Giurisprudenza
Operazioni esenti: il cessionario
non può chiedere rimborso dell’Iva
Se consumatore finale, si instaura un rapporto privatistico con il cedente, tale per cui l’imposta sull’acquisto di beni o servizi destinati a quelle attività grava solo su di lui
Operazioni esenti: il cessionario|non può chiedere rimborso dell’Iva
La fattispecie sub judice ha ad oggetto un diniego di rimborso dell’Iva versata in rivalsa da parte di un’università gestore di un policlinico e produttore di servizi sanitari sugli acquisti di beni destinati ad attività esenti.
Nello specifico, l’Amministrazione finanziaria contesta la legittimazione passiva dell’università cessionaria a chiedere detto rimborso, in quanto la medesima non sarebbe titolare di un valido credito restitutorio nei confronti dell’erario.
 
In tale stato di cose, la suprema Corte di cassazione con la sentenza n. 17169/2015 ribadisce che è principio consolidato nella giurisprudenza di legittimità quello per cui, in tema di Iva, soggetto legittimato a richiedere il rimborso all’Amministrazione finanziaria (e, conseguentemente, obbligato alla restituzione di quanto versato nei confronti del cessionario) è unicamente il cedente.
Ciò, in quanto dal compimento di un’operazione imponibile discenderebbero tre rapporti distinti, seppur collegati: uno tra l’Amministrazione finanziaria e il cedente, relativamente al pagamento dell’imposta; uno tra il cedente e il cessionario, in ordine alla rivalsa e un altro (eventuale) tra l’Amministrazione finanziaria e il cessionario, riguardante la detrazione dell’imposta assolta in via di rivalsa, quando il cessionario è a sua volta un soggetto passivo Iva.
Pertanto, ne consegue che “solo il cedente ha titolo ad agire per il rimborso nei confronti dell’amministrazione, la quale, pertanto, essendo estranea al rapporto tra cedente e cessionario, non può essere tenuta a rimborsare direttamente a quest’ultimo quanto dallo stesso versato in via di rivalsa” (in tal senso: Cassazione, 29 aprile 2003, n. 6632, e 14 marzo 2012, n. 4020).
 
Il suddetto principio di diritto è valevole per tutte le ipotesi in cui il cessionario rivesta la posizione di consumatore finale, ossia di soggetto definitivamente inciso dall’imposta. Tale circostanza si verifica non solo quando il cessionario non è un soggetto passivo Iva, ma anche ogniqualvolta gli acquisti effettuati dal cessionario siano destinati in via esclusiva alla realizzazione di operazioni esenti o non imponibili, con la conseguenza che grava definitivamente a carico del medesimo l’Iva versata in rivalsa al cedente.
 
Viceversa, il rapporto tributario tra cessionario e Amministrazione finanziaria, con conseguente diritto del primo di rivolgersi direttamente a quest’ultima per ottenere il rimborso, riemerge “tutte le volte in cui l’indebita IVA versata in rivalsa sull’acquisto di beni e servizi destinati all’esercizio della attività economica, venga a riflettersi sulla liquidazione della imposta nella dichiarazione annuale del contribuente”; ossia per tutti gli acquisti destinati alla realizzazione di operazioni imponibili, in relazione ai quali sorge il diritto alla detrazione dell’Iva assolta “a monte” in capo al cessionario (in tal senso, Cassazione, 26 ottobre 2012, n. 18425).
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Giovedì 11 Febbraio 2016

I più letti

L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
I titolari di reddito d’impresa dovranno inviare il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta tramite i servizi telematici dell'Agenzia: Fisconline o Entratel
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
La procedura è stata definita dopo un proficuo confronto nell’ambito del Forum italiano sulla fatturazione elettronica e una serie di incontri con l’associazione di categoria Confida
Quelli versati dai partecipanti al momento della costituzione, per l’ente non hanno rilevanza reddituale, cioè non concorrono alla determinazione del suo reddito imponibile
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap