Giurisprudenza
Ricorso per cassazione: la notifica
richiede l’ufficiale giudiziario
La non osservanza della regola disciplinata dalla procedura civile non è sanabile dal principio per cui la nullità non può essere pronunciata se l’atto ha raggiunto il suo scopo
Ricorso per cassazione: la notifica|richiede l’ufficiale giudiziario
In tema di contenzioso tributario, l’articolo 16, comma 3, del Dlgs 546/1992, nella parte in cui consente la notifica “mediante consegna dell'atto all'impiegato addetto che ne rilascia ricevuta sulla copia”, non si applica al ricorso per cassazione avverso le sentenze delle commissioni tributarie, che resta assoggettato alle norme del codice di procedura civile ove compatibili.
La consegna diretta di tale ricorso, a opera del ricorrente o del suo difensore, all’impiegato addetto all’ufficio esula completamente dal paradigma normativo della notifica contemplata dal codice di rito, che postula l’intervento dell’ufficiale giudiziario e, pertanto, deve considerarsi inesistente; dal che discende l’inammissibilità del ricorso per omessa notifica, rispetto alla quale non opera la sanatoria del raggiungimento dello scopo prevista dall’articolo 156, comma 3, del codice di procedura civile.
A ribadirlo la Cassazione, con sentenza 21866 del 28 ottobre 2016.
 
Il caso
Un contribuente impugnava un avviso di accertamento con cui l’Agenzia delle Entrate aveva proceduto a una ricostruzione analitico induttiva dei ricavi attraverso l’applicazione di una diversa e più alta percentuale di ricarico sulla merce venduta.
La Commissione tributaria provinciale, con sentenza confermata anche in grado di appello, abbatteva parzialmente i maggiori ricavi accertati considerando i maggiori sconti riconosciuti ad alcuni particolari clienti secondo una diffusa pratica commerciale.
Nel successivo ricorso dinanzi alla Corte suprema, l’interessato contestava, tra l’altro, l’erronea applicazione del criterio della media aritmetica semplice in luogo di quella ponderata, che meglio avrebbe colto la diversità dei prodotti venduti anche in termini di ricarico applicato.
 
La pronuncia della Cassazione
Nessuna delle doglianze è stata esaminata perché la Cassazione, in accoglimento del controricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate, ha dichiarato l’inammissibilità del gravame in quanto proposto mediante consegna “diretta” presso l’ufficio finanziario ovvero secondo una modalità espressamente riservata alla proposizione del ricorso nei gradi di merito.
 
I giudici di legittimità hanno mostrato quindi di aderire all’orientamento prevalente, secondo cui è da ritenersi inesistente la notifica del ricorso per cassazione attraverso la consegna diretta dello stesso all’impiegato addetto all’ufficio delle Entrate.
Ciò in ragione del recente arresto delle sezioni unite (sentenza 14916/2016), in base al quale “l'inesistenza della notificazione del ricorso per cassazione è configurabile, in base ai principi di strumentalità delle forme degli atti processuali e del giusto processo, oltre che in caso di totale mancanza materiale dell'atto, nelle sole ipotesi in cui venga posta in essere un'attività priva degli elementi costitutivi essenziali idonei a rendere riconoscibile un atto qualificabile come notificazione”.
Tra questi elementi rientra l’attività di trasmissione dell’atto che deve essere svolta da un soggetto qualificato, dotato, in base alla legge, della possibilità giuridica di compiere detta attività, cosa che è mancata nella fattispecie concreta in cui il ricorso per cassazione è stato proposto dal contribuente personalmente, legittimato solamente nei gradi di merito.
 
Ulteriori osservazioni
La norma generale di riferimento in materia di notificazioni degli atti del processo tributario è costituita dall’articolo 16 del Dlgs 546/1992 il quale, dopo aver stabilito al comma 2 che le notificazioni si eseguono “secondo le norme degli articoli 137 e seguenti del Codice di procedura civile, salvo quanto disposto dall’art. 17”, disciplina, al comma 3, due peculiari modalità “semplificate”: la notificazione “diretta” (senza, cioè, l’intermediazione dell’ufficiale giudiziario o di altro agente notificatore) a mezzo del servizio postale “mediante spedizione dell’atto in plico senza busta raccomandato con avviso di ricevimento” (si tratta di modalità utilizzabile da entrambe le parti) oppure attraverso “consegna dell’atto all’impiegato addetto che ne rilascia ricevuta sulla copia”.
 
La notificazione postale “diretta”, in base all’articolo 38, comma 2, del Dlgs 546/1992, può essere utilizzata anche per la notificazione delle sentenze delle Commissioni tributarie provinciali e regionali.
Invece, secondo l’orientamento ormai consolidato della giurisprudenza di legittimità, avallato dalla sentenza in commento (cfr ex multis, Cassazione, pronunce 9531/2015, 6217/2015 e 25395/2014) “in tema di contenzioso tributario, la possibilità … di proporre il ricorso mediante la consegna diretta o la spedizione a mezzo posta, non si estende a quello per cassazione, la cui notificazione deve pertanto essere effettuata esclusivamente nelle forme previste dal Codice di procedura civile, a pena di inammissibilità rilevabile d’ufficio”.
 
In conclusione, va ricordato che, in materia di notifiche, è sì vero che esiste il principio di ordine generale fissato dall’articolo 156, comma 3, cpc, secondo il quale la nullità “non può mai essere pronunciata, se l’atto ha raggiunto lo scopo a cui è destinato”, ma tale disposizione non può ritenersi applicabile nei casi, come la mancata osservanza delle norme del codice di procedura civile per la notifica del ricorso per cassazione, riconducibili alla categoria dell’inesistenza giuridica, rispetto alla quale la sanatoria non opera.
Francesco Brandi
pubblicato Giovedì 10 Novembre 2016

I più letti

Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
invio dati da computer
Banche, assicurazioni, università statali e private, enti previdenziali, sono chiamati all’appello per inviare, entro il 28 febbraio, i dati da inserire nella dichiarazione dei redditi
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Dopo l’ufficializzazione delle regole attuative, l’approvazione del modello per la richiesta e la predisposizione del software per trasmetterla, ecco il necessario riepilogo
Il più recente orientamento della Cassazione afferma l’irrilevanza, in ambito tributario, della natura accessoria dei contratti di garanzia, privilegiando l’autonomia dei singoli negozi
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino