Normativa e prassi
Archivio rapporti finanziari:
aggiornate le specifiche tecniche
Fissato al 30 aprile il termine ultimo per comunicare i dati di gennaio e febbraio 2015. In caso di invio parziale, seppur tempestivo, l’adempimento non si considera effettuato
Archivio rapporti finanziari:|aggiornate le specifiche tecniche
Le informazioni che affluiscono all’Archivio dei rapporti finanziari dovranno essere inviate in base a nuove specifiche tecniche e nuove modalità di compilazione.

Il provvedimento 25 gennaio 2016 apporta modifiche a quello precedente del 10 febbraio 2015, che aveva introdotto il tracciato unico per la segnalazione delle informazioni da trasmettere all’Archivio dei rapporti finanziari.

In particolare, il documento odierno prevede quattro distinti allegati:
  • modalità di compilazione del tracciato unico (allegato 1)
  • specifiche tecniche del tracciato unico (allegato 2)
  • istruzioni per l’invio della comunicazione integrativa annuale relativa al 2015 (allegato 3)
  • tracciato diagnostici e ricevute per la restituzione degli esiti della trasmissione (allegato 4). 
Slittano i termini di scadenza
Aggiornati, inoltre, i termini per l’invio dei dati. La comunicazione integrativa annuale dovrà essere trasmessa entro il 31 marzo 2016, mentre il termine per la comunicazione mensile dei dati di gennaio e febbraio 2015 è stato fissato al 30 aprile 2016.
L’obbligo di comunicazione non si ritiene adempiuto in caso di invio parziale delle informazioni, anche se l’operatore rispetta i tempi previsti.
 
Comunicazioni sulla variazione dei dati
Riformulato il punto 6.1 del provvedimento del 10 febbraio 2015, in base al quale non erano consentite “variazioni delle informazioni annuali e mensili pervenute oltre 90 giorni dai termini stabiliti ai punti 1 e 2 del presente provvedimento ovvero dalla ricezione degli esiti di elaborazione trasmessi dall’anagrafe tributaria”.
Il documento di oggi precisa, invece, che non sono consentiti gli invii ordinari di comunicazioni integrative annuali oltre 90 giorni dal termine stabilito. Dopo tale data, è possibile modificare i dati inviati solo tramite comunicazione straordinaria.
 
Uso del canale Ftp: precisazione sulla scadenza
Un’ulteriore modifica riguarda il riferimento temporale utile a verificare il rispetto del termine di invio della comunicazione nel caso in cui si utilizzi il canale Ftp (File transfer protocol). Il provvedimento, a modifica di quanto stabilito nel provvedimento del 25 marzo 2013, prevede che i file trasmessi tramite Ftp si considerano presentati nei termini anche se pervengono entro venti minuti dalla mezzanotte del giorno di scadenza.
 
Eventuali correzioni al tracciato e alle specifiche tecniche saranno pubblicate sul sito dell’Agenzia nell’apposita sezione.
Patrizia De Juliis
pubblicato Lunedì 25 Gennaio 2016

I più letti

Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Il provvedimento interviene sul Dm del 27 giugno emanato a seguito delle novità normative della “manovrina”, apportando correzioni minime nella forma, ma di una certa rilevanza sostanziale
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino