Giurisprudenza
Dichiarazione congiunta: solidali
nella buona e nella cattiva sorte
Marito e moglie che scelgono di dichiarare insieme i propri redditi ne condividono vantaggi e oneri, compresa la possibilità di impugnare l’accertamento a carico dell’altro
testo alternativo per immagine
Nell’ipotesi di dichiarazione congiunta, i coniugi sono obbligati in solido per le maggiori imposte accertate con riferimento ai redditi denunciati in conseguenza di attività che fanno capo esclusivo a uno solo dei coniugi (i redditi di impresa del marito, nella fattispecie esaminata dalla Corte).
Lo ha affermato la Cassazione, con la sentenza del 7 marzo 2012, n. 3526.
 
I fatti
Nel 2001 una contribuente veneta ha proposto ricorso avverso gli avvisi di accertamento per Irpef e Ilor relativi agli anni 1994, 1995 e 1996. Gli atti erano stati notificati al marito, coniuge codichiarante, ed erano stati comunicati alla signora unitamente a un’istanza di misure cautelari avanzate anche nei suoi confronti.
La contribuente, separata legalmente dal marito nel 1997, ha proposto ricorso sostenendo, tra l’altro, l’inapplicabilità nei suoi confronti della responsabilità solidale prevista dall’articolo 17 della legge 114/1977, in quanto gli accertamenti riguardavano unicamente l’attività imprenditoriale del marito, alla quale la signora era rimasta estranea.
 
Nonostante vittoriosa in primo grado, la contribuente, poi soccombente in appello, ha impugnato in Cassazione la sentenza della Commissione tributaria regionale del Veneto, deducendo, tra l’altro, violazione dell’articolo 17, quinto comma, della legge 114/1997, in quanto il vincolo di responsabilità solidale doveva intendersi limitato al reddito esposto nella dichiarazione, senza possibilità di estensione a obbligazioni derivanti da un successivo accertamento di maggiori redditi operato nei confronti dell’altro coniuge. A parere della signora, una diversa interpretazione della norma avrebbe, di fatto, tradotto la solidarietà in responsabilità oggettiva, con violazione del principio costituzionale di capacità contributiva.
 
La Corte ha rigettato il ricorso, affermando che “... qualora i coniugi non legalmente ed effettivamente separati presentino, a norma della L. 13 aprile 1977, n. 114, art. 17, su un unico modello la dichiarazione dei redditi di ciascuno di essi, i relativi accertamenti in rettifica, aventi ad oggetto, perciò, ‘i redditi di ciascuno di essi’, sono effettuati a nome di entrambi i coniugi e notificati nei confronti del marito …” (Cassazione, n. 3526/2012).
 
Osservazioni
La Corte precisa la portata della responsabilità solidale dei coniugi codichiaranti.
In particolare, chiarisce che moglie e marito rispondono in solido dei “redditi di ciascuno di essi” accertati dall’Amministrazione finanziaria e del pagamento di imposte, soprattasse, pene pecuniarie e interessi successivamente iscritti a ruolo a nome del marito.
 
L’articolo 17, comma 1, della legge 114/1977 (soppresso dall’articolo 9, comma 6, Dpr 322/1998) consente ai “coniugi non legalmente ed effettivamente separati” la presentazione di un unico modello di dichiarazione dei redditi e all’ufficio l’effettuazione degli accertamenti in rettifica a nome di entrambi i coniugi e la notifica al solo marito “nell’ipotesi prevista dal primo comma”, quando cioè al momento della dichiarazione i coniugi non sono separati.
Con la precisazione che la moglie risponde del debito riferibile al reddito prodotto soltanto dall’altro coniuge per un vincolo di solidarietà dipendente (Cassazione, sentenza 19056/2006) ed è, quindi, responsabile, in rettifica, della dichiarazione congiunta, per il maggior reddito d’impresa prodotto dal marito (Cassazione, sentenza 3526/2012).
 
A tale riguardo, deve osservarsi che la solidarietà tributaria si presenta, allo stesso modo di quella civilistica, come un modo di attuazione del rapporto obbligatorio che può manifestarsi sia come contitolarità di una posizione debitoria fra più soggetti, caratterizzata dall’esistenza di un interesse comune a tutti (solidarietà paritetica), sia come una situazione di presenza di più obbligati, con un interesse unisoggettivo, riferibile cioè a uno solo (solidarietà dipendente).
Di conseguenza, nonostante sia soggetto autonomo d’imposta, la donna coniugata che scelga di avvalersi della dichiarazione congiunta (ex articolo 17, legge 114/1977) fa propri i conseguenti vantaggi e oneri comunque conseguiti, “introducendo volontariamente l’obbligo di solidarietà con la responsabilità tributaria del marito, per ogni tributo … carico di quest’ultimo” (Cassazione, sentenza 22692/2007).
 
E tale scelta non contrasta:
  • né con i principi di eguaglianza e di capacità contributiva, poiché l’accertamento riguarda un reddito omesso o infedelmente indicato nella dichiarazione congiunta, frutto di libera scelta del contribuente (Cassazione, ordinanza 15570/2011)
  • né con il diritto di difesa della moglie, che comunque può tutelare i propri diritti; può impugnare l’atto conseguente all’avviso di accertamento notificato al marito, “ancorché questo sia divenuto definitivo per mancata impugnazione” da parte dello stesso (Cassazione, sentenza 20856/2010). La moglie codichiarante, infatti, è legittimata a proporre autonoma impugnazione dell’accertamento a carico del marito in quanto è corresponsabile delle maggiori imposte e degli accessori relativi all’accertamento. Tale diritto ha la sua ratio nella circostanza che al marito non è attribuita ex lege la legittimazione ad agire anche per la moglie, ed è rafforzato dalla possibilità per la moglie, cui l’avviso non viene notificato, di impugnare cumulativamente l’atto conseguente (a lei diretto e il primo notificatole personalmente) e lo stesso accertamento, notificato solo nei confronti marito (Cassazione, sentenza 29709/2007), facendo valere tutte le possibili ragioni di contrasto con la pretesa tributaria, e non solo i vizi dell’atto conseguente (Cassazione, sentenze 9521/2011 e 20856/2010).
 
Tale scelta, inoltre, non risente delle vicende del matrimonio successive alla dichiarazione (Cassazione, sentenza 3526/2012). A tale riguardo, infatti, sono irrilevanti, al fine di riconoscere la sussistenza della responsabilità solidale della moglie codichiarante, sia la sopravvenuta separazione giudiziale, sia la cessazione degli effetti civili del matrimonio (Cassazione, sentenze 21959/2010 e 25486/2009).
Romina Morrone
pubblicato Mercoledì 21 Marzo 2012

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Alla morte della moglie, il marito che abbia provveduto ad accollarsi interamente il finanziamento può fruire del beneficio sull’intero ammontare degli interessi passivi sostenuti
Non risulta preclusivo il fatto che prima del decesso del marito, la moglie ne avesse il possesso in comunione con il de cuius, in quanto con la morte tale regime si estingue
Al punto 11 della Cu deve essere indicato il codice 4 nell’ipotesi in cui non coincidano il numero dei giorni per cui spetta la diminuzione d’imposta e il periodo di lavoro nell’anno
Il fisco dovrebbe essere semplicemente un’infrastruttura, un’opera pubblica senza la quale il paese non può funzionare. E come tutte le infrastrutture ha bisogno di manutenzione costante
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Non risulta preclusivo il fatto che prima del decesso del marito, la moglie ne avesse il possesso in comunione con il de cuius, in quanto con la morte tale regime si estingue
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino