Normativa e prassi
Abruzzo, per i comuni del cratere
riprende la riscossione dei tributi
Centoventi rate da gennaio 2011 per versare le imposte sospese, senza l'applicazione di sanzioni e interessi
Abruzzo, per i comuni del cratere| riprende la riscossione dei tributi

Dal prossimo anno riprenderanno gli adempimenti tributari, sospesi a seguito del sisma di Abruzzo, anche per i contribuenti delle zone maggiormente colpite, i cosiddetti comuni del "cratere". A prevederlo l’articolo 39 del decreto legge n. 78 del 2010.
 
Il provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate del 23 novembre definisce ora le modalità per la riscossione dei tributi sospesi e per effettuare gli adempimenti non eseguiti.

Le disposizioni  riguardano:
  • le persone fisiche non titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo, le persone giuridiche con volume d'affari superiore a 200mila euro e i sostituti d'imposta (la cui sospensione è scaduta il 30 giugno)
  • le persone fisiche titolari di reddito d'impresa o di lavoro autonomo e le persone giuridiche con volume d'affari non superiore a 200mila euro (la cui sospensione scade il 20 dicembre prossimo).
Questi contribuenti, entro il 31 gennaio 2011, dovranno provvedere alla trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali e agli altri adempimenti, diversi dai versamenti, non eseguiti perché cadevano nel periodo di sospensione. Anche i versamenti dei tributi congelati ripartono da gennaio 2011: potranno essere corrisposti, senza interessi, sanzioni e oneri accessori, in un massimo di 120 rate di pari importo, come stabilito dall'articolo 39 del Dl 78/2010.

Vediamo nel dettaglio le modalità degli adempimenti tributari.

Dichiarazioni
Le dichiarazioni devono essere trasmesse in via telematica, utilizzando i modelli relativi ai periodi d'imposta cui si riferiscono, disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate e su quello del ministero dell'Economia e delle Finanze. La situazione particolare va rappresentata indicando nella casella "eventi eccezionali" il codice "4", se la dichiarazione si riferisce all'anno d'imposta 2008, e il codice "3", se si riferisce al 2009.
Chi ha percepito redditi dichiarabili con il 730 (compreso il caso in cui debba comunicare dati tramite i quadri RM, RT, RW, AC di Unico) e chi avrebbe dovuto presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti, può consegnare il modello Unico a un ufficio postale.

Ritenute sospese
Entro dicembre i sostituti d'imposta devono comunicare agli interessati l'importo delle ritenute alla fonte non operate nel 2010 a seguito di richiesta degli stessi contribuenti, per consentire loro di provvedere al relativo versamento.

Iva
I versamenti dell'Iva mensile e trimestrale scaduti nel periodo di sospensione e quelli dell'imposta risultante dalle dichiarazioni per gli anni 2008 e 2009, potranno essere eseguiti a partire da gennaio in un numero massimo di 120 rate mensili di pari importo.

Ires, Irpef e altre imposte
Con la stessa tempistica vanno versati il saldo Ires, Irpef (e relative addizionali) e Irap, le imposte sostitutive dovute per gli anni 2008 e 2009, gli acconti 2010, le imposte dovute in base al 730 e non trattenute, le ritenute non operate dai sostituti d'imposta, e tutti gli altri tributi scaduti nel periodo di sospensione.

Modalità di pagamento
Per eseguire i pagamenti, i contribuenti dovranno utilizzare i codici previsti per i singoli tributi, con riferimento a ciascun anno di imposta. Se la rata è inferiore a 12 euro, il versamento si effettua al raggiungimento di tale limite minimo.
Lavoratori dipendenti e pensionati possono chiedere al sostituto d'imposta di trattenere la rata dal compenso mensile. I versamenti effettuati andranno poi evidenziati nel Cud e nel modello 770.
Patrizia De Juliis
pubblicato Mercoledì 24 Novembre 2010

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Questi rilevanti profili operativi sono stati opportunamente calibrati e adeguati alle importanti modifiche che hanno interessato il meccanismo della scissione dei pagamenti
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino