteriore attività processuale.
 
Con l’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001) la “rete” dei Centri di servizio è scomparsa dall'ordinamento fiscale e ogni loro residua attività è cessata (tra il 31 dicembre 2001 e il 31 dicembre 2002). Ciò senza peraltro espressa abrogazione dell’articolo 10 del Dpr n. 787/1980 e, quindi, della procedura dallo stesso regolata.
 
Ebbene, a fronte di tale quadro normativo, il Collegio ha ritenuto - in conformità con la posizione interpretativa della dottrina - che, sebbene il cennato provvedimento non abbia abrogato espressamente l’articolo 10, la scomparsa dei Centri di servizio abbia comunque reso normativamente superata la funzione deflativa del contenzioso perseguita dal citato articolo 10, diretto a salvaguardare solo uno spazio temporale per le determinazioni di Centri di servizio ora non più esistenti.
 
Sulla base di tali premesse, la Corte di legittimità ha ritenuto che la procedura per l’impugnazione dei ruoli formati dai Centri di servizio di cui al Dpr n. 787/1980, articolo 10, è applicabile ai soli ricorsi presentati prima dell’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001), essendo in quel momento ancora pendenti i termini e adempimenti previsti dall’articolo 10.
 
Per la proposizione dei ricorsi avverso cartelle notificate a seguito di ruoli emessi dal Centro di servizio successivamente a tale data - a parere dei Giudici supremi - trova applicazione la procedura ordinaria, che prevede, per il deposito del ricorso, il termine decadenziale di 30 giorni dalla notifica dell’atto all’Amministrazione finanziaria, previsto dall’articolo 22 del Dlgs n. 546/1992.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Martedì 23 Febbraio 2016

I più letti

fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
La porzione di immobile che il contribuente ha ceduto in affitto a terzi non è esente da imposizione e deve essere tassata secondo un criterio proporzionale riferito ai dati catastali
Ai fini della non imponibilità, dalla fattura della società che ha fornito il servizio di trasporto devono risultare in dettaglio tutti gli elementi essenziali della prestazione effettuata
Sono fuori dall’ambito dell’istituto le fattispecie in cui, più che l’aspetto qualificatorio, è rilevante l’appuramento del fatto, possibile esclusivamente in sede di accertamento
Confermate, in pratica, per gli ulteriori soggetti tenuti all’adempimento, i criteri stabiliti per quelli già coinvolti. Le informazioni dovranno arrivare entro il 31 gennaio 2017
fiore tra le pietre
Basta una spesa minima di 250 euro, da versare mediante modello F24 (senza possibilità di compensazione), e la semplice disattenzione non sortisce fastidiosi effetti indesiderati
scontrino bancomat
La certificazione di invalidità totale o handicap grave da parte di una commissione medica pubblica è il presupposto per poter dedurre gli importi sostenuti per medicine e cure
Confermate, in pratica, per gli ulteriori soggetti tenuti all’adempimento, i criteri stabiliti per quelli già coinvolti. Le informazioni dovranno arrivare entro il 31 gennaio 2017
immagine di mani che allargano elastici
L'abrogazione dell'obbligo della separata indicazione in dichiarazione dei componenti negativi di reddito cancella anche la relativa sanzione, ma solo dal 2016, senza retroattività
La porzione di immobile che il contribuente ha ceduto in affitto a terzi non è esente da imposizione e deve essere tassata secondo un criterio proporzionale riferito ai dati catastali
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Prosegue l’impegno dell’Agenzia per migliorare il dialogo e la collaborazione con i cittadini: disponibile in Rete un’applicazione per quantificare correttamente sanzione e interessi
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino