Versamenti omessi o ritardati, il condono del tutto o niente
Per i giudici trentini l'istanza si perfeziona solo con il pagamento integrale e puntuale delle somme dovute
versamento.jpg
Pagare in parte e/o in ritardo le somme dovute per la definizione degli omessi o ritardati versamenti (articolo 9-bis, legge 289/2002) porta all'inefficacia del condono e l'istanza non si perfeziona. Questa è in sintesi la parte saliente di una decisione presa, a favore dell'agenzia delle Entrate, il 22 settembre 2008 dalla Commissione tributaria di II grado di Trento con la sentenza n. 88.
In primo grado, la Commissione aveva accolto solo in parte le motivazioni dell'Amministrazione.
Già altre tre sentenze di II grado (le numero 55, 58 e 87 del 2008) avevano trattato casi e decisioni simili.

Dicembre 2005. Una Sas aveva versato in tale data ciò che avrebbe dovuto pagare esattamente e con termine perentorio il 30 novembre 2004. Si trattava del versamento relativo alla quarta e ultima rata di una somma calcolata in applicazione dell'articolo 9-bis della legge 289/2002, dovuta a titolo di condono di un debito Irpef.

L'ufficio di Cavalese negava la validità dell'operazione: la quarta rata del condono era stata versata con più di un anno di ritardo. Considerando che la legge 289/2002 pone una scadenza improrogabile, l'ufficio notificava un provvedimento di diniego di definizione del condono e applicava la sanzione prevista dall'articolo 13 del Dlgs 471/1997, rapportata all'imposta originariamente non versata.

La Sas contestava il provvedimento dell'Amministrazione e ricorreva ai giudici tributari. La società indicava un orientamento: il condono si deve ritenere perfezionato già con il pagamento della prima rata. Proponeva, quindi, l'annullamento del provvedimento dell'ufficio e, in via subordinata, il riconoscimento della validità della definizione agevolata, con l'applicazione di una sanzione pari al 30%, calcolata sulla somma non versata.

La Commissione tributaria di primo grado accoglieva questa impostazione.

Nell'aprile 2008, l'ufficio locale riapriva i giochi, chiamando in causa la Commissione tributaria di II grado. L'appello ha permesso oggi di rivedere il primo giudizio, mettendo in risalto il carattere contraddittorio delle motivazioni, ricostruendo quello che dovrebbe essere a maggior diritto un corretto percorso tra le norme che regolano i casi di condono fiscale, a partire, ovviamente, da quelli previsti dalla Finanziaria 2003.

L'articolo 9-bis della legge 289/2002 disciplina, come anticipato, la definizione dei ritardati od omessi versamenti, prevedendo la possibilità per il contribuente di provvedere al pagamento, in un'unica o in più rate, delle imposte risultanti dalle dichiarazioni ante 31 dicembre 2002 e mai versate. Il contribuente paga una somma a condono maggiorata da una sanzione calcolata in base all'articolo 13 del Dlgs 471/1997.

"La mera lettura del dato letterale della norma de qua consente di affermare che i contribuenti al fine di potersi avvalere delle disposizioni di cui all'articolo stesso, devono, in primo luogo, provvedere al necessario pagamento di quanto dovuto e, poi, presentare una dichiarazione integrativa, in via telematica…". Così si sono espressi i giudici di II grado. E' dirimente il fatto che il contribuente debba provvedere al necessario pagamento di quanto dovuto. Infatti, "il momento perfezionativo dell'efficacia di tutte le tipologie di sanatoria disciplinate dalle legge 289/2002 è subordinato al versamento delle somme dovute". D'altro canto, e nello specifico, non c'è nessun elemento nell'articolo 9-bis che consenta di ritenere perfezionato il condono con il pagamento di solo una parte delle somme dovute. Di più, la norma integra una specie particolare di condono, così come ha stabilito la stessa Cassazione.

"Particolare" rispetto, ad esempio, al condono di tipo "premiale", previsto dall'articolo 8 della stessa legge. "Particolare" nel senso che la Suprema corte ha parlato espressamente di "condono tributario clemenziale". La distinzione concettuale enunciata nella sentenza di legittimità 18353/2007 implica un principio di interpretazione letterale dell'articolo 9-bis il cui contenuto non va tratto per analogia dall'articolo 8. E le parole dei giudici di Trento vanno in tale senso: "La mera applicazione di tale principio implica l'erroneità della pronuncia formulata dal giudice di prime cure laddove ha ritenuto applicabile la previsione del perfezionamento della sanatoria anche nell'ipotesi, sicuramente difforme, del condono ex art 9 bis legge 289/2002".
Angelo D'Andrea
pubblicato Venerdì 12 Dicembre 2008

I più letti

Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L’obbligo di trasmissione riguarda le sole prestazioni mediche erogate dalla struttura e rimaste a carico dell’utente, attestate da fatture, se sono state rilasciate su richiesta del cliente
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Nel caso di immissione in libera pratica, al soggetto che ha provveduto anche all’introduzione dei beni, non è richiesto di presentare cauzione, fideiussione o polizza fideiussoria
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Pubblicati dopo un breve periodo di prova, entrano a pieno titolo nella sezione del sito dell'Agenzia a essi dedicata. A fine mese arriverà il bollino anche per il pacchetto “Redditi”
La nuova detrazione, introdotta dalla recente legge di bilancio, ammonta al 36% delle spese, nel limite massimo di 5mila euro; sono inclusi i costi di progettazione e manutenzione
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
Bonus energetico cedibile anche in caso di lavori sul singolo appartamento. Debutto assoluto della detrazione del 36% per le spese finalizzate a interventi di “sistemazione a verde”
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino