Normativa e prassi
Contributo di accesso alla mobilità.
La "causale" per le imprese in crisi
Da utilizzare per versare all'Inps, a titolo di anticipazione, la somma pari al trattamento massimo mensile di integrazione salariale per ogni lavoratore ritenuto eccedente.
testo alternativo per immagine

Con la causale contributo "ACIM", di nuova istituzione, le imprese con più di quindici dipendenti ammesse al trattamento straordinario di integrazione salariale, che non possono garantire il reimpiego a tutti i lavoratori, potranno versare all'Inps, tramite F24, l'anticipo sulle somme da corrispondere per accedere alla procedura di mobilità (articolo 5, comma 4, legge 223/1991). È quanto previsto dalla risoluzione 129/E del 22 dicembre.

 

Si ricorda che, in base all'articolo 4 della legge 223/1991, le imprese che avviano la procedura di mobilità, sono tenute a inviare alle rappresentanze sindacali e alle associazioni di categoria, una comunicazione contenente i motivi che hanno determinato la situazione di eccedenza, le ragioni per cui non possono adottare misure alternative, il numero e il profilo professionale dei dipendenti, i tempi del programma di mobilità e le eventuali misure per fronteggiare le conseguenze, sul piano sociale, dell'attuazione del programma medesimo.
 

Alla comunicazione devono, inoltre, allegare copia della ricevuta del versamento all'Inps di una somma pari al trattamento massimo mensile di integrazione salariale moltiplicato per il numero dei lavoratori ritenuti eccedenti, a titolo di anticipazione sull'importo totale: "Per ciascun lavoratore posto in mobilità l'impresa è tenuta a versare alla gestione degli interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali, di cui all'art. 37, L. 9 marzo 1989, n. 88, in trenta rate mensili, una somma pari a sei volte il trattamento mensile iniziale di mobilità spettante al lavoratore. Tale somma è ridotta alla metà quando la dichiarazione di eccedenza del personale di cui all'art. 4, comma 9, abbia formato oggetto di accordo sindacale" (articolo 5, comma 4, legge 223/1991).

La causale "ACIM", denominata "Datori di lavoro - anticipazione contributo di ingresso mobilità", consente dunque il versamento dell'anticipo delle somme previste dall'articolo 5, comma 4, legge 223/1991.

La causale va esposta nella sezione "Inps" del modello F24, nel campo "causale contributo". Nella stessa sezione si deve indicare il codice della sede Inps competente, la matricola del contribuente, oltre al mese e anno di riferimento.


r.fo.
pubblicato Giovedì 22 Dicembre 2011

I più letti

ferie d'agosto
Vacanze più brevi per il contenzioso, anche quello fiscale, che chiude i battenti dal 1° al 31 agosto. Fanno eccezione le notifiche di avvisi di accertamento e cartelle di pagamento
testo alternativo per immagine
Censurata la decisione della Ctr che non ha considerato l’inattendibilità complessiva delle scritture contabili quale presupposto, normativamente previsto, di tale modalità di verifica
mattoncini lego
L’agevolazione è cumulabile con il credito d’imposta previsto, dal Dl 83/2012, a favore delle imprese che assumono a tempo indeterminato personale altamente qualificato
casa contesa
Il provvedimento, finalizzato alla confisca per equivalente, può ricadere su beni, anche non di proprietà, ma di cui l’indagato ha comunque mantenuto l’effettiva disponibilità
testo alternativo per immagine
Un mezzo di trasporto può essere considerato “strumentale” all’attività dell’impresa soltanto se le sue caratteristiche rispettano determinate caratteristiche e dimensioni
ferie d'agosto
Vacanze più brevi per il contenzioso, anche quello fiscale, che chiude i battenti dal 1° al 31 agosto. Fanno eccezione le notifiche di avvisi di accertamento e cartelle di pagamento
testo alternativo per immagine
Censurata la decisione della Ctr che non ha considerato l’inattendibilità complessiva delle scritture contabili quale presupposto, normativamente previsto, di tale modalità di verifica
immagine
Per esprimere la scelta, occorrerà rettificare nei prossimi trenta giorni o entro la prima liquidazione Iva successiva, se posteriore, i documenti già emessi con addebito di imposta
testo alternativo per immagine
Un mezzo di trasporto può essere considerato “strumentale” all’attività dell’impresa soltanto se le sue caratteristiche rispettano determinate caratteristiche e dimensioni
testo alternativo per immagine
Spetta un credito d’imposta del 65% per le erogazioni effettuate nel 2015 e nel 2016, del 50% per quelle del 2017. Il beneficio è fruibile in tre quote annuali di pari importo
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco