Normativa e prassi
Bonus strumenti musicali:
certificati e istanze senza bollo
Ulteriore semplificazione per gli studenti che, per ottenere il contributo, devono richiedere il rilascio dell’attestazione di frequenza al conservatorio o all’istituto pareggiato
Bonus strumenti musicali: |certificati e istanze senza bollo
I certificati di frequenza che i conservatori di musica e gli istituti musicali pareggiati devono rilasciare agli studenti per consentire loro di beneficiare del contributo riconosciuto, per l’anno 2016, dall’articolo 1, comma 984, legge 208/2015 (sconto sull’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi), nonché le richieste da presentare per la loro consegna, sono esenti dall’imposta di bollo ai sensi, rispettivamente, dell’articolo 5, comma 1, e dell’articolo 14, della tabella annessa al Dpr 642/1972.
Lo chiarisce l’Agenzia delle Entrate con la circolare 15/E del 27 aprile 2016.
 
Con il provvedimento dell’8 marzo scorso, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le istruzioni necessarie all’attuazione della norma, attraverso una procedura che sarà disponibile da domani, 28 aprile. Corredato degli elenchi delle istituzioni musicali nonché dei relativi corsi e degli strumenti con essi coerenti, il provvedimento ha definito l’ambito soggettivo, oggettivo e temporale del contributo, le modalità di riconoscimento e del correlato credito d’imposta per il venditore o produttore.
 
Chi
Beneficiari dell’incentivo sono i giovani che studiano musica presso i conservatori o altri istituti musicali parificati, iscritti ai corsi di strumento secondo il precedente ordinamento e ai corsi di laurea di primo livello, secondo il nuovo ordinamento, nell’anno accademico 2015-2016 o 2016-2017, purché in regola con il pagamento di tasse e contributi.
 
Cosa
È possibile acquistare, con il contributo, un solo strumento musicale, nuovo e coerente con il corso principale di iscrizione. Il collegamento tra il corso e lo strumento si desume dall’allegato 2 del provvedimento 8 marzo 2016, che riporta “i corsi di studio e gli strumenti musicali utilizzati” e specifica, inoltre, che devono ritenersi coerenti, e quindi agevolabili, anche gli strumenti considerati “affini” in base alle dichiarazioni di conformità rilasciate dalle istituzioni di appartenenza.
Il contributo spetta una sola volta, anche in caso di acquisto di un singolo componente dello strumento, per un importo non superiore a mille euro e, comunque, in misura non eccedente il prezzo di acquisto dello strumento.
A tal fine, la Stabilità 2016 ha stanziato risorse pari a 15 milioni di euro e, per questo, l’agevolazione viene concessa, in base all’ordine cronologico delle richieste comunicate dai rivenditori, entro il limite complessivo dell’ammontare a disposizione.
 
Come
Per ottenere lo sconto, lo studente deve chiedere, al conservatorio di musica o all’istituto musicale pareggiato, il rilascio del certificato d’iscrizione, non ripetibile “per tale finalità”, con il quale l’istituzione attesta la sussistenza dei requisiti necessari per fruire del contributo.
Al momento dell’acquisto dello strumento, lo studente deve consegnare il certificato al venditore, che dovrà documentare l’acquisto mediante fattura, anche semplificata, o ricevuta fiscale o scontrino parlante che indichi, oltre agli altri dati ordinariamente richiesti, il codice fiscale dello studente, il prezzo totale della vendita, sul quale è applicata l’Iva, e l’ammontare del bonus.
 
I certificati di frequenza rilasciati da conservatori e istituti musicali – ha chiarito la circolare 15/2016 – rientrano, ai fini dell’imposta di bollo, nell’ambito applicativo dell’articolo 5, comma 1, della tabella annessa al Dpr 642/1972, che prevede specifiche ipotesi di atti e documenti esenti “in modo assoluto” dal tributo, tra cui gli “Atti e copie del procedimento di accertamento e riscossione di qualsiasi tributo, dichiarazioni, denunzie, atti, documenti e copie presentati ai competenti Uffici ai fini della applicazione delle leggi tributarie…”. E il certificato in questione serve a documentare, anche nei confronti dell’Amministrazione finanziaria, la sussistenza dei requisiti necessari affinché lo studente possa beneficiare del contributo per l’acquisto dello strumento musicale e il rivenditore o produttore del relativo credito d’imposta.
Ugualmente non sconta l’imposta di bollo l’istanza presentata dallo studente per ottenere il certificato. L’articolo 14 della stessa tabella, infatti, sancisce l’esenzione dal tributo per le “Domande per ottenere certificati ed altri atti e documenti esenti dall’imposta di bollo…”.
Sui documenti rilasciati in esenzione dal bollo va indicato l’uso per il quale gli stessi sono destinati.
Sonia Angeli
pubblicato Mercoledì 27 Aprile 2016

I più letti

La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
In base alla norma vanno imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando si prova che egli ne è l’effettivo possessore per interposta persona
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Ai fini delle deduzioni dei costi e delle detrazioni Iva incombe sul contribuente l’onere di provare l’inerenza del bene o del servizio all’attività imprenditoriale
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
L’ufficio finanziario è tenuto a riscontrare la coerenza fra le diverse operazioni realizzate, pertanto, non è sufficiente che tali documenti siano correttamente registrati in contabilità
Può essere presentato direttamente in rete attraverso il servizio “Fai DA Te” oppure consegnato agli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione o, ancora, inviato tramite Pec
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino