Giurisprudenza
Rimborsi: dal Fisco al contribuente
interessi aggiornati a sei mesi
Altro è il discorso per quelli ordinari che si acquistano di giorno in giorno. Questo è quanto stabilito dalla norma che regola la restituzione delle maggiori somme pagate
immagine generica
Gli interessi dovuti per il ritardo nel rimborso delle imposte dirette vengono a maturare, per ogni semestre intero, escluso il primo, con decorrenza dalla data di versamento e fino a quella dell’ordinativo di pagamento, a differenza degli ordinari interessi che, in quanto frutti civili, si acquistano di giorno in giorno. Lo ha chiarito la Cassazione, con la sentenza 15246 del 12 settembre.
 
I fatti
La vicenda trae origine dal giudizio di ottemperanza (ex articolo 70, comma 7, Dlgs 546/1992) con il quale una società per azioni chiedeva l’ulteriore esecuzione del giudicato nascente dalla sentenza 21/7/03, emessa dalla Commissione tributaria regionale del Lazio. In particolare, la stessa Commissione accoglieva il ricorso della contribuente e disponeva, con ordinanza, che doveva essere ancora corrisposta dall'Agenzia delle Entrate alla società “la differenza di interessi fra il 2,50% e l’1,375%, già liquidata, dal 21 gennaio 2003 al 30 giugno 2003”.
L’ordinanza, quindi, modificava quanto disposto dal commissario ad acta, negli ordinativi di pagamento emessi a favore della contribuente, in relazione al tasso degli interessi sulla sorte capitale spettante a titolo di restituzione delle maggiori imposte Irpeg e Ilor versate per l’anno 1997, rispetto agli importi effettivamente dovuti. E cioè, a parere della Commissione, il saggio degli interessi spettanti alla Spa (ex articolo 44, Dpr 602/1973), per ciascuno dei semestri, escluso il primo, compresi dalla data del versamento della maggiore imposta e quella dell’ordinativo emesso a suo favore, doveva essere correlato ai mutamenti del tasso di interesse sul debito dell’amministrazione, via via intervenuti nel corso di ciascun semestre.
 
Di diverso avviso l’Agenzia delle Entrate che ha impugnato l’ordinanza per cassazione, lamentando, tra l’altro, violazione e falsa applicazione degli articoli 44, Dpr 602/1973, e 1, Dm 27 giugno 2003, in relazione all’articolo 360, n. 3, c.p.c.. A parere dell’Amministrazione, infatti, gli interessi dovuti per il ritardo nel rimborso delle imposte dirette, a differenza degli ordinari interessi che, in quanto frutti civili, si acquistano di giorno in giorno, verrebbero a maturare, invece, per ogni semestre intero, escluso il primo, con decorrenza dalla data del versamento e fino a quella dell’ordinativo di pagamento. Di conseguenza, nel caso concreto, il tasso di interessi applicabile sarebbe stato quello previsto dall’articolo 1, Dm 27 giugno 2003 (1,375%, entrato in vigore il 1° luglio 2003, e non quello del 2.50% vigente all’inizio del semestre in discussione (21 gennaio-21 luglio 2003).
 
La Cassazione ha accolto il ricorso e precisato che il riferimento letterale dell’articolo 44, Dpr 602/1973, ai “semestri interi” conduce a ritenere che “… il tasso legale al quale occorre fare riferimento per la liquidazione degli interessi sulla restituzione della maggiore imposta pagata, è quello vigente - in forza dei decreti ministeriali emessi in materia - al momento in cui viene a scadenza ciascun singolo semestre, giacchè è solo in tale momento che il diritto alla percezione di detti interessi viene a maturare a favore del contribuente”.
 
Osservazioni
La Corte, dopo aver precisato quale sia l’oggetto del giudizio di ottemperanza agli obblighi derivanti dalle sentenze delle commissioni tributarie (articolo 70, Dlgs 546/1992), fornisce chiarimenti con riferimento alla misura degli interessi relativi alle imposte che l’Amministrazione deve restituire al contribuente in quanto non dovute.
Tale giudizio presenta connotati diversi dal corrispondente e concorrente giudizio esecutivo civile, in quanto il suo scopo non è quello di ottenere l’esecuzione coattiva del comando contenuto nella decisione passata in giudicato, bensì quello di rendere effettivo tale comando, delimitando la reale portata precettiva della sentenza di cui si chiede l’esecuzione (Cassazione, nn. 20202/2010 e 646/2012).
 
Nel caso in esame, quindi, il giudice dell’ottemperanza ha enucleato e precisato il contenuto degli obblighi nascenti dalla decisione passata in giudicato e da eseguire (Cassazione, sentenza 22188/2004), ricomprendendovi anche gli interessi sul credito chiesti dalla società contribuente e definiti nel decisum proprio per la loro natura di obbligazione accessoria a quella di restituzione del capitale (Cassazione, sentenza 3555/2005).
Ma ha errato nel calcolo degli stessi interessi.
 
A tale riguardo, i giudici di legittimità, correggendo l’ordinanza, individuano la disposizione normativa, ne forniscono un’interpretazione letterale, la inquadrano nel sistema generale.
L’articolo 44, Dpr 602/1973, nel prevedere il tasso di interesse (modificato di volta in volta da successivi e periodici decreti ministeriali) sulla restituzione di somme versate, a titolo di imposte dirette, in eccedenza a quanto effettivamente dovuto per il periodo in considerazione, stabilisce che il contribuente ha diritto alla corresponsione di tale interesse “per ognuno dei semestri interi, escluso il primo” ricompresi tra la data del versamento e quella dell'ordinativo con il quale venga, in concreto, effettuata la restituzione della maggiore imposta versata.
A tale riguardo, proprio dalla lettera della norma emerge che il diritto agli interessi matura al compimento di ogni singolo semestre, escluso il primo, e al tasso vigente a tale momento. Oltre che dal dato letterale, tale conclusione appare avvalorata anche dall’articolo 1, legge 29/1961. Tale disposizione, sebbene dettata in tema di imposte indirette, può essere considerata una norma contenente una previsione generale in materia di interessi da corrispondersi nell'ambito dei rapporti tributari (Cassazione, sentenza 15222/2004), stabilisce che sulla sorte capitale dovuta dall’Erario al contribuente, a titolo di restituzione di imposte e tasse, spettano al medesimo gli interessi moratori “da computarsi per ogni semestre compiuto”.
 
Il richiamo a tale disposizione è servito alla Corte a evidenziare e confermare la tendenza della normativa in materia, secondo la quale il diritto alla percezione degli interessi sulle somme dovute dall’Amministrazione finanziaria a titolo di rimborso di imposta, e la loro misura, è ancorato a quanto normativamente stabilito, al riguardo, al momento della scadenza di ciascun singolo semestre.
Di conseguenza, nell’ipotesi sottoposta al suo esame, la Cassazione ha affermato che, con riferimento al semestre 21 gennaio-21 luglio 2003, non può essere applicato sulla sorte capitale a carico dell’Erario, il tasso di interesse del 2,50% in vigore (dal 21 gennaio 2003) all’inizio del semestre in questione, bensì quello dell’1,375% vigente (dal 1° luglio 2003) alla data di scadenza del semestre. E cioè gli interessi per ritardato rimborso di imposte pagate e non dovute decorrono dal secondo semestre successivo alla data del versamento (Cassazione, sentenza 22217/2008).
Romina Morrone
pubblicato Giovedì 27 Settembre 2012

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino