In Parlamento

Terzo settore: modifiche al Senato
seconda lettura a Montecitorio

immagine di persona che porta libriCamera
Riprende già da oggi l'attività in Aula a Montecitorio. Tra i diversi documenti in discussione, troviamo il disegno di legge sulla delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. Il testo riporta, tra le ipotesi di riordino delle diverse forme di fiscalità di vantaggio: la revisione delle norme fiscali per gli enti che fanno parte del Terzo settore e delle Onlus; la razionalizzazione e semplificazione del regime di deducibilità e detraibilità delle erogazioni in loro favore; la riforma del cinque per mille. Il disegno di legge ritorna alla Camera, dove era stato già approvato in prima lettura, dopo le modifiche apportate dal Senato. L'esame è programmato per tutta la settimana.
Il question time si svolgerà mercoledì alle 15, come di consueto, con la diretta tv sulle reti Rai; venerdì sarà la volta delle interpellanze uirgenti.

Ritroviamo la delega per la riforma del Terzo settore tra gli atti all'attenzione della V Bilancio. La Commissione esaminerà il documento in sede consultiva per il parere all'Assemblea.
Per il parere alla VII Cultura troviamo anche l'esame delle disposizioni per favorire la diffusione del libro su qualsiasi supporto e per la promozione della lettura (A.C. 1504). All'articolo 14 della proposta di legge sono riportate le agevolazioni fiscali previste: Iva per le pubblicazioni in formato elettronico uniformata a quella prevista per i libri a stampa; deduzione dal reddito (fino a 200 euro) delle spese per acquisto di libri, anche scolastici.
In Commissione troviamo anche l'esame, in sede consultiva per la I Affari costituzionali, delle norme per la regolazione dei rapporti tra lo Stato italiano e l'istituto buddista italiano Soka Gakkai (C. 3773 già approvato dal Senato). Il riconoscimento dell'istituto come ente religioso comporterà anche, all'eventuale entrata in vigore della legge, la deducibilità dall'Irpef dei contributi volontari versati a suo beneficio, l'ammissione alla ripartizione della quota dell’otto per mille (del gettito Irpef), l'equiparazione (ai fini tributari) agli enti di beneficenza e di istruzione.

Nel calendario settimanale dei lavori della VI Finanze segnaliamo l'esame, in sede consultiva, delle norme per il riconoscimento dell'istituto Soka Gakkai (per la I Affari costituzionali) e della Legge europea 2015-2016 (per la XIV Politiche UE). La Commissione svolgerà inoltre, martedì pomeriggio, alcune risoluzioni, tra le quali segnaliamo:
  • la n. 7-976, che sollecita la concessione di nuovi piani di pagamento frazionato, per chi non è riuscito ad assolvere precedenti rateazioni, e la compensazione dei crediti vantati nei confronti della PA con i ruoli, indipendentemente dalla data in cui è avvenuta la notifica della cartella di pagamento.
  • la n. 7-964, che chiede l'applicazione del regime della cedolare secca anche ai canoni di locazione diversi da quelli a uso abitativo.
Come di prammatica il mercoledì si svolgeranno in Commissione le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del ministero dell'Economia e delle Finanze. Al loro termine sarà discussa l'interrogazione n. 5-8733, con cui si chiede di consentire l'imputazione delle ritenute d'acconto subite con il principio di cassa e modificare gli obblighi dichiarativi, affinché l'amministrazione finanziaria possa ricevere in modo automatico, attraverso le dichiarazioni trasmesse dai sostituti di imposta, le informazioni necessarie per la verifica del corretto scomputo delle ritenute.

A palazzo San Macuto, sede degli Organismi parlamentari, segnaliamo le convocazioni della Commissione di vigilanza sull'Anagrafe tributaria e di quella per l'attuazione del federalismo fiscale.
Entrambe si riuniranno mercoledì mattina: la prima per ascoltare l'audizione di rappresentanti di Unioncamere sulla potenzialità e criticità del sistema delle banche dati pubbliche nel contrasto all'evasione fiscale; la seconda svolgerà l'audizione di Enrico Costa, ministro per gli affari regionali e le autonomie, sull'attuazione e le prospettive del federalismo fiscale.

Senato
Il calendario dei lavori dell'Assemblea di palazzo Madama non si incrocia con il fisco. Nessuno dei documenti all'esame dell'Aula riguarda, infatti, la materia tributaria. Giovedì pomeriggio si svolgeranno le interrogazioni a risposta immediata.

Più ricco il programma, in materia di tributi, della 5ª Programmazione economica e bilancio. In sede consultiva la Commissione esaminerà:
  • il disegno di legge sull'editoria (a.S. n. 2271) che all'articolo 2, lettera n), stabilisce benefici fiscali per gli inserzionisti che pubblicizzano imprese di micro, piccola o media dimensione e start up innovative
  • il ddl sul lavoro autonomo (a.S. n. 2233): gli incentivi fiscali e contributivi, già previsti per l'incremento della produttività, dovranno essere validi anche per il lavoro agile (come, per esempio, il telelavoro). All'articolo 5, inoltre, è proposta la deducibilità (entro il limite annuo di 10.000 euro) delle spese per iscrizione a master, corsi di formazione o di aggiornamento professionale, convegni e congressi.
  • la disciplina del cinema, dell'audiovisivo e dello spettacolo, con l'accrescimento del tax credit per: le imprese di produzione e di distribuzione e per gli esercizi cinematografici, il potenziamento dell'offerta cinematografica italiana ed europea e per l'attrazione in Italia di investimenti cinematografici ed audiovisivi.
In sede referente la 6ª Finanze e tesoro, infine, esaminerà il disegno di legge per la conversione del decreto n. 59/2016, le disposizioni in favore degli investitori in banche in liquidazione.
Oltre alle norme in favore dei soggetti che hanno perso il capitale, il provvedimento sancisce che gli istituti possono continuare ad applicare (tramite l'esercizio di un'opzione) le disposizioni fiscali vigenti in riferimento alle attività per imposte anticipate. La scelta va fatta entro trenta giorni dall'entrata in vigore del decreto e comporta il pagamento di un canone.
Lunedì 23 Maggio 2016