Giurisprudenza
Gravi anomalie tra costi e ricavi.
Legittimo l’accertamento alla Srl
In presenza di comportamenti contrari ai canoni dell’economia e, in assenza di spiegazioni verosimili sulle scelte imprenditoriali, inutile invocare la carenza di presupposti
testo alternativo per immagine
Con sentenza n. 21810 del 5 dicembre, la Corte di cassazione ha stabilito che è legittimo l’accertamento induttivo nei confronti di un’impresa che presenta per anni bilanci in perdita ma ha un ottimo andamento aziendale, confermato dalla consistenza degli acquisti di beni destinati alla rivendita e dagli oneri sostenuti per il personale dipendente.
 
Il fatto
La vicenda è quella di una società a responsabilità limitata destinataria di un avviso di accertamento con il quale vengono rilevati induttivamente maggiori ricavi Irpeg, Irap e Iva. L’ente impositore rilevava nella motivazione che la situazione reddituale della contribuente era costantemente in perdita negli ultimi cinque esercizi, situazione che, tuttavia, era incompatibile con l’ottimo andamento aziendale, caratterizzato da un consistente numero di acquisti di beni e di ingenti oneri per il personale dipendente. L’accertamento induttivo era quindi legittimo, secondo l’ufficio, in presenza di comportamenti contrari ai canoni dell’economia e in assenza di spiegazioni verosimili su scelte imprenditoriali non in linea con i ricavi.
 
I giudici di merito, considerato che l’appellante non aveva fornito alcun elemento probatorio di segno contrario, hanno ritenuto legittimo il comportamento del fisco e, così, la vicenda è approdata in Cassazione dove la società ha sostenuto, in asserita violazione degli articolo 39 del Dpr 600/1973 e 62-sexies del Dl 331/1993, che l’Amministrazione finanziaria non poteva procedere ad accertamento induttivo per difetto dei necessari presupposti, dal momento che le scritture contabili erano corrette, non contestate e gli elementi di presunzione contraddittori. Il ricarico, peraltro, non poteva essere “arbitrariamente” innalzato dall’ufficio in mancanza di accesso o verifica presso la sede societaria. In sostanza, l’accertamento non rappresenterebbe la reale situazione reddituale.
 
La decisione
Nel respingere il ricorso del contribuente, la Corte di cassazione conferma il principio espresso in analoghe sentenze, secondo cui la regolarità delle scritture contabili non cancella le gravi anomalie tra ricavi e oneri per il personale.
Infatti, la presenza di contabilità formalmente regolare, non impedisce l’accertamento in rettifica, che presuppone appunto scritture regolarmente tenute, tuttavia contestabili in forza di valutazioni condotte sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti (Cassazione 8015/1996 e 8494/1998), che possono essere costituite da studi di settore, collegabili, ai sensi dell’articolo 62-sexies del Dl 331/1993, a gravi incongruenze tra i ricavi dichiarati, le dimensioni e il giro d’affari dell’azienda, di modo che in base a un processo logico analitico induttivo possa fondatamente dubitarsi della completezza e fedeltà della contabilità esaminata (Cassazione 19626/2012 e 26635/2009).
 
Perciò è legittimo l’accertamento induttivo in presenza di “una condotta commerciale anomala”, a meno che il contribuente non dimostri l’effettiva sussistenza delle perdite dichiarate. In questi casi, infatti, all’ufficio è consentito “dubitare della veridicità delle operazioni dichiarate e desumere, sulla base di presunzioni semplici, maggiori ricavi o minori costi, con conseguente spostamento dell'onere della prova al carico del contribuente”.
In mancanza di documentate spiegazioni, l’irragionevolezza economica del comportamento del contribuente che, per esempio, affermi per più anni di essere finito in perdita o di avere sostenuto costi sproporzionati ai ricavi, rappresenta un fatto sintomatico di possibili violazioni all’obbligo della dichiarazione (Cassazione 1821/2001, 7680/2002 e 20422/2005), perché, non essendo conforme a logica ed esperienza impostare o proseguire l’attività secondo criteri o malgrado risultati poco vantaggiosi o addirittura dannosi, fa presumere che l’interessato abbia, in realtà, incassato più di quanto indicato nella denuncia dei redditi (Cassazione 26919/2006).
 
Peraltro, costituendo l’omessa dichiarazione di ricavi infrazione talmente grave da consentire la ricostruzione induttiva del reddito, ne discende che, in presenza di situazioni capaci di far ipotizzare un’omissione del genere, l’ufficio può procedere a rettifica della dichiarazione ai sensi dell’articolo 39 del Dpr 600/1973, perché in contrasto con criteri di ragionevolezza, specie sotto il profilo dell’antieconomicità della gestione di impresa (Cassazione 15250/2012), toccando al contribuente il compito di fornire giustificazioni tali da superare le presunzioni dell’Amministrazione (Cassazione 21536/2007).
In definitiva, una volta che l’ufficio abbia specificato gli indici di ricchezza dimostrando la loro astratta idoneità a rappresentare una capacità contributiva non dichiarata, il provvedimento di rettifica del reddito è di per sé legittimo, non essendo necessario che sia stato preceduto dal riscontro analitico della congruenza e della verosimiglianza dei singoli cespiti di reddito dichiarati dal contribuente (Cassazione 13976/2000 e 24532/2007).
Salvatore Servidio
pubblicato Lunedì 17 Dicembre 2012

I più letti

Un decreto del ministero dell’Economia ritocca il catalogo delle giurisdizioni estere interessate alle procedure internazionali di collaborazione in materia di conti finanziari
immagine di due faldoni di documenti in un'aula di tribunale
La Consulta ha respinto le censure di incostituzionalità sollevate nei confronti della disposizione che, nel secondo grado di giudizio, ne consente la produzione senza limiti
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Istituite per i documenti cartacei consultati meno di frequente relativi al periodo ante 1° gennaio 1970 e a quello informatizzato tra il 1° gennaio 1999 e il 31 dicembre 2014
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Per favorire i pagamenti con modalità digitali, potranno essere effettuate attraverso il credito telefonico; modifiche anche al regime delle forme pensionistiche complementari
Un nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei ministri sostituisce il precedente del 20 luglio 2017, che riconosceva il posticipo soltanto ai titolari di reddito d’impresa
In ambito imposta sul valore aggiunto, così come in materia di reddito di impresa, si considera cessione ordinaria a effetti immediati, senza tener conto della data di produzione dell’effetto traslativo
Questa tipologia di controllo esenta l'Agenzia da qualsiasi altra dimostrazione, restando a carico del contribuente l'onere di provare che il reddito presunto non esiste o è inferiore
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino