Normativa e prassi
Bonus alberghi: l’agevolazione
trova il suo codice tributo
Il modello di versamento può essere presentato esclusivamente per via telematica attraverso i canali Fisconline ed Entratel messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate
tavolo reception di un albergo
Tutto pronto per l’utilizzo del credito d’imposta introdotto, dall’articolo 10 del Dl 83/2014, a favore delle aziende alberghiere, attive al 1° gennaio 2012, che investono per migliorare le loro strutture rendendo, di riflesso, più competitive le località turistiche italiane. In sintesi, i costi agevolabili sono quelli sostenuti nel triennio 2014/2016 e riguardano lavori di ristrutturazione edilizia, eliminazione delle barriere architettoniche e aumento dell’efficienza energetica.
 
A chiudere il cerchio, come annunciato dal provvedimento dello scorso 14 gennaio, che ha specificato le modalità di utilizzo del bonus e la procedura di scambio tra le due Amministrazioni coinvolte, Mibac/Agenzia delle Entrate (vedi “Sentiero telematico per il credito a favore del turismo made in Italy”), arriva, quindi, il codice tributo “6850”, istituito con la risoluzione 5/E del 20 gennaio 2016.
 
I beneficiari dell’agevolazione dovranno indicarlo nell’F24 per usufruire dello sconto fruibile, ricordiamo, soltanto in compensazione. La delega di pagamento può essere presentata esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate; in caso contrario, il versamento è scartato.
 
Il codice trova posta nella sezione “Erario” del modello, in corrispondenza degli “importi a credito compensati” oppure, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna degli “importi a debito versati”. L’anno di riferimento è quello della spesa sostenuta.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 20 Gennaio 2016

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
È previsto un sistema premiale basato sul raggiungimento di determinati livelli di affidabilità e si punta sulla comunicazione preventiva per rafforzare il dialogo con il contribuente
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Risulta, però, in ogni caso, delineato il fatto costitutivo della pretesa impositiva, tanto da consentire al contribuente di esercitare nel modo più efficace il suo diritto di difesa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Il 730 potrà essere modificato e inviato dal 2 maggio al 23 luglio, mentre il modello Redditi potrà essere modificato dal 2 maggio e trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino