Normativa e prassi
Correttivi anticrisi per il 2016:
in Gazzetta il via libera del Mef
Pubblicato il decreto ministeriale che approva la revisione congiunturale speciale necessaria per neutralizzare gli effetti della congiuntura economica negativa
Correttivi anticrisi per il 2016:|in Gazzetta il via libera del Mef
Con il decreto del 3 maggio 2017 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri), il ministero dell’Economia e delle finanze ha approvato la revisione congiunturale speciale degli studi di settore per il periodo d’imposta 2016.
L’intervento correttivo trova il suo appiglio normativo nell’articolo 8, Dl 185/2008, in base al quale, allo scopo di tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali, gli studi di settore possono essere integrati e, quindi, adeguati alla realtà economica effettiva in funzione anticrisi.
La revisione, peraltro, necessita del previo parere della Commissione di esperti (istituita ai sensi dall’articolo 10, comma 7, legge 146/1998); parere, che è stato reso lo scorso 4 aprile, dopo l’avallo alla metodologia di correzione arrivato dalla stessa Commissione nella riunione del 7 dicembre 2016 (cfr Studi settore 2016: correttivi ok e arrivano anche Gerico e Parametri e Studi di settore. Gli esperti approvano gli aggiustamenti).
 
Il decreto, in particolare, dà il via libera alle revisione degli studi di settore relativi alle attività economiche nei seguenti settori:
  • manifatture
  • servizi
  • attività professionali
  • commercio.
Al decreto è allegata la Nota tecnica e metodologica che contiene la descrizione dettagliata della metodologia utilizzata per l’elaborazione dei “ritocchi” idonei a disinnescare l’impatto della crisi economica e ad attualizzare gli studi.
A tal proposito, dalla lettura della Nota emerge che il quadro di riferimento della situazione economico-congiunturale che ha caratterizzato il 2016 (alla luce del quale si è reso necessario l’intervento correttivo) è stato delineato sulla base delle pubblicazioni e delle informazioni rese disponibili dall’Istat, dalla Banca d’Italia, dal ministero dello Sviluppo economico, da Prometeia e da Angaisa.
Sulla base dei dati e delle informazioni acquisite nonché delle valutazioni degli Osservatori regionali per gli studi di settore, sono state apportate le opportune modifiche sia all’analisi di normalità economica sia all’analisi di coerenza economica.
 
Inoltre, sono stati introdotti specifici correttivi da applicare ai risultati derivanti dall’applicazione degli studi, che tengono conto di alcune grandezze e variabili economiche e delle relative relazioni, modificate a seguito del perdurare della crisi economica nel corso del 2016, tra cui si ricordano:
  • le contrazioni più significative dei margini e delle redditività
  • il minor grado di utilizzo degli impianti e dei macchinari
  • la riduzione dell’efficienza produttiva
  • le riduzioni delle tariffe per le prestazioni professionali
  • gli andamenti congiunturali negativi intervenuti nell’ambito dei diversi settori considerati (anche in relazione al territorio di riferimento)
  • la ritardata percezione dei compensi degli esercenti attività di lavoro autonomo a fronte delle prestazioni rese.
Per l’elaborazione dei correttivi sono stati utilizzati in funzione comparativa anche i dati relativi alle dichiarazioni annuali Iva relative al 2016 (presentate entro il mese di febbraio 2017).
Infine, per avere un riscontro concreto sul grado di significatività e di efficacia degli interventi correttivi, sono state acquisite, con riferimento a un campione significativo di contribuenti, informazioni di natura strutturale e contabile.
 
Le “limature” approvate per adattare gli studi di settore alla congiuntura economica del 2016 sono riconducibili ai seguenti ambiti:
  • analisi dell’efficienza produttiva
  • interventi relativi all’analisi di normalità economica
  • interventi relativi all’analisi di coerenza economica.
Ai risultati derivanti dall’applicazione degli studi di settore sono applicati i seguenti interventi correttivi:
  • correttivi congiunturali di settore
  • correttivi congiunturali territoriali
  • correttivi congiunturali individuali.
Tali correttivi sono applicati ai contribuenti che, per il 2016, presentano ricavi/compensi ai fini della congruità inferiori al ricavo/compenso puntuale di riferimento derivante dall’applicazione dell’analisi di congruità e di normalità economica.
Ciascuno dei correttivi deve essere applicato secondo la sequenza indicata nell’elenco riportato sopra e può comportare una riduzione dei ricavi/compensi stimati dallo studio di settore. La riduzione si applica sia al ricavo/compenso puntuale sia al ricavo/compenso minimo.
Gennaro Napolitano
pubblicato Mercoledì 17 Maggio 2017

I più letti

immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
immagine di una donna che controlla un bilancio
È colpevole di omesso o insufficiente esercizio del potere di controllo sullo svolgimento degli affari e consultazione della contabilità nonché del diritto a ottenere il rendiconto dell'attività
immagine con una lampadina spenta in mezzo ad altre accese
A questa, e non già all'oggetto sociale come definito dall'atto costitutivo, occorre avere riguardo per verificare se una determinata operazione va considerata nel conteggio
Gli intermediari intervenuti nella stipula devono comunicare nome, cognome e codice fiscale di chi affitta, durata, importo del corrispettivo lordo e indirizzo dell’immobile
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
immagine di un calendario con 4 pro memoria
Nella GU di oggi è stato pubblicato il decreto che ridefinisce il calendario dei versamenti per il 2018, offrendo la possibilità di evitare il sovrapporsi di più scadenze in un unico giorno
Confermate le novità in materia di iper ammortamento, redditometro, split payment, credito d’imposta ricerca e sviluppo, prelievo erariale unico e società sportive dilettantistiche
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
immagine di persone che hanno uno scopo comune
L'oggetto di una società lucrativa e di una assistenzialistica può in linea di massima essere lo stesso, è l'obiettivo finale che funge da discrimine tra le due compagini
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
immagine di un blocco di partenza di una gara di corsa
Si tratta di quelli derivanti dalle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali dell'associazione o della società, cioè strutturalmente funzionali all'attività praticata
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino