Giurisprudenza
Corte Ue: per i servizi culturali
l’esenzione Iva è limitata
La controversia, giunta a sentenza, verte sull’interpretazione dell’articolo 13 della sesta direttiva con riferimento alla concessione di diritti d’ammissione a proiezioni di film
corte ue
La domanda di pronuncia pregiudiziale è stata presentata nell’ambito di una controversia che ha opposto l’Amministrazione tributaria britannica a un ente senza fini di lucro. Al centro della controversia l’assoggettamento di quest’ultimo all’Iva per le prestazioni di servizi fornite dal medesimo e consistenti nella concessione di diritti d’ammissione a proiezioni di film. Tale ente ha lo scopo di promuovere il cinema nel Regno Unito e ha pagato nel periodo di riferimento l’Iva, con aliquota normale, sui diritti di ammissione a proiezioni di film.
Successivamente, l’ente ha presentato all’Amministrazione tributaria una richiesta di rimborso dell’Iva pagata nel corso del periodo controverso, sostenendo che i diritti di ammissione suddetti costituivano prestazione di servizi culturali, esenti in forza dell’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva.
 
Il ricorso alla Corte di giustizia Ue
Tale richiesta veniva respinta e la questione approdava dinanzi alla competente autorità giurisdizionale, che sottoponeva al vaglio pregiudiziale della Corte UE la seguente questione, con cui il giudice “a quo” chiede, in sostanza, se l’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva, che prevede l’esenzione di “talune prestazioni di servizi culturali”, debba essere interpretato nel senso che esso è dotato di efficacia diretta per cui, in assenza di trasposizione, tale disposizione possa essere direttamente invocata da un organismo di diritto pubblico o da un altro organismo culturale riconosciuto dallo Stato membro interessato e che fornisca prestazioni di servizi culturali.
 
Le valutazioni degli eurogiudici
Sulla base di un consolidato orientamento giurisprudenziale comunitario, in tutti i casi in cui le disposizioni di una direttiva appaiono, dal punto di vista sostanziale, sufficientemente precise, i soggetti dell’ordinamento possono farle valere dinanzi ai giudici nazionali nei confronti dello Stato, sia che questo non abbia recepito tempestivamente la direttiva sia che l’abbia recepita in modo scorretto.
Con riferimento all’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva, l’esenzione prevista in tale disposizione riguarda “talune prestazioni di servizi culturali”. Tale disposizione non precisa pertanto quali sono le prestazioni di servizi culturali che gli Stati membri sono tenuti ad esentare.
Infatti, essa non espone né un elenco tassativo di servizi culturali da esentare, né un obbligo in capo agli Stati membri di esentare tutte le prestazioni di servizi culturali, ma si riferisce soltanto ad alcune di queste prestazioni. Pertanto, tale disposizione lascia agli Stati membri l’onere di stabilire quali siano le prestazioni di servizi culturali che beneficiano di tale esenzione.
 
L’interpretazione dell’ente protagonista del contenzioso
L’ente ritiene che l’espressione “talune prestazioni di servizi culturali” deve essere interpretata nel senso che essa riguarda tutte le prestazioni di servizi culturali fornite da enti di diritto pubblico o da altri enti culturali riconosciuti dallo Stato membro interessato e che, pertanto, essa è sufficientemente chiara e precisa.
Tuttavia, una tale interpretazione non corrisponde al significato abituale del termine “talune” impiegato all’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva e priva di efficacia pratica il ricorso a tale termine nel contesto di tale disposizione.
Inoltre, l’interpretazione auspicata dall’ente è idonea ad estendere la portata dell’esenzione derivante da tale disposizione oltre tale termine a tutte le prestazioni di servizi culturali, in contrasto con la giurisprudenza comunitaria, secondo cui i termini impiegati per designare le esenzioni di cui all’articolo 13, parte A, paragrafo 1, della direttiva richiedono un’interpretazione restrittiva.
Risulta inoltre che, contrariamente a quanto sostenuto dall’ente, l’obbligo di garantire l’applicazione uniforme delle esenzioni di cui all’articolo 13, parte A, paragrafo 1, non è assoluto.
Infatti, benché le esenzioni previste in tale articolo costituiscano nozioni autonome del diritto comunitario che mirano ad evitare divergenze nell’applicazione del regime dell’Iva da uno Stato membro all’altro, il legislatore comunitario può affidare agli Stati membri il compito di definire alcuni termini di una esenzione.
 
La normativa comunitaria
L’interpretazione letterale dell’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva è confermata dalla genesi di tale direttiva, nonché dagli obiettivi perseguiti dal legislatore dell’Unione. A tal proposito, il legislatore comunitario non ha accolto la proposta iniziale della Commissione europea contenente un elenco tassativo delle prestazioni di servizi culturali da esentare ma, utilizzando i termini “talune prestazioni di servizi culturali”, ha optato per una redazione di tale esenzione che consente agli Stati membri di stabilire quali siano le prestazioni di servizi culturali che intendono esonerare.
La decisione del legislatore comunitario di lasciare agli Stati membri il potere discrezionale di determinare le prestazioni di servizi culturali da esentare può spiegarsi con la grande varietà di tradizioni culturali e di identità regionali nell’ambito dell’Unione e, talvolta, in seno ad uno stesso Stato membro.
Occorre considerare che l’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva, facendo riferimento a “talune prestazioni di servizi culturali”, non richiede l’esenzione di tutte le prestazioni di servizi culturali, in modo che gli Stati membri possono esentarne “taluni”, pur assoggettandone altri all’Iva.
 
Le conclusioni della Corte
Tutto ciò premesso, la Corte Ue perviene alla conclusione che l’articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della sesta direttiva, che prevede l’esenzione di “talune prestazioni di servizi culturali”, deve essere interpretato nel senso che esso non è dotato di efficacia diretta per cui, in assenza di trasposizione, tale disposizione non può essere direttamente invocata da un organismo di diritto pubblico o da un altro organismo culturale riconosciuto dallo Stato membro interessato, che fornisca prestazioni di servizi culturali.
 
Data della sentenza
15 febbraio 2017
Numero della causa
Causa C-592/15 
Nome delle parti
  • Commissioners for Her Majesty’s Revenue and Customs
contro
  • British Film Institute
Marcello Maiorino
pubblicato Giovedì 16 Febbraio 2017

I più letti

Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine generica
Con la manovra di bilancio per il 2017, il legislatore ha previsto l'inserimento all'interno del Tuir dell'articolo 55-bis, dando attuazione a una riforma attesa da diversi anni
Il vecchio format potrà comunque essere ancora utilizzato per altri sessanta giorni dalla pubblicazione del provvedimento. Invio telematico o spedizione in plico raccomandato
invio dati da computer
Banche, assicurazioni, università statali e private, enti previdenziali, sono chiamati all’appello per inviare, entro il 28 febbraio, i dati da inserire nella dichiarazione dei redditi
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino