Giurisprudenza
Niente compensazione dei ruoli
con i crediti vantati dal moroso
La Pa, prima di effettuare pagamenti superiori a 10mila euro, deve inoltrare una richiesta di verifica all'agente della riscossione, che è tenuto a eseguirla e a comunicarne l'esito
immagine di banconote legate con catena e lucchetto
L'articolo 2, comma 9, del Dl n. 262/2006, ha introdotto nel Dpr n. 602/1973 l'articolo 48-bis, il cui primo comma dispone che, a decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al successivo secondo comma, le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del Dlgs n. 165/2001, e le società a prevalente partecipazione pubblica, prima di effettuare, a qualunque titolo, il pagamento di un importo superiore a 10mila euro, verificano, anche in via telematica, se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in caso affermativo, non procedono al pagamento e segnalano la circostanza all'agente della riscossione competente per territorio, ai fini dell'esercizio dell'attività di riscossione delle somme iscritte a ruolo.

Il secondo comma del cennato articolo 48-bis rimanda l'attuazione della disposizione recata dal primo comma a un regolamento ministeriale, poi adottato con il Dm n. 40/2008, ai sensi del quale la pubblica amministrazione, prima del pagamento, deve inoltrare una richiesta di verifica - secondo la procedura descritta nell'articolo 4 del decreto - a Equitalia (all'epoca, concessionario della riscossione), la quale a sua volta era tenuta a eseguirla e a comunicarne l'esito.
Pertanto, se l'inadempimento è riscontrato, si avvia la procedura di recupero della somma fiscalmente dovuta, con la comunicazione, da parte di Equitalia, di tale inadempimento all'amministrazione pagatrice ed emerge la condizione sospensiva che il legislatore ha introdotto.

La sentenza della Corte di cassazione n. 15017/2017, per la prima volta, a quanto ci consta, si è espressa su tale misura cautelare pro fisco la quale, è bene rilevare immediatamente, si rende applicabile in presenza di "notifica di una o più cartelle di pagamento", mentre la giurisprudenza di legittimità si era già pronunciata sul fermo amministrativo regolato dall'articolo 69, comma 6, del regio decreto n. 2440/1923.
Infatti, la Corte regolatrice del diritto, con la decisione n. 7320/2014, citata da questa in rassegna, ha affermato, in tema di Iva, che l'articolo 38-bis, comma 3, del Dpr n. 633/1972, concernente i rimborsi dei crediti Iva, non esclude l'applicabilità di tale disciplina generale, non limitando la sospensione dell'esecuzione del rimborso Iva alla sola ipotesi di contestazione penale.
Invero, nella Corte di legittimità vi era un contrasto giurisprudenziale in presenza di un precedente difforme orientamento emerso nella sentenza n. 27265/2006, che contrasta con la precedente decisione n. 4567/2004, poi riaffermata dalle pronuncia n. 9853/2011 (con indicazione delle successive pronunce conformi n. 9246/2013, n. 5349/2015, n. 5139/2016) sul potere dell'amministrazione finanziaria di sospendere l'esecuzione di un rimborso Iva in pendenza di proprie ragioni di credito.

La sentenza del Supremo collegio in rassegna evidenzia la complementarietà tra le due misure cautelari, in quanto l'articolo 69 del Rd n. 2440/1923 si rivolge non alle amministrazioni debitrici genericamente intese (per impedire loro di effettuare i pagamenti), bensì alle sole amministrazioni creditrici appartenenti allo Stato. Infatti, in tale ipotesi, viene a loro attribuita la facoltà di chiedere alle amministrazioni debitrici, se anch'esse appartenenti allo Stato, di sospendere i propri pagamenti quando le prime ritengano di avere verso il medesimo soggetto ragioni di credito, anche non ancora consacrate da titoli che vi attribuiscano certezza, liquidità ed esigibilità, mentre l'articolo 48-bis presuppone che il credito tributario risulti da ruoli già emessi e notificati con cartella di pagamento.

L'effetto desunto dal Collegio supremo è la legittimità della sospensione, nel caso di specie, del rimborso Iva, da parte dell'amministrazione finanziaria in favore di un contribuente, sulla base del citato istituto del fermo amministrativo, "in quanto questo risulta finalizzato alla compensazione legale tra il debito della Pubblica Amministrazione ed i crediti (anche se non ancora liquidi ed esigibili) che la stessa vanta nei confronti del contribuente (nella specie, per un ritenuto maggior debito del medesimo tributo), a prescindere dall'esistenza, o meno, di un pericolo per la riscossione".

Non si riscontrano precedenti giurisprudenziali in termini, ma la sezione tributaria della Cassazione, con la decisione n. 8846/2016, ha statuito che la sospensione temporanea dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni all'esito di una procedura di verifica dettagliatamente regolata nelle modalità e nei termini dall'articolo 48-bis del Dpr n. 602/1973 nonché dal provvedimento attuativo Dm n. 40/2008, non è idonea a paralizzare la forza esecutiva della sentenza passata in giudicato né a precludere la proposizione di un giudizio di ottemperanza.


a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Venerdì 29 Settembre 2017

I più letti

Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
La particolarità della fattispecie tributaria impone una restrittiva interpretazione dell’articolo 1224, comma 2, del codice civile, riguardo al calcolo degli interessi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Prevista la soppressione dei modelli trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi; diminuisce il numero dei contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione all'Amministrazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino