Normativa e prassi
Un codice tributo per finanziare
le casse dei Vigili del fuoco
Consente di riassegnare al medesimo ente le maggiori risorse, derivanti dall’espletamento delle funzioni di controllo, per migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro
vigili del fuoco
Istituito, con risoluzione n. 12/E del 17 marzo 2016, il codice tributo “8AET” per versare nelle casse del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, tramite il modello F23, le maggiorazioni delle sanzioni emesse a seguito dell’attività di controllo in materia di prevenzione incendi. Il codice, in particolare, fa seguito all’articolo 46, comma 7, del Dlgs 81/2008, che prevede la riassegnazione delle somme allo stesso ente, al fine di migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro.
 
La risoluzione di oggi istituisce anche il codice ente “ZAE”, da utilizzare nell’F23 per identificare gli “Uffici centrali” del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, in aggiunta al vigente codice ente “Zxx”, identificativo del comando provinciale.
 
Nel campo 6 del modello F23 va indicato: il codice Zxx, dove xx è sostituito dalla sigla automobilistica della provincia di appartenenza dell’ente, oppure il codice ZAE, che individua gli uffici centrali dei Vigili del fuoco.
Nel campo 10 vanno inseriti gli estremi dell’atto con cui si richiede il pagamento, mentre nel campo 11 (codice tributo) è indicato il codice 8AET.
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 17 Marzo 2016

I più letti

Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
L’articolo 20 del Testo unico sul registro “attribuisce preminente rilievo all’intrinseca natura e agli effetti giuridici dell’atto, rispetto al suo titolo e alla sua forma apparente”
immagine di libro aperto con bilancia, simbolo della giustizia
È stato introdotto il concetto di ultra-tardività della dichiarazione presentata dal sostituto d'imposta, con penalità pari alla metà di quella ordinaria prevista per l'omissione totale
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
I sessanta giorni per emanare l'avviso riguardano i soli casi di accesso, ispezione o verifica nei locali destinati all'esercizio dell'attività
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Fra le novità illustrate, l’introduzione di ulteriori indicatori di territorialità, i correttivi per la revisione congiunturale speciale, le semplificazioni alla modulistica
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario