Normativa e prassi
Cessioni di gasolio e benzina:
sono operativi i servizi digitali
Devono essere utilizzati per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri. Il primo invio va eseguito entro il prossimo 31 agosto
Cessioni di gasolio e benzina:|sono operativi i servizi digitali
L’Agenzia delle dogane e dei Monopoli, con la Nota n. 73285 del 5 luglio 2018, ha impartito le istruzioni operative per l’utilizzo dei servizi digitali per la trasmissione dei corrispettivi relativi alle cessioni di benzina e di gasolio.
 
L’adempimento
La legge di bilancio 2018, per prevenire e contrastare l’evasione fiscale e le frodi nel settore dei prodotti energetici, ha introdotto una serie di adempimenti finalizzati al presidio digitale delle transazioni di filiera. In particolare, a partire dal 1° luglio 2018, è in vigore l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri relativi alle cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori (articolo 1, comma 909, punto 8, lettera b, legge 205/2017).
 
Con il provvedimento 28 maggio 2018 sono stati definiti i termini e le modalità per il nuovo adempimento, stabilendo che:
  • dal 1° luglio 2018 sono obbligati i soggetti che gestiscono distributori di benzina e gasolio a elevata automazione, che erogano unicamente in self-service prepagato muniti di sistemi automatizzati di telerilevazione dei dati di impianto, di terminali per il pagamento tramite accettatore di banconote, moneta elettronica (bancomat, carte di credito, prepagate, eccetera) e di sistemi informatici per la gestione in remoto dei dati di carico e di scarico delle quantità di carburante
  • le informazioni devono essere trasmesse con cadenza mensile entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento (pertanto, la prima trasmissione dovrà essere eseguita entro il prossimo 31 agosto)
  • con successivi provvedimenti saranno definiti i termini di avvio graduale per la restante platea di distributori. 
 
I servizi digitali
A disposizione dei soggetti tenuti all’adempimento sono stati predisposti specifici servizi digitali. Gli interessati (o un loro delegato), infatti, utilizzano l’applicazione “Corrispettivi distributori stradali di carburanti” disponibile sul Portale unico dogane (Pud), che comprende i seguenti servizi:
  • “invioDistributoriCarburanti”, per la trasmissione dei file
  • “annullamentoDistributoriCarburanti”, per annullare un file già inviato
  • “interopRservice”, per controllare lo stato dell’invio (o dell’annullamento)
  • “interopService”, per conoscere l’esito dell’operazione. 
Le istruzioni dettagliate per il corretto utilizzo dei servizi sono contenute nel Manuale operativo disponibile sul Pud.
 
Per accedere ai servizi (o per delegare un altro soggetto) gli interessati devono disporre di identità digitale (Spid livello 2 o Cns).
 
I nuovi servizi, già in ambiente di prova dallo scorso 30 aprile, sono immediatamente disponibili in ambiente di esercizio.
r.fo.
pubblicato Venerdì 6 Luglio 2018

I più letti

Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Secondo l’Agenzia delle entrate, la società istante può procedere al “recupero” del componente negativo di reddito attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa
L’interpretazione dell’articolo 7-quater, comma 1, lettera a), del Dpr 633/1972, si basa sui chiarimenti forniti dall’articolo 31-bis del Regolamento di esecuzione Ue 1042/2013
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
La richiesta deve essere effettuata compilando e inviando l’apposito modello. Le istanze trasmesse prima del 24 settembre non saranno prese in considerazione e andranno riproposte
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Per quelle emesse nei confronti dei soggetti passivi Iva da un Comune che gestisce il servizio idrico sussiste l’obbligo di comunicazione previsto dall’articolo 21, Dl 78/2010
Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online
Le informazioni per ottenere l’agevolazione vanno inviate esclusivamente on line utilizzando Spid, le credenziali di Fisconline o Entratel, oppure la Carta nazionale dei servizi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino