Normativa e prassi
Causale contributo e codici tributo
arrivano con due diverse risoluzioni
La prima va utilizzata per finanziare la sanità integrativa dei metalmeccanici e gli altri sono necessari per versare l’Iva sugli acquisti effettuati da chi presenta il modello Intra 12
Causale contributo e codici tributo|arrivano con due diverse risoluzioni
Con due diversi risoluzioni, entrambe del 14 luglio 2017, l’Agenzia delle Entrate istituisce – con la n. 90/E – la causale contributo MET1 per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi da destinare al finanziamento del Fondo nazionale di categoria di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore metalmeccanico e dell’installazione d’impianti “Metasalute” e – con la n. 91/E – i codici tributo 6043 e 622E i nuovi codici tributo per il versamento, tramite i modelli “F24” ed “F24 Enti pubblici”, dell’Iva sugli acquisti effettuati da parte dei soggetti che presentano il modello Intra 12, ai sensi dell’articolo 49 del Dl 331/1993.

 
Risoluzione 90/E del 14 luglio 2017
Su richiesta dell’Inps – con il quale l’Agenzia delle Entrate ha stipulato una convenzione per la riscossione mediante F24 dei contributi di sua spettanza – è stata varata l’apposita causale contributo MET1 per consentire agli interessati di versare i contributi per il finanziamento del Fondo nazionale di categoria di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore metalmeccanico e dell’installazione d’impianti denominato “Metasalute”.
 
Nell’F24, va indicata nella sezione “Inps”, nel campo “causale contributo”, in corrispondenza degli “importi a debito versati”. All’interno della stessa sezione, negli appositi campi, vanno riportati, inoltre, il codice della sede Inps competente e la matricola Inps dell’azienda.
Nella colonna “da mm/aaaa”, il mese e l’anno di riscossione del contributo, mentre la colonna “a mm/aaaa” non deve essere valorizzata
 
Risoluzione 91/E del 14 luglio 2017
Per i soggetti tenuti agli adempimenti previsti dall’articolo 49 del Dl 331/1993, che presentano mensilmente la dichiarazione modello Intra 12 e, pertanto, devono versare l’Iva (tramite F24 o F24Ep), in relazione agli acquisti dichiarati, sono stati istituiti due nuovi codici:
  • 6043 da indicare nella sezione “Erario” del modello F24
  • 622E da indicare nel campo “sezione”, della lettera “F” (Erario) del modello F24 Enti pubblici.
I nuovi entrati sostituiscono i precedenti codici tributo 6099 e 619E che restano comunque attivi per effettuare le altre tipologie di versamento per i quali sono attualmente utilizzati.
r.fo.
pubblicato Venerdì 14 Luglio 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino