Giurisprudenza
Requisiti per induttivo e analitico?
L’ufficio può scegliere quale usare
L’utilizzo del secondo metodo, pur in presenza dei presupposti per il primo tipo, non comporta l’illegittimità dell’avviso di accertamento ai fini delle imposte sui redditi
due matite
La Corte di legittimità (decisione 17 gennaio 2013, n. 1122) conferma la sua giurisprudenza sull'esistenza dei presupposti per l'applicazione del metodo induttivo ai sensi dell'articolo 39, comma 2, lettera d), Dpr n. 600/1973, affermando che esso non esclude che l'Amministrazione finanziaria possa servirsi, nel corso del medesimo accertamento e per determinate operazioni, del metodo analitico ex articolo 39, comma 1, oppure, contemporaneamente, di entrambe le suddette metodologie. Sul punto si confronti la pronuncia del Supremo collegio 18 dicembre 2006, n. 27068.
 
Nel caso di specie, il giudice tributario aveva reputato illegittima la determinazione del reddito imponibile ai fini Irpeg e Irap, con un accertamento di tipo analitico in quanto l'entità e la gravità dei rilievi mossi e l'inattendibilità delle scritture contabili avrebbero giustificato il ricorso alla procedura ex articolo 39, comma 2, con l’effetto di quantificare “il reddito imponibile attraverso l'applicazione di una percentuale desunta dalla media del settore merceologico, non potendosi invece procedere all'automatico ribaltamento dei costi inesistenti in reddito imponibile”.
 
La peculiarità della controversia è offerta dalla minore entità dell’accertamento fondata su tale modalità induttiva rispetto a quanto risultante dall’accertamento analitico fondata sulla negazione dei costi ritenuti inesistenti, mentre usualmente, come ricorda la sentenza in rassegna, “l'accertamento analitico, rispetto a quello induttivo, offre maggiori garanzie al contribuente, in quanto vengono chiariti i motivi delle singole riprese permettendo un più puntuale esercizio del diritto di difesa, consentendo un contraddittorio su base analitica e non presuntiva”.
Infatti, l’articolo 39 del Dpr n. 600 del 1973, al secondo comma, prevede che l’accertamento induttivo può essere fondato anche su presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza, sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolti o venuti a sua conoscenza, “con facoltà di prescindere in tutto o in parte dalle risultanze del bilancio e dalle scritture contabili in quanto esistenti”, allorquando il reddito d'impresa non sia stato indicato nella dichiarazione oppure nelle ipotesi più gravi di mancanza o di inattendibilità di una o più delle scritture contabili prescritte dal legislatore, ovvero anche in ipotesi di omessa risposta all’invito dell’ufficio finanziario.
Nessun dubbio che la citata disciplina accertatrice individui la posizione giuridica soggettiva dell’ufficio finanziario in termini di “facoltà” nel caso di specie volta a scegliere se tenere conto in tutto o in parte delle risultanze documentali e non in termini di “obbligo”, con l’effetto che all'ufficio non è preclusa la possibilità di procedere ad accertamento analitico, mentre di certo non può mai sostenersi il contrario, ossia che al ricorrere dei soli presupposti per l'accertamento in via analitica, possa procedersi ad accertamento induttivo.
 
La decisione in rassegna si segnala ove afferma l’esistenza di una regola generale volta a privilegiare sempre e comunque l'accertamento analitico, in quanto garante di maggiore certezza, con l’effetto che il ricorso al metodo induttivo, seppur giustificato dall'assoluta inattendibilità delle scritture contabili (e legittimante un accertamento "sulla base dei dati e delle notizie comunque raccolti o venuti a conoscenza" dell'ufficio), non fa “sorgere all'Ufficio alcun obbligo di disattendere la documentazione ufficiale, che costituisce comunque il termine di raffronto rispetto alla ricostruzione del reddito effettuata aliunde”.
In questi termini si esprime la giurisprudenza di legittimità, ad esempio, nella decisone 26 ottobre 2005, n. 20837, che aveva affermato che qualora, pur in presenza delle condizioni suscettibili di legittimare l'adozione di un accertamento induttivo a termini del comma 2 dell'articolo 39, la rettifica sia stata operata con metodo analitico, a mente del comma 1 della cennata disposizione, il contribuente non ha titolo per lamentare l'emissione nei suoi confronti di un accertamento analitico, invece che di un accertamento induttivo o sintetico.
In tale occasione fu aggiunto pure che l'ufficio finanziario non soltanto è legittimato alla determinazione del reddito con il metodo analitico-induttivo, ma anche all’utilizzo - in deroga alla regola generale - delle presunzioni semplici prive dei requisiti di cui all'articolo 2729 cc, come previsto, appunto, per l’accertamento induttivo puro (su cui si veda la pronuncia della Suprema corte 21 maggio 2007, n. 11692, in presenza di inattendibilità dell'intera contabilità).
 
La Corte regolatrice del diritto, nella sentenza 3 febbraio 2012, n.1555, aveva affermato che la Commissione tributaria adita per l'annullamento dell'avviso di rettifica del reddito d’impresa, individuato dall'Amministrazione finanziaria con metodo analitico ex articolo 39, comma 1, del Dpr n. 600/1973, non possa procedere alla determinazione induttiva dell'utile di gestione, pur sussistendo i presupposti per l’accertamento induttivo per omessa tenuta delle scritture contabili.
In tale circostanza viene desunta l’illegittimità della sentenza del giudice tributario che abbia rideterminato il reddito accertato solo nella misura del 20% dei ricavi, pur dopo l'esplicito riconoscimento della mancanza di ogni prova dell'esistenza dei costi per violazione dell’articolo 75 del Tuir (ante 2004).
Nella controversia oggetto della sentenza che si annota, si è ritenuto che il giudice di merito aveva errato nel ricavare la necessità del ricorso al metodo induttivo dall'irragionevolezza del risultato a cui sarebbe addivenuto l'ufficio finanziario, ma ciò logicamente è stato ritenuto inammissibile “in quanto l'argomento dell'assurdità delle conclusioni non può valere da solo a sostenere l'illegittimità del metodo attraverso il quale il reddito è stato ricostruito”.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Giovedì 4 Aprile 2013

I più letti

L’accertata responsabilità dell’intermediario non esonera il contribuente dal versamento dell’imposta; lo stesso non è sanzionabile solo se si rivolge all’autorità giudiziaria
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Può essere rilasciata anche dal commercialista dell’impresa che richiede il bonus (se è un revisore legale) e non va trasmessa, ma conservata ed esibita in caso di controllo
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Per godere dell’agevolazione, dev’essere “in gioco” la salute fisica o psichica, non il mero desiderio di migliorare l’aspetto per le ragioni più varie (lavorative, di affermazione sociale)
Rottamazione-ter, semplificazioni per l’emissione delle fatture, obbligo generalizzato di trasmissione e memorizzazione telematica dei corrispettivi, definizione agevolata
Tra le novità, i controlli dell’Enea su documenti, dichiarazioni e certificazioni prodotti dal contribuente o dall’amministratore di condominio. Previsti anche sopralluoghi sul posto
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’accertata responsabilità dell’intermediario non esonera il contribuente dal versamento dell’imposta; lo stesso non è sanzionabile solo se si rivolge all’autorità giudiziaria
Può essere rilasciata anche dal commercialista dell’impresa che richiede il bonus (se è un revisore legale) e non va trasmessa, ma conservata ed esibita in caso di controllo
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Rottamazione-ter, semplificazioni per l’emissione delle fatture, obbligo generalizzato di trasmissione e memorizzazione telematica dei corrispettivi, definizione agevolata
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino