Normativa e prassi
Bonus Stradivari ancora in scena:
nuovi arrivi e regole per il 2018
Il beneficio si traduce in uno sconto per gli studenti e in un credito d’imposta per i venditori. Quest’ultimi potranno inviare l’apposita comunicazione dal prossimo 26 marzo
Bonus Stradivari ancora in scena: |nuovi arrivi e regole per il 2018
Confermato, dalla legge di bilancio 2018 (articolo 1, comma 643, legge 205/2017) anche per quest’anno il contributo una tantum per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo a favore degli studenti iscritti ai licei musicali, ai corsi preaccademici, ai corsi del precedente ordinamento e ai corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica.

Con il provvedimento 19 marzo 2018, l’Agenzia delle entrate fissa le modalità applicative dell’agevolazione alla luce della proroga e, su richiesta del ministero dell’Istruzione dell’università e della ricerca (Miur), aggiorna l’elenco (allegato 1) dei licei musicali, dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione musicale, la cui frequenza dà diritto al beneficio. In particolare, il bonus ha fatto spazio ad altre otto istituzioni che curano la formazione dei futuri musicisti.

L’importo complessivamente stanziato per il 2018 è pari a 10 milioni di euro.

Contributo al netto di quanto già ricevuto
Gli studenti di musica, quindi, a seguito della proroga dell’agevolazione, potranno beneficiare di uno sconto pari al 65% del prezzo finale dello strumento acquistato nel 2018, fino a un massimo di 2.500 euro di spesa.
Possono usufruire del “taglio” sul prezzo i giovani in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi dovuti per l’iscrizione all’anno 2017-2018 o 2018-2019, iscritti a uno degli istituti individuati dal Miur e allegati al provvedimento in esame. La lista modifica, su richiesta del Miur, quella allegata al provvedimento 15 maggio 2017 che, a sua volta, aggiornava l’elenco del provvedimento 14 marzo 2017, documento, quest’ultimo, con il quale l’Agenzia ha stabilito ambiti e regole applicative del bonus, rimasti validi anche dopo la proroga prevista dalla legge di bilancio 2018.
Lo strumento acquistato deve essere nuovo e, naturalmente, coerente con il corso di studi a cui è iscritto lo studente o quanto meno “affine” o “complementare”, in base alla valutazione espressa dalla scuola.
Il contributo spetta anche per l’acquisto di un singolo componente dello strumento (ad esempio, i piatti della batteria), ma non per i beni di consumo, come le corde.
L’importo è al netto degli eventuali bonus già ricevuti per gli acquisti effettuati con analoga agevolazione nel 2016 e nel 2017.

Il taglio sul prezzo passa per il credito d’imposta
Ricordiamo che rivenditori e produttori recuperano lo sconto applicato allo studente tramite credito d’imposta.
Per beneficiare del credito d’imposta, il rivenditore o produttore, prima di concludere la vendita dello strumento musicale, è tenuto a comunicare all’Agenzia delle entrate i seguenti dati: il proprio codice fiscale, quello dello studente e dell’istituto che ha rilasciato il certificato di iscrizione, lo strumento musicale, il prezzo di vendita comprensivo del contributo e dell’imposta sul valore aggiunto.
Per quest’anno, la comunicazione dovrà essere inviata a decorrere dal 26 marzo, utilizzando i servizi telematici Entratel o Fisconline dell’Agenzia.
Acquisita la comunicazione, il sistema risponde con una ricevuta che attesta la correttezza dei dati trasmessi e la fruibilità o meno del bonus in base ai fondi stanziati. Nel caso di riconoscimento del contributo, la ricevuta contiene anche la somma attribuita al netto dell’eventuale analoga agevolazione fruita nei due anni precedenti.
 
r.fo.
pubblicato Lunedì 19 Marzo 2018

I più letti

Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
immagine generica
Nel caso in cui gli investimenti dell’anno precedente a quello per il quale viene presentata la richiesta telematica sono stati pari a zero, non è possibile accedere al bonus
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino