Normativa e prassi
Bonus alberghi: l’agevolazione
trova il suo codice tributo
Il modello di versamento può essere presentato esclusivamente per via telematica attraverso i canali Fisconline ed Entratel messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate
tavolo reception di un albergo
Tutto pronto per l’utilizzo del credito d’imposta introdotto, dall’articolo 10 del Dl 83/2014, a favore delle aziende alberghiere, attive al 1° gennaio 2012, che investono per migliorare le loro strutture rendendo, di riflesso, più competitive le località turistiche italiane. In sintesi, i costi agevolabili sono quelli sostenuti nel triennio 2014/2016 e riguardano lavori di ristrutturazione edilizia, eliminazione delle barriere architettoniche e aumento dell’efficienza energetica.
 
A chiudere il cerchio, come annunciato dal provvedimento dello scorso 14 gennaio, che ha specificato le modalità di utilizzo del bonus e la procedura di scambio tra le due Amministrazioni coinvolte, Mibac/Agenzia delle Entrate (vedi “Sentiero telematico per il credito a favore del turismo made in Italy”), arriva, quindi, il codice tributo “6850”, istituito con la risoluzione 5/E del 20 gennaio 2016.
 
I beneficiari dell’agevolazione dovranno indicarlo nell’F24 per usufruire dello sconto fruibile, ricordiamo, soltanto in compensazione. La delega di pagamento può essere presentata esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate; in caso contrario, il versamento è scartato.
 
Il codice trova posta nella sezione “Erario” del modello, in corrispondenza degli “importi a credito compensati” oppure, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna degli “importi a debito versati”. L’anno di riferimento è quello della spesa sostenuta.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 20 Gennaio 2016

I più letti

immagine di modello F24
Il passaggio dalla delega ordinaria a quella riservata ai versamenti con elementi identificativi, chiesto dall'Istituto nazionale di previdenza sociale, scatterà dal prossimo 8 agosto
È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
Palazzo Montecitorio
Nell’aula della X Commissione della Camera, Rossella Orlandi ha fornito spunti di riflessione sugli aspetti fiscali della proposta di legge in merito al nuovo “modello culturale”
La previsione di esenzione disposta dal Dl 269/2003 è applicabile al complessivo rapporto di finanziamento, quindi anche all’erogazione delle somme da parte delle banche
immagine di caseggiati
Pubblicato dall'Agenzia delle Entrate lo studio particolareggiato, aggiornato allo scorso 31 dicembre, sulla composizione e la natura dei beni censiti negli archivi catastali
Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
È necessario controllare sempre l’effettiva esecuzione del mandato, altrimenti bisogna provare la condotta fraudolenta del consulente, finalizzata a coprire il proprio inadempimento
immagine di modello F24
Il passaggio dalla delega ordinaria a quella riservata ai versamenti con elementi identificativi, chiesto dall'Istituto nazionale di previdenza sociale, scatterà dal prossimo 8 agosto
La previsione di esenzione disposta dal Dl 269/2003 è applicabile al complessivo rapporto di finanziamento, quindi anche all’erogazione delle somme da parte delle banche
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma