Normativa e prassi
Assegnazione agevolata ai soci
anche in contabilità semplificata
È questa la conclusione a cui è pervenuta l'Agenzia delle entrate, a seguito di un'istanza di interpello, specificando quanto già indicato nella circolare 37/E dello scorso anno
immagine generica illustrativa
Le società in contabilità semplificata possono beneficiare della disciplina agevolativa di assegnazione dei beni ai soci anche se, in sede contabile, non annullano le riserve di bilancio. A questa conclusione è giunta l'Agenzia delle entrate nella risoluzione n. 100/E del 27 luglio 2017, adottata a seguito di un'istanza di interpello.

La disciplina dell'assegnazione agevolata di beni ai soci
L'assegnazione agevolata ai soci (articolo 1, commi da 115 a 121, legge 208/2015) è un regime fiscale di carattere temporaneo, già previsto in passato, che consente, tra l'altro, l'assegnazione ai soci di taluni beni immobili e di beni mobili iscritti in pubblici registri (cfr circolari 26/E e 37/E del 2016).
La legge di bilancio 2017 (legge 232/2016) ha, peraltro, ampliato l'ambito temporale del regime, applicandolo anche alle assegnazioni effettuate successivamente al 30 settembre 2016 ed entro il 30 settembre 2017.
La finalità dell'agevolazione, come si evince dalla lettura della relazione illustrativa, è quella di consentire "la fuoriuscita dalle società di immobili che potenzialmente potrebbero poi essere nuovamente immessi nel mercato, favorendo così la circolazione degli immobili e portando nuova linfa a un mercato che, a oggi, versa in una situazione piuttosto stagnante".

In particolare, sono agevolabili:
  • i beni immobili diversi da quelli utilizzati esclusivamente per l'esercizio dell'attività d'impresa
  • i beni mobili iscritti in pubblici registri non utilizzati come beni strumentali nell'impresa.
L'agevolazione si traduce in una vantaggio sia per la società che assegna il bene sia per il socio che lo riceve.
La società, infatti, versa sulla plusvalenza da assegnazione del bene un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap inferiore rispetto a quella ordinaria e pari all'8%, ovvero al 10,5% se è considerata non operativa o in perdita sistematica. La società, inoltre, ha la possibilità di determinare la plusvalenza da tassare prendendo a riferimento, in luogo del valore normale, il valore catastale del bene immobile da confrontare con il suo costo fiscalmente riconosciuto.
Per il socio, invece, il vantaggio si concretizza nell'irrilevanza fiscale degli importi assoggettati a imposta sostitutiva dalla società, sia nel caso di distribuzione di riserve di utili sia di capitale.

Profili contabili: la circolare 37/E del 16 settembre 2016
Da un punto di vista contabile, il bene fuoriesce dal patrimonio della società, annullando riserve di utili e/o di capitale in misura pari al valore attribuito al bene.
L'Agenzia delle entrate, nella circolare n. 37/E del 16 settembre 2016, richiamando il corretto comportamento contabile previsto nei casi di assegnazione dei beni ai soci, ha precisato che l'assegnazione comporta la necessità di annullare riserve (di utili e/o di capitale) in misura pari al valore contabile attribuito al bene in sede di assegnazione.
In particolare, il bene assegnato potrebbe fuoriuscire dalla società a un valore contabile diverso da quello preso a riferimento in sede fiscale: contabilmente, infatti, rileva il valore attribuito dal redattore del bilancio, mentre fiscalmente il valore normale o catastale previsto dalla norma agevolativa in esame. In altri termini, le riserve annullate contabilmente potrebbero essere di entità diversa rispetto al valore normale o catastale del bene preso a riferimento per la determinazione dell'imposta sostitutiva.
Nel documento di prassi viene ricordato, inoltre, che è possibile fruire della disciplina agevolativa in esame solo se vi siano riserve disponibili di utili e/o di capitale almeno pari al valore contabile attribuito al bene in sede di assegnazione.
Esempio
Una società, che intende assegnare in maniera agevolata un bene immobile al socio, presenta la seguente situazione contabile: riserve di utili = 40; riserve di capitale = 80; valore attribuito al bene in sede contabile = 90.
In tal caso, la società può assegnare l'immobile al socio, considerato che possiede riserve di utili (40) e di capitale (80) sufficienti a coprire il valore attribuito al bene in sede contabile (90).
A tal fine, il contribuente provvede contabilmente sia a ridurre l'attivo dello stato patrimoniale (conseguente al trasferimento del bene dalla sfera patrimoniale della società a quella del socio) sia ad annullare le riserve di utili (40) e di capitale (50) per un importo pari al valore attribuito al bene in sede contabile (90). http://def.finanze.it/DocTribFrontend/getPrassiDetail.do?id={395FF407-3970-4964-AFD9-2FCFE3D51D6B} Si ricorda, al riguardo, che l'utilizzo delle riserve può essere effettuato tenendo presente che la norma agevolativa in esame disapplica la presunzione di prioritario utilizzo delle riserve di utili prevista dall'articolo 47, comma 1, secondo periodo, Tuir.

Il parere dell'Agenzia
La risoluzione in esame precisa che le predette regole contabili non sono applicabili nei casi in cui i criteri di bilancio non richiedano l'annullamento delle riserve rilevate in contabilità. In tali casi, è comunque possibile assegnare in maniera agevolata i beni ai soci, non essendo prevista espressamente un'esclusione in tal senso dalla disciplina in esame.
Conclusivamente, quindi, la società in contabilità semplificata, che non provvede contabilmente ad annullare le riserve derivanti dall'assegnazione dei beni ai soci, può comunque beneficiare, in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti, della disciplina agevolativa.
 
Vincenzo Cipriani
pubblicato Giovedì 27 Luglio 2017

I più letti

Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Il decreto legislativo 117/2017 dedica particolare attenzione al tema dei controlli (anche fiscali), ripartendo le relative competenze tra le diverse amministrazioni pubbliche coinvolte
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino