Attualità
Più veloci le impugnazioni,
il termine lungo ora è dimezzato
La disposizione non si applica a coloro i quali dimostrino di non aver avuto conoscenza del processo
calendario

La possibilità di impugnare le sentenze emesse dai giudici tributari è soggetta a termini perentori, trascorsi i quali la sentenza passa in giudicato (articolo 51, primo comma, Dlgs 546/1992). Il termine per opporsi alle sentenze della Commissioni tributarie provinciali e regionale e, comunque, per proporre la revocazione ordinaria, è di sessanta giorni (cosiddetto termine breve).
 
La parte che ha interesse ad abbreviare il termine di impugnazione (in genere il non soccombente nel precedente grado di giudizio) ha l'onere di provvedere direttamente alla notificazione della sentenza alle altre parti (articoli 137 e seguenti del codice di procedura civile).

Di contro, se nessuna delle parti provvede alla notifica della sentenza, si applica - per l'espresso richiamo di cui all'articolo 38, comma 3, del Dlgs 546/1992 - la disposizione contenuta nell'articolo 327 del c.p.c., primo comma, che fa parte di quelle del codice di procedura civile recentemente rivisitate dalla legge 69/2009. Al riguardo, l'articolo 46, comma 17 della legge, ha sostituito le parole "decorso un anno", dell'articolo 327, con "decorsi sei mesi", apportando quindi la riduzione da un anno a sei mesi al termine "lungo" per le impugnazioni delle sentenze.

Quindi, "decorsi sei mesi" dalla pubblicazione della sentenza (ossia dal deposito della stessa presso la segreteria della Commissione stessa - ex articolo 37, primo comma, Dlgs 546/1992) si decade dalla possibilità di impugnazione.

Tale modifica legislativa di riduzione del termine annuale di decadenza dalle impugnazioni troverà applicazione ai giudizi instaurati dopo la data di entrata in vigore della legge (il quindicesimo giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta ufficiale, avvenuta il 19 giugno scorso), come precisa l'articolo 58, norma transitoria della richiamata legge 69/2009.
Va inoltre precisato che se il periodo di impugnazione ricade nel periodo 1° agosto-15 settembre, ai fini dell'effettiva determinazione dei termini per ricorrere, sia per il cosiddetto "termine breve" che per il "termine lungo", si dovranno comunque aggiungere i 46 giorni previsti dalla legge 742/1969 per la sospensione feriale dei termini processuali.

L'unico profilo di inapplicabilità della decadenza semestrale per l'impugnazione, riguarda coloro i quali non si sono costituiti in giudizio e dimostrino di non aver avuto conoscenza del processo per nullità della notificazione del ricorso e della comunicazione dell'avviso di fissazione dell'udienza (articolo 38, terzo comma, Dlgs 546/1992).
Questa previsione è volta a tutelare la posizione di colui che è rimasto sostanzialmente estraneo al giudizio, consentendogli di proporre impugnazione tardiva entro un anno (ora sei mesi) e 46 giorni dall'eventuale conoscenza della pronuncia.

È importante sottolineare che nel concorso di termine breve e termine lungo, quest'ultimo prevale sul primo. Se, ad esempio, la notifica della sentenza avviene a ridosso della scadenza del termine lungo, una volta che il periodo previsto dall'articolo 327 c.p.c. sia concluso, l'eventuale tempo residuo, determinato dalla notifica dell'atto, non ha più rilievo.
Il termine breve non consente mai di superare quello lungo. Ciò in quanto il termine lungo è funzionalmente teso ad assicurare la certezza del diritto attraverso la definitività, in tempi ragionevoli, delle sentenze emesse e delle situazioni giuridiche su cui esse statuiscono.
 

Francesco Paolo Veniero Calculli
Massimo Longo
pubblicato Venerdì 18 Settembre 2009

I più letti

vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
testo alternativo per immagine
Il parere dell’Agenzia sul principio di neutralità fiscale dell’operazione in capo ai soci, in base al quale il concambio delle partecipazioni originarie non genera materia imponibile
sttretta di mano
Al centro del protocollo, lo scambio di informazioni e la lotta alle compensazioni indebite, finalizzate principalmente al rilascio del documento unico di regolarità contributiva
computer
Le applicazioni utilizzano una nuova tecnologia che consente di usufruire sempre dell’ultima versione disponibile del programma, evitando le procedure di aggiornamento
agenzia immobiliare
Il loro elevato numero e le contraddizioni rilevate tra agende e block notes danno origine a presunzioni semplici, ma corredate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza
vignetta
Nuove e più avanzate forme di comunicazione entrano in gioco nei rapporti tra Fisco, contribuenti e Guardia di finanza. Ad andare in chiaro, ora, è l’attivo del reddito d’impresa
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
due tasti del pc
I database delle due agenzie fiscali interessate alle nuove modalità di trasmissione delle dichiarazioni di chi effettua operazioni con l’estero, ora parlano la stessa lingua
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
Dogana con la Svizzera
La corretta collocazione nei modelli del regime che consente agli acquirenti stranieri di non pagare l’imposta sul valore aggiunto relativa a beni comprati in Italia