In Parlamento

Imprese marittime: agevolazioni al riordino

immagine di una naveCamera
Nessuna delle discussione programmate questa settimana in Aula affronta temi legati alla materia tributaria. Ricordiamo, per gli appuntamenti fissi in Assemblea, che: martedì mattina avranno luogo le interpellanze e interrogazioni; mercoledì alle 15, come di consueto, l'Assemblea svolgerà il question time (interrogazioni a risposta immediata con rappresentanti del Governo in Aula) con la diretta Tv sulle reti Rai e sulla web-tv della Camera; venerdì mattina ci saranno le interpellanze urgenti.

Passiamo quindi ai lavori delle Commissioni, cominciando dalle convocazioni valide per la V Bilancio, tesoro e programmazione. Martedì è prevista la discussione, per il parere al Governo, dello schema di decreto legislativo che deve mettere ordine nelle disposizioni vigenti in materia di incentivi fiscali, previdenziali e contributivi in favore delle imprese marittime. L'input al riassetto delle agevolazioni (anche novellando il regime forfetario della Tonnage tax) viene dalla legge europea 2015/2016.
La V Commissione esaminerà inoltre, nel corso della settimana, anche una serie di provvedimenti in tema di investimenti, risparmio e vigilanza prudenziale degli enti creditizi, per il parere alla VI Finanze.

Proprio con la discussione dei decreti legislativi in tema investimenti ed enti creditizi (nn. 325 e 326) inizia martedì la settimana lavorativa in VI Finanze. Lo stesso giorno sarà svolta l'audizione del direttore della Dia (Direzione investigativa antimafia) sulle tematiche relative al riciclaggio nel settore finanziario.
Mercoledì, riunita con la IX Trasporti, la Commissione darà seguito all'esame sul riordino degli incentivi in favore delle imprese marittime. A seguire sarà svolta l'audizione di rappresentanti di Select Milano, sul possibile trasferimento in Italia di attività finanziarie, a seguito dell'uscita del Regno unito dall'Unione europea.
Le interrogazioni a risposta immediata su questioni di competenza del ministero dell'Economia e delle Finanze (question time in Commissione) ci saranno giovedì, dopo lo svolgimento dell'indagine conoscitiva sui rapporti tra gli operatori finanziari e creditizi e la loro clientela.
La Commissione, infine, esaminerà due risoluzioni:
  • n. 7-964, che richiede l'estensione del regime tributario della cedolare secca anche alle locazioni a uso diverso da quello abitativo
  • n. 7-1058, in materia di adempimenti Iva. Il testo sollecita l'introduzione dell'obbligo (invece della facoltà) della trasmissione telematica dei dati di fatturazione all'Agenzia delle Entrate, in sostituzione degli attuali adempimenti. La risoluzione ipotizza, contestualmente, una serie di semplificazioni per i soggetti che assicurano la tracciabilità dei pagamenti.
Segnaliamo anche, prima di passare all'altro ramo del Parlamento, le audizioni in programma nelle Commissioni bicamerali per l'attuazione del federalismo fiscale e di vigilanza sull'Anagrafe tributaria. Nella prima ci sarà l'intervento del sottosegretario agli Affari regionali e alle autonomie, Gianclaudio Bressa, sulla finanza delle Province; la seconda ascolterà il direttore del dipartimento Finanze, Fabrizia Lapecorella, per l'indagine conoscitiva sull'Anagrafe tributaria nella prospettiva di una razionalizzazione delle banche dati pubbliche in materia economica e finanziaria; potenzialità e criticità del sistema nel contrasto all'evasione fiscale.

Senato
Il calendario dei lavori dell'Aula di palazzo Madama questa settimana ci rimanda al prosieguo degli argomenti precedentemente non conclusi. Tra questi troviamo i disegni di legge sul lavoro autonomo non imprenditoriale e sulla disciplina del cinema e dello spettacolo. Ricordiamo che il testo sul lavoro autonomo, che si prefigge di agevolare il lavoro agile (come per esempio il telelavoro), prevede per tale forma gli stessi incentivi di carattere fiscale e contributivo (riconosciuti in relazione agli incrementi di produttività ed efficienza) del lavoro subordinato. La nuova disciplina del cinema, dell'audiovisivo e dello spettacolo, invece, dispone l'aumento del tax credit per: le imprese di produzione e di distribuzione, gli esercizi cinematografici, il potenziamento dell'offerta nazionale ed europea, l'attrazione in Italia di nuovi investimenti).
Giovedì pomeriggio l'Assemblea svolgerà le interrogazioni a risposta immediata.

Dopo l'approvazione a Montecitorio della scorsa settimana, il Rendiconto generale dell'Amministrazione dello Stato per il 2015 e le Disposizioni per l'assestamento dei bilanci dello Stato e delle Amministrazioni autonome per il 2016 sono, da martedì, all'esame (in sede referente) della 5ª Commissione Programmazione economica e bilancio.
La Commissione procederà in settimana anche all'esame, stavolta in sede consultiva, di alcune ratifiche di convenzioni: Italia - Panama, contro le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali; Italia - Turkmenistan e Italia - Bermude, per lo scambio di informazioni in materia fiscale.
Il programma della 5ª Commissione comprende anche (sempre per quello che riguarda la nostra materia) l'esame del ddl sul lavoro autonomo e il riordino degli incentivi alle imprese marittime, in sede di atti del Governo.

Appuntamento fissato con il riordino degli incentivi alle imprese marittime e con rendiconto 2015 e assestamento 2016, anche per la 6ª Finanze e tesoro, dove troviamo in discussione, tra l'altro, le disposizioni fiscali a favore degli studenti con disturbo di apprendimento. Nel testo sono previste agevolazioni per l'acquisto di strumenti tecnici e informatici, a vantaggio di minori con diagnosi certificata che frequentano la scuola dell'obbligo: Iva abbattuta al 4% e detrazione in relazione alla spesa.
 
Lunedì 19 Settembre 2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino