Normativa e prassi
Compensazioni zona franca Emilia:
in F24 anche il 2017, 2018 e 2019
Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate, ricordando pure che le microimprese beneficiarie sono tenute a presentare il modello di versamento esclusivamente in via telematica
Compensazioni zona franca Emilia:|in F24 anche il 2017, 2018 e 2019
Nel 2015 è stata istituita una zona franca comprendente i territori dell’Emilia colpiti dall’alluvione del 17 gennaio 2014 e i comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. Alle microimprese ivi localizzate è stata riconosciuta l’esenzione dalle imposte sui redditi, dall’Irap e dall’Imu (articolo 12, Dl 78/2015).
 
Inizialmente, le agevolazioni erano state riconosciute solo per gli anni d’imposta 2015 e 2016 e l’Agenzia delle entrate, per consentirne l’utilizzo in compensazione tramite F24, aveva istituito il codice tributo “Z146” (risoluzione n. 35/E del 4 maggio 2016).
L’ultimo decreto “milleproroghe” ne ha esteso l’applicazione anche ai periodi d’imposta 2017, 2018 e 2019 (articolo 14, comma 12-quinquies, Dl 244/2016).
 
Il ministero dello Sviluppo economico, con la circolare n. 74294 del 27 giugno 2017, ha fornito chiarimenti in merito alle modalità di fruizione delle agevolazioni, alla luce delle novità normative intervenute, indicando le quote che prudenzialmente le imprese devono considerare quale importo residuo effettivamente fruibile per i periodi d’imposta 2017, 2018 e 2019.
 
Lo scorso 1° agosto, l’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 106/E, in attesa che fossero completati gli interventi sulle procedure informatiche finalizzati a consentire la fruizione in compensazione tramite modello F24 delle agevolazioni anche per gli anni 2017, 2018 e 2019, aveva stabilito che le imprese che avessero avuto necessità nell’immediato di utilizzare le agevolazioni ai fini del pagamento delle imposte avrebbero potuto indicare nel campo “anno di riferimento” del modello F24 l’anno “2016” (vedi “Compensazioni 2017 Zfu Emilia:  nell’F24 vale ancora l’anno 2016).
 
Con la risoluzione n. 110/E dell'11 agosto 2017, la stessa Agenzia rende noto che le microimprese localizzate nella zona franca dell’Emilia, nel compilare il modello F24 per pagare le imposte sui redditi, l’Irap e l’Imu, possono utilizzare le agevolazioni indicando anche gli anni d’imposta 2017, 2018 e 2019 in corrispondenza del codice “Z146”.
 
La risoluzione, inoltre, ribadisce che l’F24 deve essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici dell’Agenzia e che le agevolazioni possono essere utilizzate in compensazione nei limiti dell’importo complessivamente concesso dal ministero dello Sviluppo economico a ciascuna impresa, pena lo scarto del modello di versamento.
r.fo.
pubblicato Venerdì 11 Agosto 2017

I più letti

Non sono del Fisco ma dei soliti truffatori che agiscono in rete. L’allegato contiene dei virus informatici che potrebbe danneggiare il computer e rubare i dati in esso contenuti
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Se l’amministratore è interno alla Srl, il compenso accantonato non è tassabile in quanto la mancata fruizione è finalizzata a incrementare il patrimonio della partecipata
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Non sono del Fisco ma dei soliti truffatori che agiscono in rete. L’allegato contiene dei virus informatici che potrebbe danneggiare il computer e rubare i dati in esso contenuti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
L’adempimento, già oggetto di proroga al prossimo 28 settembre, riguarda le informazioni Iva da trasmettere al Fisco anche da parte di chi ha esercitato l’opzione dell’invio telematico
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino