Giurisprudenza
Chiamata in appello "parziale": legittima se la causa è scindibile
Quando la vertenza può essere definita comunque, è irrilevante la notifica del ricorso al Concessionario della riscossione
Cassazione.jpg
La norma di legge secondo la quale l'appello deve essere proposto nei confronti di tutte le parti che hanno partecipato al giudizio di primo grado non fa venir meno la distinzione tra cause inscindibili e cause scindibili. Nel caso in cui la controversia abbia ad oggetto l'esistenza dell'obbligazione tributaria, la mancata proposizione dell'appello anche nei confronti del Concessionario della riscossione, convenuto in primo grado, non comporta l'obbligo di disporre la notificazione del ricorso in suo favore, essendo quest'ultimo estraneo al rapporto sostanziale dedotto in giudizio.

La controversia
La Commissione tributaria regionale dichiarava inammissibile l'appello dell'agenzia delle Entrate avverso una sentenza resa sia nei confronti dell'Amministrazione che del Concessionario della riscossione.
La pronuncia in questione aveva annullato delle cartelle di pagamento per violazione dell'articolo 60, sesto comma, del Dpr 633/72, non avendo l'ufficio notificato, prima di procedere all'iscrizione a ruolo, il previo avviso di pagamento entro trenta giorni, con riduzione della soprattassa al 60% dell'imposta non versata.
Il giudice di secondo grado, investito in udienza della richiesta di integrazione del contraddittorio con la chiamata in causa del concessionario avanzata dall'agenzia delle Entrate, aveva ritenuto che l'omessa notifica dell'appello al Concessionario della riscossione determinava, ai sensi dell'articolo 53, comma 2, del Dlgs 546/92, l'inammissibilità dell'appello.

Il ricorso alla Suprema corte
L'agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione sulla base di due motivi.
Con il primo, l'Amministrazione ha denunciato la violazione e falsa applicazione degli articoli 49 e 53 del Dlgs 546/92 e 332 del Cpc, censurando la sentenza per la mancata verifica delle conseguenze della omessa notificazione del gravame al Concessionario e per non aver assunto le relative determinazioni imposte dal rispetto dei principi in tema di impugnazione del codice di rito. Essendo infatti i motivi del ricorso introduttivo attinenti all'azione dell'Amministrazione, vi sarebbe stata carenza di legittimazione passiva del Concessionario, e rivestendo le domande proposte nei confronti dei convenuti natura di cause scindibili, si sarebbe dovuto concludere, in base all'articolo 332 del Cpc, per l'irrilevanza della mancata notifica dell'impugnazione al Concessionario, avendo la vertenza potuto essere definita anche senza la presenza di quest'ultimo.
Con il secondo motivo, ha denunciato la violazione e falsa applicazione anche degli articoli 102 e 331 del Cpc, assumendo che la dichiarazione di inammissibilità, anche a ipotizzare un litisconsorzio necessario, è da considerarsi erronea, perché il giudice doveva limitarsi a disporre (ex articolo 331 Cpc) l'integrazione del contraddittorio.

La decisione
La Suprema corte ha ritenuto i due motivi manifestamente fondati e si è pronunciata con la sentenza 24607/2008, accogliendo il ricorso e rinviando la causa ad altra sezione della Commissione tributaria regionale, per un nuovo esame della controversia alla luce dei principi enunciati.
In tema di contenzioso tributario e nell'ipotesi di litisconsorzio, perché sussista l'obbligo di chiamare in causa in appello tutte le parti presenti nella prima fase del processo, è necessario che i rapporti dedotti in causa siano inscindibili, non suscettibili di soluzioni differenti nei confronti delle varie parti del giudizio, o che due (o più) rapporti dipendano l'uno dall'altro, o da un presupposto di fatto comune, in modo tale da evitare l'adozione nei confronti delle diverse parti di soluzioni non conformi perché comporterebbero capi di decisione logicamente in contraddizione tra loro.
Ne consegue che, quando il giudice di primo grado adotti, senza contraddizioni insanabili, soluzioni diverse nei confronti di più parti, se ne deve dedurre l'insussistenza di alcuna ipotesi di litisconsorzio necessario, nemmeno di carattere processuale, e l'applicabilità dell'articolo 332 del Cpc sulla impugnazione relativa alle cause scindibili.

In riferimento alla partecipazione al giudizio del Concessionario del servizio di riscossione dei tributi, la Corte ha poi affermato che, in caso di impugnazione di cartella esattoriale, la sua legittimazione passiva sussiste se l'impugnazione concerne vizi propri della cartella o del procedimento esecutivo, mentre va esclusa qualora i motivi di ricorso attengano alla debenza del tributo.
La disposizione secondo cui l'appello deve essere proposto nei confronti di tutte le parti che hanno partecipato al giudizio di primo grado (articolo 53, secondo comma, Dlgs 546/92), non fa venir meno la distinzione tra cause inscindibili e cause scindibili. Pertanto, ove la controversia abbia ad oggetto l'esistenza dell'obbligazione tributaria, la mancata proposizione dell'appello anche nei confronti del Concessionario del servizio di riscossione, convenuto in primo grado unitamente all'Amministrazione finanziaria, non comporta l'obbligo di disporre la notificazione del ricorso in suo favore, quando sia ormai decorso il termine per l'impugnazione. Essendo egli estraneo al rapporto sostanziale dedotto in giudizio, ne consegue la scindibilità della causa nei suoi confronti, anche nel caso in cui non sia stato eccepito o rilevato il suo difetto di legittimazione.
Alberto Catania
pubblicato Martedì 28 Ottobre 2008

I più letti

Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine generica
Con la manovra di bilancio per il 2017, il legislatore ha previsto l'inserimento all'interno del Tuir dell'articolo 55-bis, dando attuazione a una riforma attesa da diversi anni
Il vecchio format potrà comunque essere ancora utilizzato per altri sessanta giorni dalla pubblicazione del provvedimento. Invio telematico o spedizione in plico raccomandato
invio dati da computer
Banche, assicurazioni, università statali e private, enti previdenziali, sono chiamati all’appello per inviare, entro il 28 febbraio, i dati da inserire nella dichiarazione dei redditi
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino