Giurisprudenza
Corte Ue: no al regime del margine
per l’usato non “bene di occasione”
Per essere tale, occorre che conservi la funzionalità originaria, sia riutilizzabile e non rientri tra gli oggetti d’arte, da collezione o d’antiquariato né tra metalli e pietre preziose
Corte Ue: no al regime del margine|per l’usato non “bene di occasione”
La domanda di pronuncia pregiudiziale, ai sensi dell’articolo 267 Tfue, presentata nell’ambito di una controversia tra una società e l’Amministrazione finanziaria della Lettonia, verte sull’interpretazione dell’articolo 311, paragrafo 1, della direttiva 2006/112/Ce e, nello specifico, sull’applicabilità del regime d’imposizione del margine di utile sui cosiddetti “beni d’occasione”.
 
Il procedimento principale
La società ricorrente, soggetto passivo ai fini Iva, esercita un attività creditizia attraverso la quale eroga prestiti a privati non soggetti passivi di Iva, ricevendo a garanzia pegni costituiti da metalli preziosi.
A seguito di uno stato di morosità dei soggetti debitori, la società ricorrente rivendeva ad altri commercianti, soggetti passivi Iva, i pegni non riscattati applicando un regime speciale dell’Iva che consente il pagamento dell’imposta esclusivamente sulla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita dei metalli preziosi.
A seguito di una verifica ai fini dell’imposta del valore aggiunto, l’amministrazione finanziaria lettone accertava che la rivendita dei beni avveniva sotto forma di scarto e non di bene d’occasione. Ecco che allora, l’amministrazione finanziaria, non ritenendo applicabile il regime speciale Iva per i “beni d’occasione”, procedeva alla richiesta del versamento dell’imposta a integrazione del dovuto.
 
La società proponeva ricorso contro questa decisione, che veniva respinto alla Corte amministrativa regionale, in quanto i beni rivenduti erano stati ceduti come scarti e quindi fuori dalla legittima applicazione del regime del margine di utile previsto dall’articolo 138 della legge sull’Iva.
 
Successivamente, veniva proposto ricorso alla Corte suprema lettone e veniva fatto valere, dalla società ricorrente, in particolare, che l’applicazione del regime del margine di utile non poteva dipendere dalle finalità di utilizzo dell’acquirente, rivendita o trasformazione, oltre al fatto che non poteva essere sufficiente la presenza di lavori di gioielleria nei beni per definirli beni di “scarto” e non “d’occasione”.
 
Di contro, per il giudice del rinvio, i beni di cui alla fattispecie principale, ceduti al solo scopo del recupero dei materiali preziosi in essi contenuti, non rientrerebbero nel novero dei beni “d’occasione” e, inoltre, la normativa di riferimento offre una definizione stringente al riguardo. Tuttavia, in considerazione del fatto che la Corte non si sia ancora pronunciata sull’interpretazione della nozione di “bene d’occasione” di cui all’articolo 311 citato, il giudice del rinvio ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte di giustizia europea le conseguenti questioni pregiudiziali.
 
Le questioni pregiudiziali
Con le sue questioni, che la Corte ha ritenuto di esaminare congiuntamente, il giudice del rinvio ha chiesto in sostanza se l’articolo 311, paragrafo 1, punto 1, della direttiva 2006/112, debba essere interpretato nel senso che nella nozione di “beni d’occasione” debbano ricomprendersi beni usati contenenti metalli o materiali preziosi rivenduti al solo scopo di recuperarne i materiali.
 
Sulle questioni pregiudiziali
Ai sensi dell’articolo 311, per poter essere considerati “beni d’occasione”, occorre che i beni soddisfino vari requisiti ovvero essere un bene mobile materiale, suscettibile di reimpiego e non deve rientrare nella categoria degli oggetti d’arte, da collezione, d’antiquariato e, infine, nella categoria dei metalli o pietre preziose.
Per quanto riguarda i primi due requisiti è necessario che il bene conservi la funzionalità che possedeva allo stato nuovo e che possa essere riutilizzato allo stato originario.
Quanto al terzo requisito, l’articolo in parola, seppur menzionando metalli e pietre preziose, non contiene alcun riferimento ai beni contenenti tali materiali, né tanto meno cosa s’intenda per il loro reimpiego.
Ecco che allora, non essendoci alcun riferimento agli oggetti contenenti composti di metalli e pietre preziose, occorre analizzare la loro inclusione tra i “beni d’occasione” e, per far chiarezza sul quesito posto, fare riferimento allo scopo stesso perseguito dall’articolo 311 in parola.
 
Al riguardo, i togati europei sottolineano come lo scopo perseguito dall’articolo 311, paragrafo 1, punto 1, della direttiva Iva, che contiene l’ambito oggettivo di applicazione del regime del margine di utile, come si evince dal considerando 51 della stessa direttiva, sia quello di evitare la doppia imposizione e le distorsioni di concorrenza tra soggetti passivi nel settore dei beni d’occasione.
Ecco dunque che, trattandosi di un regime Iva speciale, e non essendo menzionati i beni usati contenenti metalli o pietre preziose tra i beni d’occasione, spetta al giudice nazionale stabilire se di volta in volta i suddetti beni abbiano mantenuto la loro funzionalità iniziale.
 
La sentenza
I giudici della decima sezione della Corte di giustizia europea si sono pronunciati in merito all’applicabilità del regime speciale Iva per i beni d’occasione di cui all’articolo 311, paragrafo 1, della direttiva 2006/112/Ce sui beni di cui alla fattispecie principale.
In particolare, dall’interpretazione del richiamato articolo nella nozione di “beni d’occasione” non rientrerebbero beni usati contenenti metalli o pietre preziose nella fattispecie di beni non più idonei ad avere la funzionalità originaria.
Su questo aspetto, comunque, spetta al giudice nazionale verificare, di volta in volta, l’effettiva perdita di funzionalità iniziale dei beni.
 
 
Data della sentenza
11 luglio  2018
 
Numero della causa
Causa C-154/17
 
Nome delle parti
SIA “E LATS”
contro
Valsts ieņēmumu dienests
 
Andrea De Angelis
pubblicato Mercoledì 11 Luglio 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino