Normativa e prassi
Il condominio non è un’abitazione,
si illumina solo con Iva ordinaria
L’aliquota agevolata è prevista nelle uniche ipotesi di impiego dell’energia nelle case o in analoghe strutture a carattere collettivo caratterizzate dal requisito della “residenzialità”
Il condominio non è un’abitazione,|si illumina solo con Iva ordinaria
Alla fornitura di energia elettrica necessaria per il funzionamento delle parti comuni dei condomini deve essere applicata l’aliquota Iva ordinaria; questo perché gli ambienti in argomento non possono essere destinati ad abitazione e quindi non può essere soddisfatto il requisito dell’uso domestico richiesto dalla norma per poter applicare l’aliquota agevolata al 10 per cento.
È la precisazione contenuta nella consulenza giuridica n. 3/2018.
 
Il chiarimento è stato sollecitato da un’associazione convinta che, nel caso in cui il condominio abbia natura “prevalentemente residenziale”, le spese per l’illuminazione comune, il cancello elettrico, l’impianto citofonico, l’ascensore, e altro ancora, debbano essere assoggettate a Iva con aliquota del 10% per il semplice motivo che “ciascuna unità immobiliare, sia essa destinata ad uso domestico sia con destinazione diversa, è dotata di autonomo contatore”. Il condominio, nel caso prospettato, non utilizza l’energia per l’esercizio di imprese o per effettuare prestazioni di servizi soggette a Iva.
 
L’Agenzia delle entrate comincia dalla lettura della norma (numero 103, della Tabella A, parte III, allegata al Dpr 633/1972): inequivocabile, è agevolata esclusivamente la fornitura di “energia elettrica per uso domestico”. Poi, rammenta che in alcuni documenti di prassi ha spiegato dettagliatamente il concetto. Ad esempio, con la circolare 82/1999 e la risoluzione 150/2004, ha precisato che “l’uso domestico si realizza nelle somministrazioni rese nei confronti di soggetti che, in qualità di consumatori finali, impiegano l’energia elettrica o termica nella propria abitazione, a carattere familiare o in analoghe strutture a carattere collettivo e che non utilizzano l’energia nell’esercizio di imprese o per effettuare prestazioni di servizi rilevanti ai fini IVA, anche se in regime di esenzione”.
 
In pratica, l’“uso domestico” circoscrive l’agevolazione alle sole ipotesi di impiego dell’energia nelle abitazioni familiari o in strutture simili a carattere collettivo caratterizzate dal requisito della “residenzialità”, con esclusione dei casi in cui le stesse somministrazioni vengano erogate in strutture “non residenziali”, sia pubbliche che private.
Inoltre, sostiene l’Amministrazione, non si può escludere che il condominio possa un giorno effettuare prestazioni di servizi rilevanti ai fini Iva, come ad esempio, locare i locali comuni a uso commerciale.
r.fo.
pubblicato Martedì 4 Dicembre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino