Normativa e prassi
Bonus per enti non commerciali.
Arriva il codice per compensarlo
Il credito d’imposta è fruibile quest’anno e nei due successivi: nella misura del 33,33% del suo ammontare nel 2016, altrettanto nel 2017, la quota rimanente nel 2018
atterraggio aereo leggero
La legge di stabilità 2015, se da una parte ha aumentato l’imposta sul reddito delle società dovuta dagli enti non commerciali in relazione agli utili e i dividenti percepiti a decorrere dal 2014, dall’altro ha previsto un credito d’imposta, soltanto in riferimento allo stesso 2014, finalizzato ad attenuare gli effetti della maggiore tassazione (articolo 1, commi 655 e 656, della legge 190/2014). Più nello specifico, la nuova norma ha ridotto la quota esente dal 95 al 22,26%.
 
Il bonus concesso è pari alla differenza tra l’imposta dovuta in base al nuovo regime e quella calcolata secondo le precedenti regole.
Il credito è utilizzabile in compensazione tramite modello F24, senza alcun altro limite quantitativo, nella misura del 33,33% del suo ammontare dal 1° gennaio 2016, nella stessa misura dal 1° gennaio del prossimo anno e, per la parte rimanente, dal 1° gennaio 20018. Nel caso in cui, per motivi di incapienza, la quota annuale non possa essere messa a frutto, la somma potrà essere recuperata nel periodo d’imposta successivo sommata al credito fruibile in tale anno (vedi “Credito di imposta per gli Enc: tetto massimo per l’utilizzo”).
 
Dopo questa breve contestualizzazione per ricordare l’origine e le principali modalità di utilizzo del bonus, arriviamo alla risoluzione n. 6/E del 28 gennaio 2016, con la quale è istituito il codice tributo “6861”, che gli enti interessati dovranno indicare nel modello F24 al momento della compilazione. Il numero trova spazio nella sezione “Erario” tra gli “importi a credito compensati” oppure, nei casi di riversamento del credito, tra gli “importi a debito versati”. Nel campo “anno di riferimento” va riportato l’anno di imposta a cui si riferisce il credito.
r.fo.
pubblicato Giovedì 28 Gennaio 2016

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Per escludere ogni profilo di negligenza, bisogna provare di aver controllato l’operato del consulente o di essere stato vittima di un comportamento fraudolento da parte sua
Con il primo dovranno riversare all’erario le somme riscosse per l’abbonamento alla televisione, con il secondo potranno recuperare gli eventuali rimborsi effettuati ai clienti
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma