Giurisprudenza
Emissione di fatture inesistenti
che celano tangenti e frodi fiscali
È del tutto irrilevante la circostanza che i documenti fossero stati annotati in contabilità e che i relativi pagamenti, effettivamente avvenuti, non siano mai stati retrocessi
vignetta
Si considerano emesse a fronte di operazioni “giuridicamente” inesistenti, ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 8 del Dlgs 74/2000, le fatture emesse in relazione a fittizie consulenze commerciali, tecniche e legali e destinate, in realtà, a costituire la provvista per illecite dazioni corruttive.
Lo ha chiarito la VI sezione penale della Corte di cassazione nella sentenza n. 52321, del 9 dicembre 2016.
 
La vicenda processuale
La pronuncia in commento è intervenuta nell’ambito del procedimento penale instaurato a carico del componente del collegio sindacale di una società di capitali, il quale era stato ritenuto corresponsabile, in entrambi i gradi di merito, dei reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e di emissione di fatture oggettivamente inesistenti (articolo 8, Dlgs 74/2000).
In estrema sintesi, l’imputato era stato riconosciuto come l’ideatore di un meccanismo finanziario e contabile finalizzato a coprire, attraverso la predisposizione di fatture per attività di consulenza fittizie, il pagamento di somme illecitamente corrisposte in adempimento di un accordo corruttivo.
In particolare, la Corte d’appello aveva ritenuto che sussistesse anche il dolo specifico richiesto dall’articolo 8 del Dlgs 74/2000, consistente nel fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, sia pure in concorso con quello di occultare il pagamento della tangente, in quanto i documenti emessi erano tali da rappresentare un costo deducibile e, quindi, concretamente utili a far evadere il fisco da parte della società.
 
L’imputato ricorreva in Cassazione deducendo, tra l’altro, che le fatture oggetto di contestazione erano tutte relative a pagamenti effettivamente avvenuti e mai restituiti e, pertanto, erano da considerarsi afferenti a operazioni esistenti, dovendo, in linea generale, escludersi che il reato tributario fosse configurabile solo perché l’attività effettivamente svolta non è stata correttamente qualificata.
D’altro canto, secondo l’assunto di parte, l’annotazione in contabilità delle predette fatture non aveva determinato per la società alcun beneficio fiscale, posto che i costi erano stati dalla stessa effettivamente sostenuti.
 
La pronuncia della Corte suprema
Nel ritenere infondato il motivo di ricorso prospettato dall’imputato, i giudici di legittimità muovono dal proprio consolidato orientamento secondo cui, tra le “operazioni non realmente effettuate in tutto o in parte” di cui all’articolo 1, primo comma, lettera a), del Dlgs 74/2000, qualificate come inesistenti ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 8, devono intendersi anche quelle “giuridicamente” inesistenti, ovvero quelle aventi una “diversa qualificazione giuridica” (cfr Cassazione, 13975/2008).
Il principio indicato deve trovare applicazione, ad avviso della Corte suprema, quantomeno con riferimento a quei casi nei quali l’operazione dissimulata è sottoposta a un trattamento fiscale diverso da quello riservato all’operazione formalmente documentata.
 
Ora, nel caso di specie è emerso che sono state fatturate come prestazioni di servizi per consulenze quelle che, per contro, erano ricezioni di somme illecitamente corrisposte in adempimento di un accordo corruttivo, con conseguente indicazione di un’imposta sul valore aggiunto superiore a quella reale: se infatti l’Iva è dovuta per le attività di consulenza, certamente non lo è per le dazioni corruttive e, se pagata, non può in nessun caso essere computata in detrazione dal soggetto ricevente la fattura nei suoi rapporti con il Fisco.
 
Con riferimento, poi, al rilievo probatorio proprio della fattura, la Corte evidenzia che un documento emesso al fine di occultare l’erogazione di un importo effettuata per una causale completamente diversa da quella indicata è del tutto mendace e tale circostanza investe anche il profilo delle imposte dirette, quando i costi “coperti” dalla fattura fittizia non sono riconosciuti dall’ordinamento, con riferimento alla causale effettiva, ai fini della determinazione dell’imponibile.
A questo riguardo, la non riconoscibilità dei costi connessi a delitti dolosi discende direttamente dall’articolo 14, comma 4-bis, della legge 537/1993 che, nel testo vigente ratione temporis, prevedeva appunto l’indeducibilità dei costi e delle spese di beni e servizi “direttamente utilizzati per il compimento di atti o attività qualificabili come delitto non colposo…”.
Né può dubitarsi, ad avviso dei giudici di legittimità, circa la classificazione delle erogazioni in denaro a titolo di dazioni corruttive come costi o spese direttamente utilizzati per il compimento di atti o attività qualificabili come delitto non colposo.
 
Da ultimo, la Corte osserva che, qualora – oltre all’emissione di fatture aventi a oggetto costi non deducibili ai fini delle imposte dirette ovvero recanti un’imposta sul valore aggiunto in misura superiore a quella reale – si accerti la piena consapevolezza dell’indebito vantaggio fiscale derivante dall’utilizzo di tali fatture, deve ritenersi integrato anche l’elemento soggettivo della fattispecie delittuosa prevista dall’articolo 8 del Dlgs 74/2000.
La disposizione incriminatrice appena richiamata, infatti, non richiede che il fine di evadere le imposte sia esclusivo: lo stesso può essere benissimo concorrente con altre finalità, tra cui, in particolare, quella di occultare le dazioni corruttive precedentemente descritte.
Mariasole Ivaldi
pubblicato Martedì 3 Gennaio 2017

I più letti

Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino