Normativa e prassi
Un codice tributo per finanziare
le casse dei Vigili del fuoco
Consente di riassegnare al medesimo ente le maggiori risorse, derivanti dall’espletamento delle funzioni di controllo, per migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro
vigili del fuoco
Istituito, con risoluzione n. 12/E del 17 marzo 2016, il codice tributo “8AET” per versare nelle casse del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, tramite il modello F23, le maggiorazioni delle sanzioni emesse a seguito dell’attività di controllo in materia di prevenzione incendi. Il codice, in particolare, fa seguito all’articolo 46, comma 7, del Dlgs 81/2008, che prevede la riassegnazione delle somme allo stesso ente, al fine di migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro.
 
La risoluzione di oggi istituisce anche il codice ente “ZAE”, da utilizzare nell’F23 per identificare gli “Uffici centrali” del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, in aggiunta al vigente codice ente “Zxx”, identificativo del comando provinciale.
 
Nel campo 6 del modello F23 va indicato: il codice Zxx, dove xx è sostituito dalla sigla automobilistica della provincia di appartenenza dell’ente, oppure il codice ZAE, che individua gli uffici centrali dei Vigili del fuoco.
Nel campo 10 vanno inseriti gli estremi dell’atto con cui si richiede il pagamento, mentre nel campo 11 (codice tributo) è indicato il codice 8AET.
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 17 Marzo 2016

I più letti

immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
La giustizia “rientra in aula” giovedì 1° settembre. Terminate le “vacanze” estive, ripartono le procedure e riprende il conteggio dei giorni per depositare atti e documenti
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
immagine di due maschere bianche
L’amministrazione finanziaria deve intervenire e procedere anche se il soggetto frammesso è veramente esistente e le operazioni contestate sono state effettivamente compiute
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
L'adempimento è condizione necessaria per acquisire la qualifica e per conseguire il diritto a usufruire delle agevolazioni fiscali previste dal decreto legislativo 460/1997
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
Non producendo reddito d'impresa, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale sono assoggettate all'Ires relativamente ai soli redditi fondiari, redditi di capitale e redditi diversi
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
La qualifica è acquisibile da associazioni con o senza personalità giuridica, comitati, fondazioni, società cooperative e altri enti privati purché perseguano finalità meritevoli di tutela
immagine di grande animale che protegge un piccolo cane
I settori in cui possono svolgere la propria attività sono tassativamente indicati dalla legge: ad accomunarle è il fine, che deve essere solo di solidarietà sociale
Non sarà più considerato documento originale quello stampato e sottoscritto né quello generato in modalità automatica, con la dicitura “firma autografa sostituita a mezzo stampa”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Dopo la verifica dei presupposti, l’Agenzia dà il via libera per la restituzione della somma, che le imprese accreditano sulla prima bolletta utile e, comunque, entro 45 giorni