Normativa e prassi
Cambiamenti, addii e conferme
nel mondo delle causali contributo
On line sul sito dell’Agenzia due diversi documenti di prassi contenenti aggiornamenti relativi alle sigle da inserire nel modello F24 per indirizzare i versamenti ai legittimi destinatari
Cambiamenti, addii e conferme|nel mondo delle causali contributo
Movimenti in corso per alcune causali contributo da utilizzare con il modello di versamento F24: in particolare, la risoluzione 52/2018 interviene sulle sigle “dedicate” alla riscossione dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dagli iscritti all’Eppi, mentre la risoluzione 53/2018 sospende la causale “Ebuc” per il finanziamento dell’ente bilaterale Unci-Confsal.
 
Ridenominazioni, conferme e addii per le causali dei periti industriali
Novità, quindi, per il versamento, con modello F24, dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dagli iscritti all’Ente di previdenza dei periti industriali e dei periti industriali laureati (Eppi).
Con la risoluzione 52/E del 9 luglio 2018, infatti, delle sette causali istituite con la risoluzione 19/2015, a seguito della convenzione siglata il 4 febbraio 2015 da Agenzia delle entrate ed Eppi, due sono ridenominate, quattro soppresse e soltanto una rimane invariata.
 
Più precisamente, sono ridenominate le seguenti causali:
  • E069” – “Eppi-Capitale e/o spese legali” (la precedente denominazione era “Eppi-Contributi scaduti”)
  • E070” – “Eppi-Interessi di mora e sanzioni e/o spese legali” (la precedente denominazione era “Eppi-Interessi di mora e sanzioni per il ritardato pagamento dei contributi”). 
Con lo stesso documento di prassi, finiscono definitivamente a riposo, invece, dal prossimo 18 luglio, le causali “E066”, “E067”, E068” ed “E071”.
 
Funzione e denominazione invariate, infine, per la causale “E072”.
 
Pausa di riflessone per “Ebuc”
Con la risoluzione 53/E del 9 luglio 2018, invece, su richiesta dell’Inps dello scorso 11 giugno, dal prossimo 18 luglio è sospesa la causale contributo “Ebuc”, istituita con la risoluzione 100/2010, per il versamento, tramite modello F24, dei contributi diretti al finanziamento dell’Ente bilaterale Unci-Confsal.
r.fo.
pubblicato Lunedì 9 Luglio 2018

I più letti

Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
Le informazioni per ottenere l’agevolazione vanno inviate esclusivamente on line utilizzando Spid, le credenziali di Fisconline o Entratel, oppure la Carta nazionale dei servizi
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Copertina della guida
Dalle regole generali da rispettare per usufruire dei benefici fiscali alla lista delle prestazioni mediche, dei farmaci e dei dispositivi per i quali spettano detrazioni e deduzioni
Le informazioni per ottenere l’agevolazione vanno inviate esclusivamente on line utilizzando Spid, le credenziali di Fisconline o Entratel, oppure la Carta nazionale dei servizi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino