Normativa e prassi
Bonus assunzioni nel Mezzogiorno
in pensione con il codice tributo
L’agevolazione è fruibile entro la fine dell'anno. La misura era stata introdotta dal Dl 70/2001 per incentivare la creazione di posti di lavoro stabili in otto regioni dello Stivale
palloncino che vola via
Il codice tributo “3885”, dal 1° gennaio 2016, esce di scena. A sopprimerlo, la risoluzione 107/E del 30 dicembre 2015.
Il suo impiego, infatti, era a scadenza, perché connesso al credito d’imposta utilizzabile, fino al 31 dicembre 2015, dai datori di lavoro che hanno assunto a tempo indeterminato personale nelle regioni del Sud d’Italia.
 
Si tratta del beneficio introdotto dall’articolo 2 del Dl 70/2011, modificato, da ultimo, dall’articolo 10, comma 12-novies, del Dl 192/2014 (“decreto milleproroghe”), che ha fatto slittare – appunto, a fine 2015 – il termine ultimo per l’utilizzo del bonus.
In particolare, il credito d’imposta, fruibile esclusivamente in compensazione tramite modello F24, era stato introdotto per incentivare la creazione di occupazione stabile per lavoratori “svantaggiati “ o “molto svantaggiati” (secondo le definizioni della Commissione europea) nelle regioni del Mezzogiorno, ossia in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 30 Dicembre 2015

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea