Normativa e prassi
Conferimento seguito da scissione:
si tratta di un’operazione “abusiva”
La riorganizzazione comporta un numero superfluo di negozi giuridici non coerenti con le normali logiche di mercato, ma idonei a far conseguire un indebito vantaggio fiscale
Conferimento seguito da scissione:|si tratta di un’operazione “abusiva”
Configura un’ipotesi di abuso del diritto il conferimento di partecipazioni di minoranza in un’unica società, che acquisisce la totalità delle partecipazioni della società conferita, seguito dalla successiva scissione della stessa società conferitaria. È questa, in sintesi, la conclusione a cui è giunta l’Agenzia delle entrate nella risposta 30/2018, a seguito di un’istanza di interpello.
 
La questione sottoposta all’attenzione dell’Amministrazione riguarda una riorganizzazione avente come unico e dichiarato fine quello di trasferire le partecipazioni in una società holding “mista”, detenute, in egual misura, da quattro soci persone fisiche non in regime d’impresa (25% cadauno), in quattro holding unipersonali, ognuna posseduta da ciascuno dei quattro fratelli.
 
Dopo aver sinteticamente passato in rassegna la disciplina prevista dal Tuir in materia di conferimenti in società (cfr articolo 9, commi 2 e 5, articolo 177, comma 2), l’Agenzia ritiene che dallo schema di riorganizzazione descritto dall’istante derivi un “indebito vantaggio fiscale” per ciascun socio della holding conferita. In particolare, tale vantaggio consiste nel risparmio d’imposta derivante dalla fruizione della neutralità fiscale “indotta” (in relazione al preliminare conferimento di partecipazioni) e dalla fruizione della neutralità fiscale derivante dalla successiva scissione parziale della società conferitaria, in luogo dell’applicazione del principio generale, che disciplina i conferimenti in società per i soggetti non imprenditori titolari di partecipazioni minoritarie (articolo 9, Tuir). Infatti, sottolinea l’Agenzia, l’operazione in esame (conferimento di partecipazioni di minoranza in un’unica società, che acquisisce la totalità delle partecipazioni della società conferita, e la successiva scissione della stessa società conferitaria) è priva di “sostanza economica”, essendo inidonea a produrre effetti significativi diversi dall’indebito vantaggio fiscale rappresentato dalla mancata tassazione della plusvalenza da conferimento in capo a ciascuno dei soci persone fisiche della conferita.
In altri termini, la riorganizzazione “comporta un numero superfluo di operazioni societarie, il cui perfezionamento non è coerente con le normali logiche di mercato, bensì è idoneo a far conseguire un vantaggio fiscale indebito”.
 
Inoltre, evidenzia l’Amministrazione, non sono rinvenibili “valide ragioni extrafiscali non marginali”, anche di natura organizzativa o gestionale, tali da giustificare il complesso di negozi giuridici prospettati dall’istante. Quest’ultimo, infatti, sostiene che l’intera ristrutturazione societaria è finalizzata alla creazione di quattro holding unipersonali destinate a rappresentare per ciascuno dei quattro soci un “veicolo”, attraverso il quale sviluppare, senza interferenze reciproche, le rispettive propensioni imprenditoriali e gestire il ricambio generazionale limitatamente al proprio nucleo familiare.
Orbene, l’Agenzia ritiene che rispetto a questo obiettivo dichiarato, non appare idonea la scelta di combinare due distinti negozi giuridici (conferimento di partecipazioni di minoranza in un’unica società seguito dalla scissione della stessa società conferitaria), in luogo del fisiologico conferimento, da parte di ciascun socio, della propria partecipazione a favore, rispettivamente, di quattro società unipersonali di nuova costituzione.
L’intera operazione, conclude l’Agenzia, risponde in realtà a un “obiettivo personalistico” dei soci della società conferita, consistente nell’azzeramento del rispettivo carico tributario.
r.fo.
pubblicato Lunedì 8 Ottobre 2018

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
Il prelievo fiscale sui redditi prodotti oltralpe che non concorrono alla formazione del reddito complessivo nazionale, quindi della base imponibile, non dà diritto a detrazione
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino