Normativa e prassi
Causale contributo e codici tributo
arrivano con due diverse risoluzioni
La prima va utilizzata per finanziare la sanità integrativa dei metalmeccanici e gli altri sono necessari per versare l’Iva sugli acquisti effettuati da chi presenta il modello Intra 12
Causale contributo e codici tributo|arrivano con due diverse risoluzioni
Con due diversi risoluzioni, entrambe del 14 luglio 2017, l’Agenzia delle Entrate istituisce – con la n. 90/E – la causale contributo MET1 per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi da destinare al finanziamento del Fondo nazionale di categoria di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore metalmeccanico e dell’installazione d’impianti “Metasalute” e – con la n. 91/E – i codici tributo 6043 e 622E i nuovi codici tributo per il versamento, tramite i modelli “F24” ed “F24 Enti pubblici”, dell’Iva sugli acquisti effettuati da parte dei soggetti che presentano il modello Intra 12, ai sensi dell’articolo 49 del Dl 331/1993.

 
Risoluzione 90/E del 14 luglio 2017
Su richiesta dell’Inps – con il quale l’Agenzia delle Entrate ha stipulato una convenzione per la riscossione mediante F24 dei contributi di sua spettanza – è stata varata l’apposita causale contributo MET1 per consentire agli interessati di versare i contributi per il finanziamento del Fondo nazionale di categoria di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del settore metalmeccanico e dell’installazione d’impianti denominato “Metasalute”.
 
Nell’F24, va indicata nella sezione “Inps”, nel campo “causale contributo”, in corrispondenza degli “importi a debito versati”. All’interno della stessa sezione, negli appositi campi, vanno riportati, inoltre, il codice della sede Inps competente e la matricola Inps dell’azienda.
Nella colonna “da mm/aaaa”, il mese e l’anno di riscossione del contributo, mentre la colonna “a mm/aaaa” non deve essere valorizzata
 
Risoluzione 91/E del 14 luglio 2017
Per i soggetti tenuti agli adempimenti previsti dall’articolo 49 del Dl 331/1993, che presentano mensilmente la dichiarazione modello Intra 12 e, pertanto, devono versare l’Iva (tramite F24 o F24Ep), in relazione agli acquisti dichiarati, sono stati istituiti due nuovi codici:
  • 6043 da indicare nella sezione “Erario” del modello F24
  • 622E da indicare nel campo “sezione”, della lettera “F” (Erario) del modello F24 Enti pubblici.
I nuovi entrati sostituiscono i precedenti codici tributo 6099 e 619E che restano comunque attivi per effettuare le altre tipologie di versamento per i quali sono attualmente utilizzati.
r.fo.
pubblicato Venerdì 14 Luglio 2017

I più letti

La legge di bilancio non ha chiarito, ma modificato, le regole e, mancando una espressa previsione di retroattività, gli atti antecedenti al 2018 seguono la precedente normativa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
L’Agenzia precisa che il tax credit è applicabile anche nel caso in cui le spese agevolabili siano sostenute da una società residente su incarico del socio unico statunitense
immagine generica illustrativa
Vale per le imposte sui redditi; ai fini Iva, invece, l’ufficio deve provare la macroscopica non convenienza rilevante quale indizio dell’assenza di connessione tra costo e attività d’impresa
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino