Normativa e prassi
Un codice tributo per finanziare
le casse dei Vigili del fuoco
Consente di riassegnare al medesimo ente le maggiori risorse, derivanti dall’espletamento delle funzioni di controllo, per migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro
vigili del fuoco
Istituito, con risoluzione n. 12/E del 17 marzo 2016, il codice tributo “8AET” per versare nelle casse del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, tramite il modello F23, le maggiorazioni delle sanzioni emesse a seguito dell’attività di controllo in materia di prevenzione incendi. Il codice, in particolare, fa seguito all’articolo 46, comma 7, del Dlgs 81/2008, che prevede la riassegnazione delle somme allo stesso ente, al fine di migliorare i livelli di sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro.
 
La risoluzione di oggi istituisce anche il codice ente “ZAE”, da utilizzare nell’F23 per identificare gli “Uffici centrali” del corpo nazionale dei Vigili del fuoco, in aggiunta al vigente codice ente “Zxx”, identificativo del comando provinciale.
 
Nel campo 6 del modello F23 va indicato: il codice Zxx, dove xx è sostituito dalla sigla automobilistica della provincia di appartenenza dell’ente, oppure il codice ZAE, che individua gli uffici centrali dei Vigili del fuoco.
Nel campo 10 vanno inseriti gli estremi dell’atto con cui si richiede il pagamento, mentre nel campo 11 (codice tributo) è indicato il codice 8AET.
 
r.fo.
pubblicato Giovedì 17 Marzo 2016

I più letti

On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
Ai compensi dei professionisti si applica il principio di cassa: la disponibilità della somma indicata nel titolo di credito va inquadrata al momento in cui lo stesso è ricevuto
disegno con dispositivi per diverse forme di pagamento
Per facilitare il passaggio alle nuove modalità di pagamento, fino al prossimo 31 dicembre è previsto un periodo transitorio in cui saranno ancora possibili versamenti cash
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino