Giurisprudenza
Tassa rifiuti: i centri commerciali
non pagano come gallerie d’arte
Illegittimo l’avviso di accertamento per inapplicabilità della categoria di attività stabilita dal regolamento comunale, ma tocca al giudice di merito individuare quella più consona
bidone rifiuti differenziati
La Corte regolatrice del diritto (sentenza n. 25913/2015), avendo correttamente ritenuto illegittimo un avviso di accertamento emesso da un Comune ai fini della richiesta di maggiore tassa per lo smaltimento di rifiuti solidi urbani fondata sull’applicazione ai centri commerciali della categoria “gallerie d’arte”, ha imposto al giudice di merito di individuare quella ritenuta più confacente, in quanto il contribuente non aveva dichiarato tutta la superficie tassabile.
 
Il giudice di legittimità difatti, innanzitutto, conferma la propria giurisprudenza sul fatto che la delibera comunale di determinazione della tariffa in materia di Tarsu prevista dall’articolo 65 del Dlgs n. 507/1993, è un atto amministrativo a contenuto generale o collettivo, che si rivolge a una pluralità indistinta - per quanto determinabile ex post - di destinatari, occupanti o detentori, attuali o futuri, di locali e aree tassabili.
In questo senso, vengono citate le pronunce n. 7044/2014 e n. 22804/2006, per la quale ultima la tassa - da commisurare a determinati parametri, quantità e qualità dei rifiuti prodotti - non esclude che il Comune possa individuare in base ad altri parametri reperibili entro i limiti della logica e dell’equità contributiva.
 
L’effetto desunto da tale giurisprudenza è che detta tassa vada “di conseguenza interpretata dal giudice tributario allo specifico fine di commisurare il tributo” e, quindi, nella controversia oggetto della decisione di legittimità in rassegna, il giudice di merito deve individuare la più appropriata categoria di attività svolte nei locali tra quelle indicate nel cennato regolamento comunale, in quanto il tributo è dovuto per legge nazionale dall’articolo 62 del decreto legislativo citato per l’occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti.
Tale asserzione è ritenuta valida ancorché lo stesso Comune confessi che nessuna delle distinte categorie tariffarie era direttamente applicabile alle superfici di uso comune posti nei centri commerciali e che “il contrario rilievo del Comune, secondo cui invece la tariffa dovevasi considerare solo ricognitiva di un criterio tariffario già desumibile dal regolamento Tarsu (art. 16), è del tutto assertorio”.
 
Peraltro, la suprema Corte aveva anche ritenuto irrilevante che il regolamento comunale di determinazione della tariffa in materia di Tarsu contenesse anche la disposizione di chiusura, secondo cui “per i locali ed aree eventualmente adibiti ad usi diversi da quelli sopra classificati si applicano le tariffe relative alle voci rispondenti agli usi per attitudine quantitativa e qualitativa a produrre solidi urbani”.
 
La ragione della rimessione della controversia al giudice di merito si fonda sulla natura del processo tributario individuata in quella di impugnazione-merito e non di impugnazione-annullamento, con la conseguenza che il giudice tributario deve stabilire il corretto criterio di tassazione, in quanto non si è di fronte a vizi di forma dell’atto impositivo, ma di accertamento del tributo da pagare.
Da qui, il principio di diritto evidenziato dalla sentenza del supremo Collegio in commento, secondo cui l’eventuale inapplicabilità ratione temporis della tariffa indicata dall’ente impositore nell’avviso di accertamento non legittima, però, l’annullamento dell’atto tributario, una volta appreso che l’atto era stato notificato, dovendo il giudice di merito individuare il corretto criterio di tassazione, una volta emerso che l’atto era stato notificato in ragione dell’infedele dichiarazione della superficie imponibile.
 
Invero, proprio tale notazione risulta stonata, in quanto sembrerebbe che l’attribuzione del potere al giudice tributario di individuare quale sia la corretta debenza del tributo trovi la sua giustificazione - non vuol dirsi esclusivamente - ma anche su elemento fattuale diverso da quello indicato dal Comune, ossia la diversa superficie tassabile (mai entrata nel dibattito processuale), individuato nella categoria di attività applicabile a quella attività svolta nella parti comuni dei centri commerciali.
 
 
a cura di Giurisprudenza delle imposte edita da ASSONIME
pubblicato Giovedì 18 Febbraio 2016

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
I valori sono rilevanti fiscalmente per la determinazione del reddito imponibile, pertanto, in presenza dei requisiti, non vengono considerate le somme effettivamente corrisposte
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino