Normativa e prassi
Bonus alberghi: l’agevolazione
trova il suo codice tributo
Il modello di versamento può essere presentato esclusivamente per via telematica attraverso i canali Fisconline ed Entratel messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate
tavolo reception di un albergo
Tutto pronto per l’utilizzo del credito d’imposta introdotto, dall’articolo 10 del Dl 83/2014, a favore delle aziende alberghiere, attive al 1° gennaio 2012, che investono per migliorare le loro strutture rendendo, di riflesso, più competitive le località turistiche italiane. In sintesi, i costi agevolabili sono quelli sostenuti nel triennio 2014/2016 e riguardano lavori di ristrutturazione edilizia, eliminazione delle barriere architettoniche e aumento dell’efficienza energetica.
 
A chiudere il cerchio, come annunciato dal provvedimento dello scorso 14 gennaio, che ha specificato le modalità di utilizzo del bonus e la procedura di scambio tra le due Amministrazioni coinvolte, Mibac/Agenzia delle Entrate (vedi “Sentiero telematico per il credito a favore del turismo made in Italy”), arriva, quindi, il codice tributo “6850”, istituito con la risoluzione 5/E del 20 gennaio 2016.
 
I beneficiari dell’agevolazione dovranno indicarlo nell’F24 per usufruire dello sconto fruibile, ricordiamo, soltanto in compensazione. La delega di pagamento può essere presentata esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate; in caso contrario, il versamento è scartato.
 
Il codice trova posta nella sezione “Erario” del modello, in corrispondenza degli “importi a credito compensati” oppure, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna degli “importi a debito versati”. L’anno di riferimento è quello della spesa sostenuta.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 20 Gennaio 2016

I più letti

Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Oltre 51mila gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche che hanno presentato la domanda per essere ammessi alla ripartizione delle quote Irpef
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea