In Parlamento

Economia della condivisione
Orlandi in audizione alla Camera

immagine generica su condivisione di beniCamera
L'assemblea di Montecitorio ha approvato giovedì scorso, in prima lettura, il ddl di conversione del decreto 113/2016, con le misure finanziarie per gli Enti territoriali. Il decreto, che scade il 23 agosto, è stato trasmesso all'altro ramo del Parlamento. Tra i cambiamenti apportati dalla Camera troviamo (articolo 13-bis) la possibilità, per i contribuenti decaduti - al 1° luglio - dalla rateizzazione dei debiti tributari, di essere riammessi con un massimo di ulteriori 72 rate mensili. Il nuovo piano è concesso anche se, all'atto della presentazione della richiesta, le quote vecchie non sono state integralmente saldate. In caso di mancato rispetto di due scadenze, anche non consecutive, si decade dalla nuova rateazione.
Nel corso di questa settimana non sono previste discussioni su atti che riguardano la materia fiscale.
Per le attività in Aula segnaliamo: le interpellanze e interrogazioni, domattina; Il question time, con diretta Tv sulle reti Rai, mercoledì alle 15; le interpellanze urgenti, venerdì mattina.

Continua in V Commissione Bilancio la discussione, in sede consultiva per il parere alla III Affari esteri, dell'Accordo tra i governi di Italia e Principato di Andorra, sullo scambio di informazioni in materia fiscale (C. 3768).
Le Commissioni riunite V Bilancio e VIII Ambiente, esamineranno, mercoledì in sede referente, le misure per il sostegno e la valorizzazione dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti (facilitazioni per il pagamento dei tributi e introduzione di nuovi sistemi di remunerazione dei servizi ambientali).

Se il calendario della Commissione Bilancio non è ricco di notizie per chi si occupa di fisco, anche quello della VI Finanze non abbonda. È programmata per martedì la prosecuzione della discussione della risoluzione n. 7-964, che chiede l'estensione del regime tributario della cedolare secca anche alle locazioni diverse da quelle a uso abitativo.
Mercoledì la Commissione svolgerà le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del Mef. Al termine sarà esaminata l'interrogazione n. 5-8252, che sollecita iniziative, da parte del ministro dell'Economia e delle Finanze, necessarie a rendere più efficaci, efficienti e sicure le procedure di concessione dei servizi di liquidazione, accertamento e riscossione dei tributi e di altre entrate delle Province e dei Comuni.

Per i lavori delle Commissioni di Montecitorio segnaliamo anche che: la IX Trasporti e la X Attività produttive riunite svolgeranno domani l'audizione del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, e di rappresentanti dell'Agid (Agenzia per l'Italia digitale), nell'ambito dell'esame della proposta di legge con la disciplina delle piattaforme digitali per la condivisione di beni e servizi. Il documento, in sostanza, riporta le disposizioni per la promozione della sharing economy. I nuovi metodi di acquisizione di beni e servizi, basati sull'accesso più che sullo scambio, trovano un inquadramento (ai fini della tassazione) all'articolo 5 della proposta di legge. Nel confermare la differenza tra chi svolge una microattività non professionale e chi opera a livello professionale, la norma individua una franchigia (fino a 10.000 euro) entro la quale si applica una tassazione pari al 10 per cento. I ricavi eccedenti questa soglia si cumulano con gli altri redditi e sono tassati con la relativa aliquota.

Prima di passare all'altro ramo del Parlamento segnaliamo le convocazioni, entrambe per mercoledì mattina, delle Commissioni parlamentari per l'attuazione del federalismo fiscale e di vigilanza sull'Anagrafe tributaria.
La prima svolgerà le audizioni di Giancarlo Bressa - sottosegretario agli Affari regionali - e di rappresentanti dell'Upi, sulla finanza delle Province. La seconda nell'ambito dell'indagine conoscitiva l'Anagrafe tributaria nella prospettiva di razionalizzazione delle banche dati pubbliche in materia economica e finanziaria; potenzialità e criticità del sistema nel contrasto all'evasione fiscale, eseguirà l'audizione di Giuseppe Peleggi, direttore dell'Agenzia delle Dogane.

Senato
Continua in Assemblea a palazzo Madama l'esame dei provvedimenti già visti la scorsa settimana. Da domani saranno discussi i disegni di legge su: editoria (benefici fiscali per le inserzioni che pubblicizzano imprese di micro, piccola o media dimensione e start up innovative); disciplina del cinema, dell'audiovisivo e dello spettacolo (aumento del tax credit per: le imprese di produzione e di distribuzione, gli esercizi cinematografici, il potenziamento dell'offerta nazionale ed europea, l'attrazione in Italia di nuovi investimenti); lavoro autonomo (incentivi fiscali e contributivi per l'incremento della produttività anche per il lavoro agile).
Per il testo sul cinema la 7ª Commissione (Istruzione, beni culturali, ricerca scientifica e spettacolo, assegnataria del documento) ha proposto l'assorbimento nel testo originale (atto Senato n. 2287), anche quello dei disegni di legge n. 649 e 1835.
Giovedì pomeriggio saranno svolte le interrogazioni a risposta immediata.

Comincia (al Senato) in 5ª Programmazione economica e bilancio l'esame delle misure finanziarie per gli Enti territoriali. Alla Commissione, infatti, è stato assegnato in sede referente il documento trasmesso dall'altro ramo del Parlamento.
All'esame della Commissione Bilancio anche gli emendamenti al ddl Lavoro autonomo, in discussione da domani.

Chiudiamo la nostra rassegna, come usuale, con i lavori della 6ª Finanze e tesoro. La Commissione procederà domani, tra l'altro, all'esame delle disposizioni a favore degli studenti con disturbi dell'apprendimento (a.S. n. 2236). Nel testo agevolazioni per l'acquisto di strumenti tecnici e informatici a vantaggio di minori con diagnosi certificata che frequentano la scuola dell'obbligo: Iva abbattuta al 4% e detrazione in relazione alla spesa.
Mercoledì la 6ª Finanze svolgerà l'audizione di rappresentanti dell'Anci nell'ambito dell'esame del disegno di legge che contiene la delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico.
Lunedì 25 Luglio 2016