Giurisprudenza
Centri di servizio in pensione:
per impugnare solo entro 30 giorni
La procedura particolare per contestare i ruoli di quegli uffici soppressi si applica esclusivamente ai ricorsi presentati prima dell’“avvento” del Dpr che ne ha decretato la chiusura
Centri di servizio in pensione: |per impugnare solo entro 30 giorni
Nella sentenza in rassegna (n. 21996/2015), la Corte di legittimità è chiamata a pronunciarsi sull’applicabilità del particolare sistema per ricorrere contro i ruoli formati dai Centri di servizio, previsto dal Dpr n. 787/1980, articolo 10. Procedura richiamata dall’articolo 20 del Dlgs n. 546/1992.
Il citato articolo 10 prevede che i ricorsi contro i ruoli formati dai Centri di servizio vengano preventivamente spediti (in originale) al Centro di servizio competente e che siano quindi (almeno sei mesi e non oltre due anni dopo la data d’invio al Centro) spediti o depositati in altro esemplare alla segreteria del giudice tributario adito, così costituendo il rapporto processuale.
La segreteria della commissione tributaria provvede, quindi, a richiedere l'originale del ricorso al Centro di servizio che, nei quaranta giorni successivi, inoltra il ricorso e le proprie deduzioni alla segreteria del giudice; nel contempo, trasmette il fascicolo amministrativo al competente ufficio delle imposte per l'ulteriore attività processuale.
 
Con l’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001) la “rete” dei Centri di servizio è scomparsa dall'ordinamento fiscale e ogni loro residua attività è cessata (tra il 31 dicembre 2001 e il 31 dicembre 2002). Ciò senza peraltro espressa abrogazione dell’articolo 10 del Dpr n. 787/1980 e, quindi, della procedura dallo stesso regolata.
 
Ebbene, a fronte di tale quadro normativo, il Collegio ha ritenuto - in conformità con la posizione interpretativa della dottrina - che, sebbene il cennato provvedimento non abbia abrogato espressamente l’articolo 10, la scomparsa dei Centri di servizio abbia comunque reso normativamente superata la funzione deflativa del contenzioso perseguita dal citato articolo 10, diretto a salvaguardare solo uno spazio temporale per le determinazioni di Centri di servizio ora non più esistenti.
 
Sulla base di tali premesse, la Corte di legittimità ha ritenuto che la procedura per l’impugnazione dei ruoli formati dai Centri di servizio di cui al Dpr n. 787/1980, articolo 10, è applicabile ai soli ricorsi presentati prima dell’entrata in vigore del Dpr n. 107/2001 (25 aprile 2001), essendo in quel momento ancora pendenti i termini e adempimenti previsti dall’articolo 10.
 
Per la proposizione dei ricorsi avverso cartelle notificate a seguito di ruoli emessi dal Centro di servizio successivamente a tale data - a parere dei Giudici supremi - trova applicazione la procedura ordinaria, che prevede, per il deposito del ricorso, il termine decadenziale di 30 giorni dalla notifica dell’atto all’Amministrazione finanziaria, previsto dall’articolo 22 del Dlgs n. 546/1992.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Martedì 23 Febbraio 2016

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
logo del modello Redditi SC 2018
Riguardo agli investimenti in beni materiali strumentali nuovi la disciplina agevolativa è stata nuovamente prorogata, ma con ritocchi. Inevitabile l'impatto sul modello
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino