Normativa e prassi
Compilazione agevolata:
ok alle specifiche tecniche
Definite le regole e le modalità operative che consentono l’applicazione della nuova funzionalità (valida da quest’anno) relativa alle spese sanitarie e a quelle veterinarie
Compilazione agevolata:|ok alle specifiche tecniche
Definite, con il decreto 27 aprile 2018 del ministero dell’Economia e delle Finanze (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri) le specifiche tecniche e le modalità operative del Sistema tessera sanitaria (Sistema Ts) per consentire la compilazione agevolata delle spese sanitarie e veterinarie sul sito dell’Agenzia delle entrate (anche con riferimento alle spese sostenute per i familiari a carico e ai relativi rimborsi), nonché la consultazione da parte del cittadino dei dati delle proprie spese sanitarie.

In sintesi, il Dm, ricevuto il benestare del Garante della privacy, fornisce gli strumenti operativi per mettere in pratica la nuova funzionalità prevista dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate dello scorso 9 aprile, che consente ai contribuenti di rettificare i dati delle spese sanitarie e veterinarie, nell’ambito di un servizio per la compilazione agevolata del quadro relativo agli oneri deducibili e detraibili della dichiarazione dei redditi (vedi “Spese sanitarie e veterinarie: importanti novità sulla rettifica”). Si tratta di un’opportunità introdotta a partire dai dati relativi all’anno d’imposta 2017 e, quindi, usufruibile già da quest’anno, per la redazione dei modelli 730 e Redditi 2018.
Attraverso la compilazione agevolata il contribuente, dopo aver visualizzato i dati di dettaglio degli oneri comunicati dai soggetti terzi (utilizzati o non utilizzati per la predisposizione della precompilata), può correggerli attraverso la loro modifica, integrazione o cancellazione.
In definitiva, il provvedimento del 27 aprile aggiorna le regole tecnico-operative già stabilite dal precedente Dm 31 luglio 2015 (Specifiche tecniche e modalità operative relative alla trasmissione telematica delle spese sanitarie al Sistema tessera sanitaria, da rendere disponibili all’Agenzia delle entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata), adeguandole al nuovo servizio.

Compilazione agevolata: consultazione e modifica dei dati da parte del contribuente
In base alle nuove modalità tecniche definite con il decreto in esame (Allegato B), il Sistema Ts, a fronte dell’attivazione della compilazione agevolata, mette a disposizione dell’Agenzia delle entrate le seguenti funzionalità, che consentono di:
  • consultare il dettaglio delle spese sanitarie e veterinarie sostenute dal dichiarante anche per i familiari a carico e dei relativi rimborsi
  • inserire nuovi documenti fiscali di spesa o rimborso da utilizzare nella dichiarazione dei redditi, indicando la data del pagamento/rimborso, l’importo, chi ha emesso il documento e, facoltativamente, la sua relativa partita Iva e il numero del documento. In caso di familiare a carico, il dichiarante deve inserire in che percentuale ha sostenuto la spesa
  • modificare un documento fiscale di spesa o rimborso da utilizzare nella dichiarazione dei redditi. In tal caso, il contribuente può modificare l’importo e l’indicazione di utilizzo della spesa ai fini della precompilata. Se la spesa si riferisce a un familiare a carico, il contribuente può correggere la percentuale di sostenimento della spesa
  • indicare il non utilizzo di un documento fiscale o rimborso nella dichiarazione dei redditi
  • effettuare il calcolo della somma complessiva delle spese sanitarie e veterinarie sostenute dal dichiarante anche in riferimento ai familiari a carico e in base alla relativa percentuale di carico. Il risultato dell’elaborazione viene memorizzato in un’apposita base dati e reso disponibile all’Agenzia delle entrate.
A sua volta, l’Agenzia delle entrate, soltanto in relazione ai contribuenti che utilizzano il servizio di compilazione agevolata, dalla data in cui la dichiarazione può essere accettata, modificata o integrata (e, quindi, per il 2018, dallo scorso 2 maggio), mette a disposizione del Sistema tessera sanitaria:
  • il codice fiscale del dichiarante e i codici fiscali e le relative percentuali di carico fiscale dei familiari a carico inseriti nella precompilata. Inoltre, se il contribuente aggiunge ulteriori familiari a carico, con la relativa percentuale di carico, l’Agenzia rende disponibili tali dati al Sistema Ts che attiva la sola funzionalità di inserimento di una nuova spesa sanitaria o rimborso
  • le tipologie di spese che l’Agenzia non ha utilizzato per l’elaborazione della precompilata.
Consultazione delle spese sanitarie
Tutti i cittadini, indipendentemente dalla predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata, possono consultare i dati relativi alle proprie spese sanitarie acquisiti dal Sistema tessera sanitaria (articolo 3, comma 3-bis, Dlgs 175/2014).
Il cittadino, dal 1° gennaio dell’anno di riferimento della spesa al 31 gennaio dell’anno successivo può segnalare eventuali errori riscontrati nei documenti fiscali tramite le funzionalità fornite dal Sistema Ts. Quest’ultimo, a sua volta, trasmetterà la segnalazione al soggetto che ha trasmesso il documento per procedere con la correzione.
 
r.fo.
pubblicato Martedì 15 Maggio 2018

I più letti

L’Agenzia delle entrate illustra come utilizzerà le informazioni relative agli utenti, comprese quelle fornite per registrarsi al servizio di newsletter della rivista online FiscoOggi
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
immagine di un cronometro su un calendario
È possibile suddividere il pagamento con F24 fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo (senza applicazione di sanzioni e interessi) a decorrere dalla stessa data
Le applicazioni informatiche consentono di predisporre i file e verificare la presenza di possibili errori nei dati inseriti. Il sistema, inoltre, garantisce l’utilizzo della versione più aggiornata dei programmi
Circa 60mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle entrate i programmi che consentono la compilazione e il controllo delle comunicazioni; prossimo appuntamento il 31 maggio
I nuovi servizi del software Otello 2.0 sono disponibili a partire già da oggi. Per accreditarsi alla piattaforma gli utenti dovranno utilizzare i sistemi nazionali di identità digitale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino