Normativa e prassi
Canone Tv in bolletta. Arriva
il contributo per il “disturbo”
Le aziende elettriche, che hanno provveduto alla riscossione, potranno conoscere i dati relativi alla somma loro assegnata, dal sito dei servizi telematici dell’Agenzia o per e-mail
telecomando
Alle società elettriche è riconosciuto un contributo forfetario (articolo 7, comma 1, Dm 94/2016) a copertura delle spese sostenute a seguito del nuovo metodo di riscossione del canone Tv. L’importo è attribuito direttamente dall’Agenzia delle entrate, in base alla formula definita nella delibera dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, del 28 aprile 2017. Lo stesso documento prevede che anche le somme dovute dalle aziende ad Acquirente unico Spa, per le attività svolte in qualità di “intermediario” con il Fisco, debbano essere versate direttamente dall’Agenzia.
 
A completamento della procedura, la delibera stabilisce, inoltre, che Acquirente unico Spa comunichi all’amministrazione finanziaria i dati necessari per il calcolo degli importi da assegnare alle singole società e delle quote spettanti all’ente stesso: con il provvedimento del 20 settembre 2017, l’Agenzia delle entrate detta le modalità e la tempistica da seguire per la trasmissione di detti valori e indica come le aziende saranno informate dell’entità e dei dettagli del contributo, e del relativo pagamento, in relazione all’anno 2016.
 
Via Pec e con firma elettronica
I dati da trasmettere per la determinazione del contributo, previsti dalla delibera dell’Autorità per l’energia elettrica, devono essere inviati da Acquirente unico alla direzione centrale Gestione tributi dell’Agenzia delle entrate, tramite Pec e con firma digitale, entro il prossimo 27 settembre, all’indirizzo agenziaentratepec@pce.agenziaentrate.it.
 
Importi online oppure in posta elettronica
Applicata la formula, il Fisco comunica a ogni azienda la somma a essa spettante mettendo in evidenza la quota da versare all’intermediario (Acquirente unico Spa). Due le modalità utilizzate:
  • le imprese abilitate alla data di pubblicazione del provvedimento (e quindi oggi), ai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, potranno conoscere il dettaglio dei dati, da mercoledì 18 ottobre, entrando nella area autenticata dei servizi
  • le società non abilitate al 20 settembre 2017, invece, dovranno tenere sotto controllo l’indirizzo e-mail. La loro comunicazione, infatti, viaggerà per posta elettronica certificata. I soggetti obbligati all’indirizzo Ini-Pec riceveranno il messaggio presso tale casella. 
Anche Acquirente avrà disponibili, dal 18 ottobre, l’importo 2016 spettante e le quote a suo favore a carico di ogni azienda, nell’area autenticata del sito dei servizi telematici.
 
Dalle parole ai fatti
Definiti gli importi, i pagamenti avranno inizio a partire dal prossimo 17 novembre.
Nel caso in cui le aziende rilevino errori nei dati utilizzati, potranno segnalarlo ad Acquirente, entro il 10 novembre 2017, all’indirizzo processi@siipec.acquirenteunico.it.
L’eventuale correzione della somma attribuita a una società, dispone la delibera del 28 aprile 2017 dell’Autorità per l’energia elettrica, comporta la rideterminazione di ogni singolo contributo e, per il momento, alle imprese sarà versato, sempre dal 17 novembre, il 90% della somma spettante a ciascuna in base ai conteggi originari.
Se le osservazioni dell’azienda sono esatte, rifatti i conti, l’Agenzia aggiorna le quote, rende disponibili i nuovi importi con le stesse modalità sopra descritte, e procede al pagamento del saldo.
 
Per l’accredito della somme, aziende elettriche e Acquirente unico Spa, dovranno comunicare con firma digitale e posta elettronica certificata, le coordinate bancarie all’indirizzo agenziaentratepec@pce.agenziaentrate.it.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 20 Settembre 2017

I più letti

immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
immagine di una donna che controlla un bilancio
È colpevole di omesso o insufficiente esercizio del potere di controllo sullo svolgimento degli affari e consultazione della contabilità nonché del diritto a ottenere il rendiconto dell'attività
immagine con una lampadina spenta in mezzo ad altre accese
A questa, e non già all'oggetto sociale come definito dall'atto costitutivo, occorre avere riguardo per verificare se una determinata operazione va considerata nel conteggio
Gli intermediari intervenuti nella stipula devono comunicare nome, cognome e codice fiscale di chi affitta, durata, importo del corrispettivo lordo e indirizzo dell’immobile
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
Confermate le novità in materia di iper ammortamento, redditometro, split payment, credito d’imposta ricerca e sviluppo, prelievo erariale unico e società sportive dilettantistiche
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
immagine di persone che hanno uno scopo comune
L'oggetto di una società lucrativa e di una assistenzialistica può in linea di massima essere lo stesso, è l'obiettivo finale che funge da discrimine tra le due compagini
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino