Giurisprudenza
La "compiuta giacenza" non equivale a conoscenza
Pronuncia nulla per mancanza di comunicazione alle parti dell'avviso di udienza qualora non sia possibile verificarne la legittimità dell'operato dell'ufficiale postale
_2299.jpg
La comunicazione alle parti dell'avviso di trattazione dell'udienza costituisce adempimento imprescindibile ai fini del regolare svolgimento dell'intero iter processuale. Ne consegue che l'inosservanza di tale obbligo comporta l'inequivocabile declaratoria di insanabile nullità del procedimento, senza che tale vizio possa considerasi sanato attraverso l'esibizione di un atto che non reca alcuna sottoscrizione o esaustiva descrizione - da parte dell'ufficiale postale - dell'attività dallo stesso svolta, limitandosi alla mera dicitura di "compiuta giacenza" senza possibilità di sindacato o controllo al riguardo. Il principio è stato ribadito dalla Corte di cassazione, con la pronuncia n. 27007 del 21 dicembre 2007.

La particolarità della sentenza in esame, tuttavia, non risiede nell'assioma - oramai pacifico nella giurisprudenza di legittimità (al riguardo, cfr Cassazione, sentenze 10761/2006 e 11014/2003) - secondo cui una decisione è nulla, per violazione del principio del contraddittorio e del diritto di difesa, quando la stessa viene presa in un'udienza alla quale il contribuente non ha potuto prendere parte per mancanza di una valida comunicazione al riguardo, ma nella circostanza che viene presa in considerazione la valenza giuridica da attribuire, ai fini della conoscibilità o meno di un atto, all'ipotesi in cui si verifica quella che nel codice postale e delle telecomunicazioni viene definita "compiuta giacenza".
In altre parole, la comunicazione dell'avviso di trattazione spedita a mezzo posta e per la quale, in assenza del ritiro da parte del destinatario, si è realizzata la cosiddetta "compiuta giacenza" vale a poter affermare, con ampia certezza, che il destinatario ha avuto notizia del contenuto della comunicazione stessa?

Ebbene, la Cassazione ha detto di no, almeno limitatamente a quelle fattispecie - come quella in esame - in cui dall'operato dell'ufficiale postale non sia possibile verificarne la correttezza e, di conseguenza, sindacarne la legittimità.

Ma procediamo con ordine, partendo dalla normativa di riferimento.
L'articolo 31 del Dlgs 546/1992, nel disciplinare l'avviso di trattazione nell'ambito del giudizio tributario di primo e secondo grado, afferma testualmente che "La segreteria dà comunicazione alle parti costituite della data di trattazione almeno trenta giorni liberi prima".
L'articolo 16 dello stesso decreto, invece, nel disciplinare le comunicazioni e le notificazioni, al comma 1, così recita: "Le comunicazioni sono fatte mediante avviso della segreteria della commissione tributaria consegnato alle parti, che ne rilasciano immediatamente ricevuta, o spedito a mezzo del servizio postale in plico senza busta raccomandato con avviso di ricevimento".

La materia delle notificazioni a mezzo posta, poi, è disciplinata dalla legge 890/1982. Dal coordinamento di tali norme emerge che, in ipotesi di spedizione "a mezzo del servizio postale" dell'avviso di comunicazione della data di trattazione da parte della segreteria del giudice tributario, l'avviso di ricevimento del plico postale assume particolare rilevanza ai fini del riscontro del regolare svolgimento del processo, perché le sue risultanze debbono consentire di verificare:

 

  • che la comunicazione della data di trattazione sia giunta effettivamente nella sfera giuridica di conoscibilità propria del destinatario (che si verifica nel momento in cui giungono all'indirizzo del destinatario, ex articolo 1335 del Codice civile)
  • che al destinatario sia stato assicurato lo specifico spatium ("almeno trenta giorni liberi prima") concesso dal legislatore per approntare le necessarie difese (anche mediante il deposito di documenti o di memorie).

Non può valere, quindi, la presunzione - fondata sulle univoche e concludenti circostanze della spedizione e dell'ordinaria regolarità dello specifico servizio postale - di arrivo dell'atto contenuto nel plico raccomandato al destinatario e, quindi, di conoscenza dello stesso desumibile dalla sola spedizione dell'atto, attestata dalla ricevuta di invio della raccomandata rilasciata dall'ufficio postale.

Ora, secondo il regolamento di esecuzione del codice postale e delle telecomunicazioni, la corrispondenza che non abbia potuto essere distribuita e che non sia stata chiesta in restituzione dai mittenti è tenuta per un periodo di quindici giorni negli uffici di destinazione, fatta eccezione per le raccomandate, per le quali il periodo di giacenza è di trenta giorni.
Sempre lo stesso regolamento impone all'agente postale di dare avviso della giacenza di oggetti raccomandati o assicurati, che non abbiano potuto essere distribuiti, ai destinatari e ai mittenti, se identificabili.

Nel caso di specie, precisa la Corte, dalla lettura degli atti processuali emerge che l'avviso per l'udienza del giorno 8 febbraio 2001 (nella quale è stata trattata e decisa la causa) non "fu affatto comunicato al contribuente né nel domicilio dallo stesso eletto presso il proprio difensore né in altro luogo: l'atto processuale, invero, reca unicamente al retro l'annotazione manoscritta (su tre righe) "Assente 1^ 15/12/00 - Assente 2^ 16/12/00 NO - SP" e nella parte superiore del recto un timbro su due righe "AL MITTENTE - PER COMPIUTA GIACENZA" nonché la scritta N - 8714/16.12".

Da questi incomprensibili dati, continua la Cassazione, "non si rileva in alcun modo l'annotazione, da parte dell'agente postale incaricato (il quale non ha sottoscritto nessuna parte dell'atto), né dell'avvenuto effettivo rilascio del prescritto avviso né dei motivi eventualmente impeditivi di tale adempimento per cui la restituzione al mittente per affermata, ma incontrollabile, "compiuta giacenza" si palesa del tutto irregolare per assoluta carenza di tutti gli elementi previsti per facilitare la conoscenza dell'atto, ivi compreso, in particolare (Cass., 3, 22 maggio 2006 n. 11929), il decorso del tempo necessario per potersi ritenuta "compiuta" la "giacenza" del plico presso l'ufficio postale a disposizione del destinatario, per il ritiro".

Da questi presupposti, i giudici di piazza Cavour concludono con l'affermare che, come oramai pacificamente assodato in tema di contenzioso tributario, l'omessa comunicazione alle parti dell'avviso di fissazione dell'udienza di discussione costituisce indiscutibile causa di nullità del procedimento e della decisione della commissione tributaria, con conseguente nullità sia del procedimento d'appello sia della sentenza emessa all'esito della sua definizione.

Marco Denaro
pubblicato Mercoledì 6 Febbraio 2008

I più letti

testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
Il contribuente, per superare la presunzione legale relativa, deve adeguatamente dimostrare che le somme movimentate sono state impiegate per operazioni non imponibili
disegno ape che guarda con lente un pagina con su libro scritto Isee
Mancano ormai pochi giorni all’entrata in vigore della normativa che, archiviando le precedenti regole, dà spazio alla diversificazione delle situazioni e delle prestazioni
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
La Direzione provinciale II di Torino ha scoperto il trucco contabile e ha recuperato 2,2 milioni di euro
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
testo alternativo per immagine
Tra le novità, l’introduzione della procedura di collaborazione volontaria nazionale per tutti i residenti. Sono sanabili le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali